È nato il Coordinamento italiano delle Diaspore: “Ora protagoniste della Cooperazione”

Presentata la rete formata da oltre 100 associazioni con Le Reseau e l’Organizzazione internazionale delle migrazioni

 

ROMA – “Non siamo qui per caso ma perché dobbiamo esserci” scandisce Ana Estrela, da 26 anni in Puglia, origini brasiliane e idee chiare. Oggi rappresenta le oltre cento associazioni parte del Coordinamento italiano delle diaspore, nuova rete per la cooperazione internazionale.

“IL CORAGGIO DI SPARIGLIARE”

Siamo nella redazione dell’agenzia Dire, a Roma. E l’ambizione non è solo esserci ma farlo da protagonisti. “Vi incoraggio a sparigliare, a trovare forme nuove di coinvolgimento” l’invito di Laurence Hart, direttore per il Mediterraneo dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim). Parla delle diaspore come di un modello, in cerca di “modalità innovative”, sia di aiuto e solidarietà che di programmazione per lo sviluppo. “Questa è una buona pratica italiana alla quale l’Europa può ispirarsi” dice Hart del Coordinamento, nato grazie ad anni di confronti e sinergie e già attivo (per ora) in nove regioni: Piemonte, Lombardia, Liguria, Trentino, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Puglia, Sicilia e Sardegna.

IL PERCORSO TRACCIATO DALLA LEGGE DEL 2014

Accanto ad Hart c’è Estrela, animatrice a Bari dell’associazione culturale Origens, ora anche neo-vicepresidente del Coordinamento. Più a destra il presidente, Bertrand Mani Ndongbou, laziale e camerunense, e Cleophas Adrien Dioma, parmigiano e burkinabé, fondatore di Le Reseau. Un laboratorio di iniziative, questo, da anni in prima fila perché la legge 125 del 2014 di riforma della cooperazione italiana allo sviluppo mantenga le promesse: le diaspore, che abbiano radici africane, latino-americane, europee o asiatiche, devono essere protagoniste per la loro caratteristica di ponte verso i Paesi e le realtà d’origine.

PIANO MATTEI ALLA PROVA

E il Coordinamento, presentato con una conferenza stampa alla Dire nel giorno stesso della costituzione formale, guarda già avanti. “Il Piano Mattei deve coinvolgere anche le diaspore e quindi dobbiamo elaborare subito delle proposte” l’appello di Dioma, in riferimento all’iniziativa del governo italiano per l’Africa, al centro della conferenza di Roma del 28 e 29 gennaio prossimi. “Parlare del continente senza di loro non ha senso”. L’assunto è che le comunità di origine straniera sono preziose anche per “l’apporto fondamentale dei figli dei migranti”. “Sono i nuovi italiani che crescono e studiano qui”, evidenzia Dioma, “e che portano un valore altissimo al dibattito”.

IL 10 FEBBRAIO SUMMIT NAZIONALE DELLE DIASPORE

In attesa che si definiscano contributi e contenuti del Piano Mattei c’è però un percorso già tracciato. Grazie all’impegno di Le Reseau e di Oim e con il supporto della Direzione generale per la cooperazione allo sviluppo (Dgcs) e dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), ci si incontrerà di nuovo il 10 febbraio. È questa la data annunciata per il quinto Summit nazionale delle diaspore, parte del progetto ‘Draft the Future!’. “Coinvolgeremo naturalmente il Coordinamento”, premette Dioma, “e inoltre ci impegniamo a portarlo all’interno dei lavori della Cooperazione, trovando le modalità insieme con il ministero degli Affari esteri, Aics e Oim”. Ndongbou, il neo-presidente, guarda anche indietro come per raccogliere le energie che serviranno. “Siamo arrivati qui dopo sette anni di incontri, discussioni e pure litigate, anche a tarda notte” ricorda. “Come Coordinamento adesso dovremo vedere cosa possiamo fare insieme, perché finalmente, nello spirito della legge, le diaspore siano parte della cooperazione internazionale”.

 

 

FONTE: https://www.dire.it/06-12-2023/990194-diaspore-protagoniste-e-nato-il-coordinamento-per-la-cooperazione-internazionale/

 

 

Visits: 257

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

1 commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.