Schiavone (Cgie): dopo 12 anni si (ri) parla di italiani all’estero. Mercoledì al via a Roma IV Conferenza plenaria Stato-regioni-Cgie

Roma, 9 dic. (askanews) – Inizia mercoledì a Roma la IV Conferenza plenaria Stato-regioni-provincie autonome-Cgie, una tre giorni che servirà a definire le linee programmatiche delle future politiche per gli italiani all’estero: all’appuntamento – che sarà aperto da un messaggio di saluto del Presidente Sergio Mattarella – parteciperanno diversi Ministri, fra cui il titolare della Farnesina Luigi di Maio.

Askanews ha intervistato il Segretario generale del Consiglio generale degli Italiani all’estero, Michele Schiavone cui spetterà il compito di chiudere i lavori e che ha illustrato temi e obbiettivi della conferenza, che non si teneva da dodici anni “benché la legge istitutiva preveda di convocare questi appuntamenti ogni tre anni”, come sottolinea lo stesso Schiavone.

“Per noi è un momento particolare perché a distanza di anni ritorniamo a parlare di questioni legate alle politiche degli italiani all’estero coinvolgendo il governo, diversi ministri – parteciperanno oltre dieci ministri in due giorni, scaglionati in quattro sessioni differenti al prima delle quali è dedicata alla nuova emigrazione italiana e alla mobilità; successivamente nella giornata di giovedì è prevista un’intervista al ministro della Cultura, Dario Franceschini, e si discuterà poi di diritti e cittadinanza e della rappresentanza degli italiani all’estero. Gli argomenti riguardano la vita degli italiani all’estero, che in questa fase di difficile transizione dovranno ragionare sul proprio futuro per impegnare i futuri governi, partendo da quello attale, a definire le linee guida programmatiche affinché ci sia un recupero della vita degli italiani all’estero nel sistema paese della nostra Italia.

Ovviamente saranno giorni intensi, partecipati, le sessioni saranno più meno delle tavole rotonde moderate da giornalisti di alto profilo nazionale e noi auspichiamo che in tutti questi passaggi si arrivi a definire davvero le potenzialità che rappresenta questo nostro mondo. Al termine di questi lavori nella giornata conclusiva di venerdì mattina spetterà al ministro del Lavoro Andrea Orlando concludere con un documento finale questo nostro programma.

Abbiamo lavorato con intensità, dedizione per lungo tempo e siamo contenti che finalmente le questioni degli italiani all’estero vengano poste sotto la lente e all’attenzione del nostro Paese, e ci auguriamo che possa diventare questo un movimento per il rilancio della nostra partecipazione nel sistema nazionale italiano”.

 

FONTE: https://www.askanews.it/esteri/2021/12/09/schiavone-cgie-dopo-12-anni-si-parla-di-italiani-allestero-pn_20211209_00127/

Hits: 94

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.