Svezia: Il disastro delle assunzioni a tempo limitato ha raggiunto il culmine

L’occupazione flessibile non porta a migliori posti di lavoro, al contrario. Lo mostra una nuova ricerca che si adatta al mercato del lavoro norvegese e svedese. Il dibattito sui lavori a tempo determinato ora deve cambiare focus, scrive Bender.

I lavori a tempo determinato sono la strada per l’occupazione a tempo indeterminato. Si dice di solito.

In pratica, molti non continueranno a lavorare meglio, ma rimarranno invece bloccati in un ciclo tra diversi lavori a tempo determinato, entrando e uscendo dalla disoccupazione o entrando e uscendo dal mercato del lavoro. Ciò vale in particolare per le persone con posizioni deboli sul mercato del lavoro, come i nati all’estero, le persone con un basso livello di istruzione e gli anziani.

Said emerge da un nuovo studio condotto da ricercatori dell’Università di Göteborg e dell’istituto di ricerca Fafo di Oslo. Lo studio è stato recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista scientifica britannica Work, Employment and Society e si basa su indagini sulla forza lavoro in Svezia e Norvegia negli anni 1997-2011, un periodo in cui la Svezia ha ricevuto significativamente più attenzione dai giornali, mentre la Norvegia aveva bisogno di una legislazione più severa.

Nello studio, i ricercatori hanno seguito i dipendenti a tempo determinato durante ogni due anni per vedere quali lavori hanno ottenuto e hanno confrontato i risultati dei paesi per quanto riguarda, tra l’altro, il background occupazionale dei dipendenti a tempo determinato, il livello di istruzione, paese di nascita ed età.

Una delle conclusioni più importanti è che l’occupazione a tempo determinato in Svezia ha portato meno spesso a una posizione più forte nel mercato del lavoro (20 per cento delle transizioni da posti di lavoro a tempo determinato) rispetto alla Norvegia (37 per cento).

Anche la Svezia ha avuto un impatto negativo sui vicoli ciechi (lavori temporanei che non portano a una posizione più forte nel mercato del lavoro): il 32 per cento dei dipendenti a tempo determinato è passato ad altri lavori a tempo determinato, è diventato disoccupato o ha lasciato il mercato del lavoro – rispetto al 18 per cento in Norvegia.

 

*) – Di Bender è responsabile della ricerca di Arena Idé e dottorando alla Stockholm School of Economics

 

FONTE: https://italienaren.org/il-disastro-delle-assunzioni-a-tempo-limitato-ha-raggiunto-il-culmine/

Hits: 14

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.