“Il costo della vita e il prezzo di una vita”: on line Nuovo Paese, mensile della Filef Australia – Maggio 2022

Il costo della vita e il prezzo di una vita

Un numero sempre maggiore dei quasi otto miliardi di persone che popolano il mondo sta lottando; chi per la vita, chi per il sostentamento.

Fino a poco tempo fa le società in stile occidentale sembravano immuni dai travagli conosciuti dalle persone dei paesi un tempo conosciuti come il Terzo Mondo.

Ora questi sistemi economici sono sempre più incapaci di superare i problemi importanti, nonostante la loro ancora relativa ricchezza.

Il prezzo della vita può essere mantenuto più alto che nelle molte regioni del mondo dilaniate dalla guerra, spesso ignorate anche se vivono situazioni più tragiche della guerra in Ucraina, ma il costo della vita sta generando miseria e profonde divisioni.

L’inquietudine in Occidente è comune a tutte le società, anche se differisce nella forma e nell’espressione.

Il governo della coalizione liberale australiana con la scusa del Covid ha donato almeno $ 20 miliardi ad imprese che non ne avevano bisogno, e queste hanno realizzato più profitti che mai, mentre nel suo bilancio del 29 marzo ha donato $ 250 ai pensionati e ai beneficiari del welfare, presumibilmente per sostenere il costo della vita.

Il pagamento in contanti, che non copre nemmeno la bolletta della luce, e il taglio per sei mesi dell’accisa sul carburante, sono inutili in assenza di un giusto e sostenibile equilibrio tra prezzo e reddito e pagamenti adeguati di welfare.

I costi della vita insopportabili e paralizzanti sono una caratteristica globale, tranne per il fatto che sono più brutali nei paesi poveri dove di conseguenza, paradossalmente, il prezzo della vita può essere basso.

Le discrepanze economiche strutturali e di ricchezza, alla base del costo della vita, sono al centro dell’insicurezza interna e internazionale che ostacola la cooperazione e la pace globali.

Il militarismo può essere in grado di sopprimere o contenere queste discrepanze emergenti e radicate, ma la vera sicurezza può arrivare solo quando si prende in seria considerazione la sicurezza degli altri.

The cost of living and price of life

A growing number of the world’s nearly eight billion people are struggling; some for their lives, many for their livelihood.

Up until recently Western style societies appeared immune from the travails of people in countries once known as the Third World.

Now these economic systems are increasingly incapable of overcoming intractable problems despite their still relative affluence.

The price of life may be held higher than in the world’s many war torn regions, often ignored even if more tragic than the Ukraine war, but the cost of living is breeding misery and deep divisions.

The restlessness in Western style societies is common even if it differs in form and expression.

Australia’s Liberal Coalition Government under the cover of Covid gave at least $20 billion to businesses who did not need it, as they made more profit than ever, while in its March 29 Budget gave $250 to pensioners and welfare recipients, purportedly to assist with cost of living pressures.

The cash payment, which will not even cover one electricity bill, and the cut in fuel excise for six months, are purposeless in the absence of a just and sustainable prices and income balance and liveable welfare payments.

Unsupportable and crippling living costs are a global feature except that they are more brutal in poor countries where as a consequence, paradoxically, the price of life can be cheap.

The structural economic and wealth discrepancies, behind the cost of living, are at the heart of domestic and international insecurity that hampers global cooperation and peace.

Militarism may be able to suppress or contain these emerging  and entrenched discrepancies, but real security can only come when the security of others is seriously considered.


Leggi o Scarica Nuovo Paese – Maggio 2022

maggio 2022

 

 

Hits: 34

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.