Australia: studio, nei prossimi 40 anni forte calo natalità. Problemi demografici se non ci sarà aumento immigrazione

(ANSA) – SYDNEY, 28 GIUGNO – Nel corso dei prossimi 40 anni il tasso di natalità in Australia subirà un drammatico calo, portando a problemi demografici di lungo termine, se non vi sarà un ritorno a una forte immigrazione. Sono previsioni del Rapporto Intergenerazionale, che ogni cinque anni mappa come sarà l’Australia nei quattro successivi decenni.

Il rapporto attribuisce il declino nella natalità al fatto che le donne fanno figli più tardi nella vita, e ne hanno di meno. Il tasso di fecondità di lungo termine si prevede scenderà entro il 2031 fino a 1,62 figli per donna, e così resterà fino al 2061, in netto calo rispetto alle previsioni del 2015 di 1,9 figli in media.

“Questo significa che l’economia si restringerà e la popolazione australiana sarà più vecchia di quanto sarebbe stata altrimenti, con ripercussioni per i nostri risultati economici e fiscali”, ha osservato il ministro del tesoro Josh Frydenberg nel presentare il documento. E’ probabile quindi che il governo si concentri ancora di più in un “programma di immigrazione mirato alle competenze”, per compensare l’invecchiamento della popolazione.

Il rapporto indica infatti che la popolazione continua a invecchiare, con aumento dell’aspettativa di vita, con 80,9 anni per l’uomo e 85 per le donne nel 2018, a 86,8 anni per gli uomini e 89,3 per le donne nel 2061, un andamento destinato a causare pressione crescente sui sistemi sanitario e pensionistico. (ANSA)

Hits: 190

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.