Australia, l’aumento medio dell’aliquota fiscale è superiore ai paesi OCSE

L’aliquota fiscale media dell’Australia è aumentata del 7,6% nell’anno finanziario 2022-23, la più grande tra i 38 paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE). I dati, pubblicati nell’ambito del rapporto annuale dell’OCSE sulla tassazione dei salari, mostrano che un singolo australiano senza figli che guadagna un salario medio, ha pagato 24.791 dollari di imposta sul reddito, pari al 24,9% del salario lordo.

L’OCSE ha affermato che l’aumento del 7,6% è avvenuto per due ragioni: la fine della compensazione fiscale e lo spostamento dello scaglione. Il rapporto afferma che la fine della compensazione fiscale del reddito medio e basso (LMITO, colloquialmente nota come Lamington) il 30 giugno 2022 ha comportato un aumento del carico fiscale per i redditi bassi e medi.

L’OCSE ha riscontrato che i guadagni nominali – o il denaro pagato dai datori di lavoro ai lavoratori – sono aumentati a causa della maggiore inflazione, che ha comportato che una percentuale maggiore della retribuzione dei lavoratori passi in uno scaglione fiscale più alto e venga tassata a un’aliquota più elevata, nota anche come bracket creep. .

Il termine Bracket creep descrive una situazione in cui la crescita del reddito induce gli individui a pagare ogni anno aliquote medie di imposta sul reddito più elevate. Si tratta del risultato di un sistema fiscale che prevede una serie di scaglioni fiscali.

L’Australia è uno dei paesi OCSE con un sistema di imposta sul reddito che non adegua automaticamente i propri scaglioni fiscali all’aumento del reddito. L’anno scorso, coloro che guadagnavano due terzi del salario medio (66.709 dollari) pagavano il 20,2% di imposte sul reddito, equivalenti a 13.475 dollari. Si tratta del livello più alto di pressione fiscale dal 2000.

In confronto, coloro che guadagnavano due terzi del salario medio nel 2022 (64.142 dollari) avevano un carico fiscale sul reddito molto più basso, pari al 17,2%, ovvero 11.033 dollari.

In altre parole, nonostante i salari di questo gruppo aumentino di 2.567 dollari in un anno, un singolo lavoratore australiano senza figli che percepisce i due terzi del salario medio si trova in una situazione migliore di soli 125 dollari in termini nominali, e molto peggio se si considerano gli effetti dell’inflazione sul reddito. viene preso in considerazione il costo della vita.

Nel frattempo, gli australiani single che guadagnano il 167% del salario medio nel 2023 – ovvero 166.274 dollari – hanno visto il loro carico fiscale aumentare al 34%, equivalente a 56.533 dollari. Nel 2022, gli australiani single che guadagnavano la stessa percentuale del salario medio – ovvero 159.877 dollari – avevano un carico fiscale del 33,2%, equivalente a 53.079 dollari.

FILEF Australia

Views: 27

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.