Treno 8017, ultima fermata 3 marzo 1944: il 17 febbraio, la rievocazione del disastro a Reggio Emilia

Il 3 marzo 1944 nella galleria “Delle Armi”, nei pressi della stazione di Balvano-Ricigliano, provincia di Potenza, avvenne il più grande disastro ferroviario della storia d’Italia.

Il treno merci 8017, che trasportava abusivamente numerose persone, si fermò all’interno del tunnel e non riuscì a proseguire in quanto troppo pesante per la pendenza della linea.

I tentativi falliti di smuovere il mezzo messi in atto dalle due locomotive produssero elevate quantità di gas di scarico tossici che provocarono il decesso di oltre 500 persone.

Secondo i dati forniti dall’allora Consiglio dei ministri, la tragedia provocò 517 morti; secondo alcuni le vittime sarebbero di più, forse più di 600 vittime. Alcuni sopravvissuti, 90 in totale, riportarono danni permanenti.

La tragedia, avvenuta quasi al termine della seconda guerra mondiale venne sottoposta a censura dalle forze alleate; solo nel dopoguerra furono eseguite indagini più accurate, ma restarono parecchi interrogativi a causa dell’irreperibilità di alcune documentazioni.

Per iniziativa della associazione Lucani di Reggio Emilia, quella tragedia sarà rievocata sabato prossimo, 17 febbraio, al centro sociale di Rosta Nuova. Filef Reggio Emilia aderisce e invita a partecipare.

 

 

 

Visits: 37

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.