Un ponte tra memoria e futuro. Lunedì 6 novembre, la Giornata dei Toscani nel mondo

All’Università degli Stranieri di Siena l’evento annuale per fare il punto sull’emigrazione toscana passata e presente. Spazio anche all’opera di artisti toscani all’estero e la celebrazione del musicista José Antonio Abreu. Intervengono, tra gli altri, il presidente Giani e il rettore Montanari

 

Un quadro aggiornato sull’emigrazione toscana attraverso il confronto tra “vecchi” e “nuovi” emigrati e la presentazione di studi regionali sulla nuova emigrazione. Un focus sull’opera di artisti toscani all’estero, assieme alla celebrazione di José Antonio Abreu, musicista venezuelano di origine elbane che con il suo metodo didattico ha diffuso l’apprendimento della musica classica tra i giovani delle periferie.

Sono alcuni temi e momenti attorno ai quali si svilupperà l’edizione 2023 della Giornata annuale dei Toscani nel mondo, in programma lunedì prossimo 6 novembre presso l’Università degli Stranieri di Siena, nella sede di via Pispini 1.

La giornata, dal titolo “Un’idea di Toscana. Un ponte tra memoria e futuro”, è organizzata dalla Regione nell’ambito della legge regionale 26/2009. Prenderà il via alle 9.15 con i saluti del rettore di Unistrasi Tomaso Montanari e l’introduzione del presidente Eugenio Giani. Nel corso dei lavori interverranno anche membri dei Consiglio dei Toscani nel mondo, organismo rappresentativo regionale, come Ilaria Del Bianco e il consigliere regionale Mario Puppa.

La prima parte dell’evento metterà al centro le tematiche più importanti e ricorrenti che riguardano gli emigrati toscani all’estero. Mentre il pomeriggio sarà dedicato alle testimonianze e alla cultura.

Tre i panel mattutini. Il primo prevede un confronto tra esponenti delle associazioni dei Toscani nel Mondo, storicamente protagoniste dei progetti regionali per l’emigrazione, e rappresentanti della “nuova emigrazione”. Sarà l’occasione per fornire elementi utili a delineare la stato attuale dell’emigrazione toscana. Nel corso del secondo panel verranno illustrati recenti studi regionali, elaborati in Toscana, Emilia-Romagna e Sardegna. Il terzo panel prevede interventi sulle tematiche più rilevanti per le comunità toscane all’estero, dalla diffusione della lingua e della cultura italiana alla formazione per i giovani discendenti toscani, alle problematiche affrontate dagli expat, fino alle opportunità del progetto del Ministero degli Affari Esteri sul Turismo delle Radici.

Nel primo pomeriggio, spazio a musica, arte e letteratura. Oltre alla presentazione di un video realizzato dalle associazioni dei Toscani nel Mondo, è in programma il ricordo del maestro José Antonio Abreu, fondatore del cosiddetto “El Sistema”, metodo didattico molto apprezzato e utilizzato anche in Italia, che ha consentito la diffusione della musica classica tra i ragazzi delle periferie del Sudamerica. La sezione sarà arricchita dall’esibizione di un quartetto di archi della Scuola di Musica di Fiesole.

La giornata si concluderà con interventi di approfondimento sull’esperienza all’estero di alcuni artisti toscani. Tomaso Montanari si occuperà del viaggio di Bernini a Parigi, Emanuele Zappasodi parlerà dell’esperienza di Gherardo Starnina in Spagna, Marco Campigli del gruppo di artisti toscani a Fontainebleau.

In chiusura le letture a cura dell’Università per stranieri di Siena che proporranno un percorso tra Pascoli e Ungaretti sulla migrazione nella letteratura.

Sarà possibile seguire i lavori sul canale YouTube di Unistrasi.

Il programma della giornata

 

 

FONTE: https://www.toscana-notizie.it/web/toscana-notizie/-/un-ponte-tra-memoria-e-futuro.-luned%C3%AC-6-la-giornata-dei-toscani-nel-mondo

 

 

Views: 109

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.