MISSIONE SINDACATI ARGENTINI IN ITALIA COORDINATA DALL’USEF

Si è conclusa la missione in Italia del sindacato di Rosario Luz y Fuerza. E’ da tempo che il Centro studi Italo Argentino dell’USEF di Rosario presieduto da Salvatore Finocchiaro, lavora a questo progetto di alleanze con il mondo sindacale argentino, al fine di potere fornire nuovi servizi sia alla comunità italiana, che ai soci dei vari sindacati che hanno aderito al progetto.

Una delle iniziative del progetto, voluto anche dai sindacati è stata quella di preparare una serie di incontri sia in Sicilia che a Roma con i sindacati italiani.

La delegazione arrivata in Sicilia il 7 settembre scorso il 9 settembre, ha trascorso la giornata negli incontri programmati dal Segretario generale dell’USEF Salvatore Augello.

Ad incontrare per prima, la CGIL regionale che ha partecipato con una nutrita delegazione capeggiata dal segretario generale Alfio Mannino, della quale facevano parte Giuseppe D’Aquila segretario generale attività produttive, Mimma Argurio componente della segreteria generale, Salvatore Tripi presidente dell’INCA regionale ed altri rappresentanti. Il sindacato argentino invece era rappresentato da Pablo Pelleiro vice segretario generale del sindacato Luz y Fuerza e dei vari sindacati di categoria in essa presenti, Nestor Salvatierra responsabile dell’area delle relazioni internazionali e Leonardo Passerini segretario di categoria. L’USEF invece era rappresentata dal suo presidente Sen. Angelo Lauricella, dal segretario generale Salvatore Augello e dal coordinatore per l’Argentina e presidente del centro studi Salvatore Finocchiaro.

Interessante lo scambio di idee sulle energie alternative, sulla sicurezza sul lavoro, sulla riconversione del personale espulso dalla globalizzazione ed altre problematiche ancora. La riunione introdotta da Salvatore Augello che ha spiegato il ruolo dell’USEF in questa iniziativa che rientra nel quadro di una politica di alleanze portata avanti dall’associazione è proseguita con l’intervento del segretario generale Alfio Mannino. Il segretario generale della CGIL Sicilia, ha sottolineato la positività dell’incontro che mira ad arricchire i partecipanti, attraverso lo scambio di idee e di esperienze che da esso possono venire fuori. Il tutto nell’ambito di una sinergia che verrà concretizzata a Roma con un accordo di collaborazione tra le tre sigle: CGIL, Luz y Fuerza, USEF, alle quale si aggiungerà anche la UIL.

Conclusa positivamente la mattinata, nel pomeriggio la delegazione si è incontrata con la UIL regionale rappresentata da Claudio Barone, con la quale ha trattato le stesse problematiche della mattina. Anche di questa riunione, la delegazione si è dichiarata soddisfatta nella convinzione che gli estremi per una proficua collaborazione con i due sindacati ci siano tutti.

La positività degli incontri fa bene sperare per il futuro. La delegazione si è ritrovata a Catania nella sede di Hastag Sicilia, dove era ad attendere il segretario generale dell’USEF unitamente ai padroni di casa Salvatore Bonura e Valerio Musumeci.

L’incontro è stato preceduto da una intervista a cura di Valerio Musumeci a Salvatore Augello che con l’occasione ha presentato il suo libro “Eroi con la valigia”.

E seguire, un interessante scambio di idee tra i presenti, che si è concluso con l’accordo di gemellare i link delle rispettive pagine web in modo da interscambiarsi le informazioni dei tre soggetti protagonisti dell’incontro.

La delegazione, che ha approfittato per visitare Catania il museo dello sbarco in Sicilia del 1943, qualche giorno dopo si è trasferita a Roma, dove erano pronti altri incontri.

L’On. Fabio Porta e Salvatore Finocchiaro, hanno ricevuto la delegazione nella capitale d’Italia, mentre in costante collegamento telefonico dalla Sicilia seguiva il segretario generale dell’USEF.

Il 16 settembre alle 12,00 il primo incontro con la UIL Nazionale, per confrontarsi anche in quella sede sulle problematiche di interesse comune e per continuare lo scambio di esperienze iniziato a Palermo. Nel pomeriggio, un interessante incontro è avvenuto in Via del Nazzareno, con il responsabile esteri del PD Luciano Vecchi per discutere delle problematiche e delle iniziative possibile da portare avanti in collaborazione, in favore degli italiani all’estero e nello specifico in Argentina. Presente all’incontro anche Afono Grassi della direzione nazionale delle ACLI e presidente del patronato in Argentina.

Di grande interesse il 18 mattina, l’incontro con Lillo Oceano responsabile internazionale  della Filctem Cgil, e Michele Magliaro presidente nazionale dell’INCA. Nel corso dell’incontro, oltre che di energia alternativa, si è parlato di economia e sviluppo solidali, delle esperienze portate avanti in Argentina nei quartieri poveri, delle possibili sinergie che possono svilupparsi tra gli enti coinvolti in questa interessante missione. Con Michele Magliaro, dell’INCA, si è affrontato il problema dei patronati all’estero, del loro ruolo, della necessità di fornire sempre servizi utili allargando la sfera degli stessi alle necessità del territorio. Su questa linea si muove l’USEF, come ha spigato il coordinatore per l’America Latina Salvatore Finocchiaro, che da tempo persegue per conto dell’USEF una politica di alleanze per dare maggiore visibilità all’associazione da un canto, ma anche per intervenire nelle politiche attive sul territorio che interessano la comunità italiana e per dare un nuovo senso ed un nuovo ruolo all’attività associativa.

Un ruolo che in questi ultimi anni sta coinvolgendo tutta la struttura dell’USEF non solo in Argentina, ma anche là dove l’associazione ha proprie sedi ed uffici, come ad esempio in Belgio, in Francia ed in altre località.

Positivo il bilancio dell’intera missione che rappresenta l’inizio di una nuova rotta politica da seguire e che sarà anche oggetto di riflessione nella prossima riunione della Direzione Generale dell’USEF.

 

(Salvatore Augello)

19 settembre 2019

Hits: 527

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.