Domani la presentazione del PNRR. Le schede. Le richieste del Faim di coinvolgimento dell’emigrazione Italiana

Domani il piano nazionale di ripresa e resilienza sarà sul tavolo di palazzo Chigi per l’approvazione ed entro fine mese dovrà essere inviato a Bruxelles. Le nuove bozze indicano interventi che valgono in tutto 220 miliardi di euro. Di questi 190 arrivano dall’Ue (120 miliardi di prestiti e 70 di trasferimenti) e altri 30 miliardi sono finanziati attraverso deficit .

Queste ultime sono quindi risorse nazionali, più flessibili nell’impiego poiché non hanno gli stessi vincoli di destinazione, tempi e scadenze di quelli europei. Ci sono poi un’altra quindicina di miliardi tra programma React Ue (13,5 mld) e Just transition fund (1,5) che alzano l’ammontare a disposizione del Governo per spingere la ripesa fino a quasi 240 miliardi di euro.

L’architettura del piano rimane più o meno la stessa del governo Conte: 6 macro missioni (Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura; transizione verde; infrastrutture e mobilità; istruzione e ricerca; inclusione e coesione; salute) che si dettagliano in 16 capitoli ciascuna. Anche le cifre non cambiano molto, vengono suddivise tra piano e fondo a deficit in cui sono inseriti interventi che necessitano di vincoli più blandi.

Nel complesso vengono individuati 135 investimenti e 7 riforme. Tra queste 3 riguardano la pubblica amministrazione (trasformazione, accesso e competenze), poi c’è la riforma del sistema della proprietà industriale, quella della formazione obbligatoria per la scuola, le politiche attive del lavoro e la riforma della medicina territoriale.

SCHEDE

Presentazione PNRR

 

Leggi anche le richieste dell’Associazionismo dell’emigrazione (FAIM) al Governo di coinvolgimento delle nostre collettività nella realizzazione delle diverse Missioni e obiettivi del Piano.

 

 

 

 

Hits: 24

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.