BILANCIO 2021: ALTRA OCCASIONE PERSA, AUMENTANO I DIPLOMATICI, NIENTE RISORSE PER STIPENDI DEGLI IMPIEGATI A CONTRATTO

BILANCIO 2021 – UNSA ESTERI, ALTRA OCCASIONE PERSA, AUMENTANO I DIPLOMATICI, NIENTE RISORSE PER STIPENDI DEGLI IMPIEGATI A CONTRATTO, SI PENSA SOLO AL SUPERFLUO MA NON AL FUTURO DELLA RETE ESTERA

 

“Altro che pragmatismo e lungimiranza, ciò che emerge dagli emendamenti alla legge di bilancio per il 2021 approvati in queste ore è la priorità data al superfluo e all’orpello unita ad una totale incomprensione delle reali esigenze della nostra rete estera chiamata a fronteggiare un’emergenza epidemiologica, socio-economica e politica senza precedenti”.

Lo dichiara in una nota, Iris Lauriola, segretario nazionale della CONFSAL-UNSA ESTERI. “Ci è stato dato un contentino con un incremento irrisorio del personale di ruolo e a contratto su cui sarebbe stato prioritario invece procedere con un vero e proprio investimento in termini assunzionali – spiega – trattandosi del vero e proprio baluardo operativo delle nostre sedi, ormai prive di impiegati di queste due categorie come tristemente dimostra l’ultima lista invernale dei trasferimenti”.

 

“Ci è rimasta l’elemosina del fondo per l’adeguamento stipendiale degli impiegati a contratto locali, così come rifinanziato nel  decreto milleproroghe 2020 – continua Lauriola – equivalente a pochi spicci che non serviranno praticamente a nulla, visto che il Ministero con quei soldi dovrà anche tappare i buchi del disastro derivante dall’entrata in vigore del Regolamento CE 883, metafora dell’inadeguatezza dell’Amministrazione che pretende di lavarsi la coscienza per i danni recati alla categoria servendosi degli stessi soldi dati come carità ai contrattisti”.

 

“Le assunzioni previste con uno degli emendamenti pari a 150 dipendenti tra II e III aree funzionali rappresentano una goccia nell’oceano che servirà a ben poco rispetto alle reali esigenze della rete estera – spiega – e in questa delicata fase è verosimile che anche i nuovi assunti non siano del tutto propensi a dirigersi verso sedi oltre confine, magari disagiate sotto il profilo sanitario.  Sarebbe stato segnale di capacità amministrativa e di visione prospettica investire anche sui dipendenti locali consentendone l’immissione nei ruoli mediante concorso ad hoc, che avrebbe dato la garanzia di una permanenza all’estero certa, una conoscenza di lingua e dinamiche socio-economiche ed una competenza già maturata sul campo, ma si sa che il pragmatismo non appartiene a questa Amministrazione”.

 

Lauriola conclude.” Sono proprio curiosa di vedere nei prossimi mesi come la squadra di giovani diplomatici, di cui si è autorizzata l’assunzione in bilancio, si destreggerà con sedi e uffici vuoti di personale di ruolo e se sarà in grado di attuare quel patto per l’export tanto sventolato nei social e nei media dai nostri politici. Forse in quel momento si comprenderà che senza dipendenti non si cantano messe”.

 

Roma, 23.12.2020                                                         CONFSAL UNSA COORDINAMENTO ESTERI

Hits: 89

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.