E’ scomparso oggi Michele Schiavone, segretario del Cgie. Il ricordo di Luciano Vecchi

Oggi, dopo una lunga lotta contro una implacabile malattia, ci ha lasciato il caro compagno e amico Michele Schiavone, Segretario Generale del Consiglio Generale degli Italiani all’estero (CGIE).

Figlio di emigranti, Michele si trasferì giovanissimo in Svizzera dove, accanto agli studi e al lavoro, ha sempre svolto una straordinaria attività sociale, culturale e politica, sapendo rappresentare il meglio delle comunità italiane nel mondo e battendosi sempre per la dignità e la giustizia.

Militante e dirigente nel PCI, PDS, DS e poi nel Partito Democratico, dopo avere guidato la Federazione Svizzera del PD, venne eletto nel 2016 Segretario Generale del CGIE – di cui ha fatto parte sin dal 2004 – venendo riconfermato a tale incarico nel giugno 2023.

Come Michele amava sempre ricordare, il suo incontro con la politica avvenne naturalmente e fin dalla più giovane età e ad ogni tappa della propria vicenda umana e professionale la sua militanza si è arricchita di esperienze e motivazioni ma sempre riconfermando l’essenza del proprio impegno per la giustizia e il riscatto sociale.

Pur già minato nel fisico, Michele ha rinnovato fino alla fine il proprio intelligente impegno a favore dei milioni di italiani che vivono, lavorano e studiano nel mondo.

Ci mancherai tanto, Michele.

Nello stringerci alla tua famiglia e ai tuoi più cari amici, possiamo solo prometterti di proseguire con umiltà e convinzione il cammino da te percorso con intelligenza, coerenza e onestà.

Riposa in pace, caro Michele

 

Luciano Vecchi
Responsabile per gli Italiani nel mondo del Partito Democratico

 

 

Visits: 80

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

1 commento

  1. Sono addolorato per la morte di Michele, ha svolto un ruolo.importante e l’ho conosciuto nel comune impegno per mobilitare e fare valere il punto di vista degli italiani all’estero in momenti cruciali per la Democrazia italiana.
    Condoglianze e un forte abbraccio alla famiglia e ai compagni che l’hanno apprezzato nel suo molteplice impegno
    Alfiero Grandi

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.