Stato di emergenza e rinvio delle elezioni politiche, retroscena terremoto: cosa studia il governo

A fronte di una nuova escalation militare in Ucraina il governo potrebbe varare un nuovo stato d’emergenza ad hoc per intervenire sull’economia e sul contingentamento energetico, ma anche per rinviare le elezioni politiche previste tra fine febbraio e inizio marzo 2023. L’esecutivo di Mario Draghi si starebbe preparando a tutti gli scenari, anche quelli peggiori, e secondo un retroscena di Affaritaliani studia il varo di una “Finanziaria di guerra” che prevederebbe uno “scostamento di bilancio da almeno 15, se non 20, miliardi di euro”. Se ne parlerebbe dietro le quinte in Parlamento e nei ministeri e lo scenario contemplebbbe lo stop di Mosca all’invio di gas all’Italia come è accaduto con Polonia e Bulgaria.

Nel caso la Legge di Bilancio per il 2023 sarebbe anticipata a giugno o a luglio per finanziare nuovi interventi di emergenza per sostenere famiglie e imprese e i vari settori economici che si troverebbero a fronteggiare aumenti dei costi drammatici. “Come spiegano fonti politiche, Draghi potrebbe anche varare uno stato di emergenza strettamente legato alla guerra (diverso da quello per il Covid)”, si legge nel retroscena che parla di risparmio energetico su climatizzatori, illuminazione e riscaldamento e in tutti i settori, me si potrebbero toccare anche le pensioni.

Tra le ipotesi al vaglio anche quella di “rinviare di qualche mese le elezioni politiche”, come accaduto con quelle amministrative per il Covid. “Qualcuno ipotizza un rinvio a fine 2023 o a inizio 2024” con Draghi che resterebbe a Palazzo Chigi fino a nuove consultazioni elettorali.

 

FONTE: https://www.iltempo.it/politica/2022/05/04/news/guerra-russia-ucraina-nuovo-stato-di-emergenza-rinvio-delle-elezioni-politiche-retroscena-governo-draghi-31454388/

 

 

Hits: 52

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.