Nuovo Paese, rivista della Filef Australia è on line

Democrazie difettose

 

Solo un sistema elettorale corrotto potrebbe lasciare agli americani Joe Biden e Donald Trump come scelte per le elezioni presidenziali del prossimo novembre.

Come qualcuno ha ironicamente affermato, a novembre gli americani potranno scegliere il film che vorranno vedere per i successivi quattro anni: Weekend at Bernie’s o American Psycho.

È inconcepibile che Biden e Trump siano i migliori candidati alla guida del governo della più grande superpotenza globale che eccelle in molti settori tranne che nella democrazia.

Biden e Trump, ognuno per le sue ragioni, sono seriamente criticati in quanto non sono difensori delle persone o del bene pubblico.

Tuttavia, sarebbe sciocco e ingenuo pensare che gli influencer, i quali orientano il voto americano, siano dei ribelli.

Sebbene non siano trasparenti, le scelte fatte agli elettori sono attentamente calibrate.

L’autore italiano Giuseppe Tomasi di Lampedusa, descrivendo i processi politici nel suo classico Il Gattopardo ci ricorda che “se vogliamo che le cose rimangano come sono, le cose dovranno cambiare”.

Allontanandosi dal diritto internazionale durante la dottrina del cambio di regime, gli Stati Uniti hanno beneficiato di un inetto George W. Bush e più tardi, per riconquistare credibilità, hanno dato agli elettori la possibilità di scegliere un eloquente – e nero – Barak Obama.

Sempre più elettori sono costretti a scegliere il meno antipatico tra i candidati predeterminati.

È quello che è accaduto nelle recenti elezioni britanniche, in cui gli elettori hanno voltato le spalle ai conservatori. Tuttavia, nonostante la maggioranza parlamentare laburista, la percentuale di voto è stata solo marginalmente superiore a quella delle elezioni precedenti.

Anche le elezioni francesi sono state caratterizzate dal voto contrario anziché a favore, laddove i partiti di centro e di sinistra si sono coalizzati per evitare la vittoria dell’estrema destra.

Resta da vedere se (e per quanto) le democrazie disfunzionali riusciranno ancora a bloccare il reale cambiamento socio-economico verso l’uguaglianza, semplicemente cambiando le leadership.

 

Defected democracies

 

Only a corrupt electoral system could leave Americans with Joe Biden and Donald Trump as choices for next November’s presidential elections.

As someone satirically put it, Americans in November will have a choice to elect the movie they want to watch for the following four years – Weekend at Bernie’s or American Psycho.

It is inconceivable that Biden and Trump are the best candidates to head the government of the greatest global superpower which excels in many areas but not democracy.

Biden and Trump, for respective reasons, are seriously flawed as advocates for people or the public good.

However, it would be foolish and naïve to think that the influencers, who decide the voting choice Americans can have, are wayward.

Although not transparent, choices put to voters are carefully calibrated.

Author Giuseppe Tomasi di Lampedusa in his Italian classic The Leopard reminds us of political processes that argue “if we want things to stay as they are, things will have to change”.

In straying from international law during its regime change doctrine the US benefited from an inept George W Bush and later, to regain credibility, it benefited from giving voters the choice of an eloquent – and black – Barak Obama.

More and more voters are left to choose the least disliked of the predetermined candidates.

This was the case in the recent British elections where voters turned their backs on the Conservatives, but despite Labour’s parliamentary majority its voting percentage was only marginally more than the previous election.

The French election also was characterised by voting against rather than voting for where the centre and left parties galvanised to thwart a win by the extreme right.

It is to be seen if dysfunctioning democracies can continue to stall real socio-economic change for equality, by changing leaderships.

 

Scarica o leggi il n. 7/2024 di Nuovo Paese

NP_luglio 2024

Views: 25

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.