Sciopero: CGIL UIL confermiamo lo sciopero generale del 17 novembre e le sue modalità

Landini: confermiamo lo sciopero generale del 17 novembre, è il momento di ribellarci ad un governo che sta portando questo Paese alla malora

 

“Confermiamo insieme alla Uil lo sciopero generale del 17 novembre perché è il momento di cambiare la politica economica e sociale del governo che sta facendo pagare un prezzo solo ai lavoratori dipendenti e ai pensionati. E Salvini dovrebbe avere rispetto per i lavoratori che ci rimettono i soldi per migliorare il Paese mentre Salvini e la Lega stanno cercando di non far parlare delle cose che non hanno fatto: dovevano cambiare le pensioni e le hanno peggiorate, aumentare i salari e invece stanno calando, dovevano affrontare l’evasione e invece fanno i condoni, dovevano tassare gli extra profitti e invece niente. E’ chiaro che oggi stanno cercando di parlare d’altro e non delle debolezze e dell’incapacità che stanno dimostrando” Lo ha detto Maurizio Landini intervistato dal Tg3 nell’edizione delle 19:00 di oggi, lunedì 13 novembre. “Il Garante ha sbagliato, con una forzatura che mette in discussione il diritto di sciopero, questo è uno sciopero generale, non ha altre caratteristiche – ha poi aggiunto il segretario generale della Cgil – che ha po invitato “Tutte le lavoratrici e i lavoratori, pensionati e giovani a esserci, a scendere in piazza insieme a noi perché oggi è il momento di ribellarci ad un governo che sta portando questo Paese alla malora.

 


 

Per alzare i salari, per estendere i diritti e per contrastare una legge di bilancio che non ferma il drammatico impoverimento di lavoratrici, lavoratori, pensionate e pensionati e non offre futuro ai giovani. A sostegno di un’altra politica economica, sociale e contrattuale, che non solo è possibile ma necessaria e urgente. Queste le ragioni al centro della mobilitazione promossa da Cgil e Uil a partire dal 17 novembre.

Sono previste 5 giornate con scioperi di otto ore e manifestazioni in 58 piazze con oltre 100 presidi su base territoriale e regionale, così articolate:

Venerdì 17 novembre, 8 ore o intero turno di sciopero per tutte le lavoratrici e i lavoratori delle Regioni del Centro. Alla manifestazione di Roma in Piazza del Popolo, interverranno i segretari generali di Cgil e UIL Maurizio Landini e Pierpaolo Bombardieri. Nella stessa giornata, inoltre, le lavoratrici e i lavoratori delle categorie del trasporto, di tutto il pubblico impiego e della conoscenza sciopereranno sempre per 8 ore o intero turno, ma su tutto il territorio nazionale.

Il 20 novembre a scioperare sarà la Sicilia; alla manifestazione di Siracusa interverrà Pierpaolo Bombardieri, mentre la Sardegna sciopererà lunedì 27 novembre, Maurizio Landini chiuderà la manifestazione a Cagliari.

Venerdì 24 novembre, le 8 ore o l’intero turno di sciopero riguarderanno tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori delle Regioni del Nord; a Torino conclusioni affidate a Maurizio Landini, a Brescia a Pierpaolo Bombardieri.

Infine, venerdì 1° dicembre a incrociare le braccia per 8 ore o per l’intero turno saranno tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori delle Regioni del Sud; alla manifestazione di Napoli interviene il segretario generale della CGIL Maurizio Landini, a Bari chiuderà la manifestazione Pierpaolo Bombardieri, segretario generale della UIL.

 

FONTE: CGIL

 

 

 

LEGGI ANCHE:

 

ADESSO BASTA!

“Scioperiamo per i diritti di tutti”

Landini e Bombardieri spiegano le ragioni della mobilitazione di Cgil e Uil contro una legge di bilancio che non va nell’interesse del Paese

https://www.collettiva.it/copertine/lavoro/scioperiamo-per-i-diritti-di-tutti-w0mdyoc0

 

Visits: 134

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.