La Filef in ricordo di Maria Immacolata Macioti

Maria Immacolata Macioti ha accompagnato la Filef in varie iniziative nel corso degli ultimi venti anni. Fece parte della giuria della 5°, 6° e 7° edizione del Premio di narrativa, memorialistica, studi e ricerche intitolato a Pietro Conti. Nel 2007 curò direttamente la realizzazione di un’antologia dei migliori racconti del Premio, insieme a Daniele Comberiati, scrivendone l’introduzione.

Ci ha aiutato a far emergere la poco conosciuta dimensione dell’emigrazione italiana, invitandoci anche a tenere degli interventi all’interno dei suoi corsi universitari, partecipando ad iniziative del Cgie e più recentemente, insieme a Grazia Moffa, impostando una ricerca su giovani donne emigrate, che la Filef porterà avanti con il contributo del comitato scientifico, di cui era parte.

Proprio discutendo di questa iniziativa ha partecipato a molti incontri in teleconferenza, fino a pochi giorni prima della sua improvvisa morte, manifestando in ogni occasione un profondo interesse alle diverse situazioni della nostra emigrazione e grande disponibilità.

Enrico Pugliese nell’atto di ricordo tenutosi oggi ha ricordato il suo costante impegno per i migranti che ha caratterizzato buona parte della sua lunga attività di ricerca e molte sue pubblicazioni, assieme all’impegno verso la realtà sociale romana, un impegno praticato nelle borgate e nelle periferie, una ricerca dal basso condivisa con Franco Ferrarotti, sulla scia di quanto aveva fatto con altri strumenti interpretativi, Pierpaolo Pasolini.

La sua scomparsa lascia un vuoto nel mondo della cultura del nostro paese e di chi l’ha conosciuta e apprezzata anche per la rara qualità, pur da grande intellettuale, di avvicinarsi alle persone con modestia e capacità di mettere a proprio agio i propri interlocutori nella prospettiva di un comune percorso verso l’ obiettivo della giustizia sociale e di maggiori diritti per tutti.

Grazie Minette, per tutto quanto hai fatto e scritto. Con l’impegno di esplorare meglio il tuo variegato ed eclettico pensiero che era insieme razionale e tuttavia aperto a una dimensione filosofica e olistica di cui c’è grande bisogno.

 

Rodolfo Ricci

(Filef)

Hits: 100

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.