I missionari scalabriniani sull’incendio del Centro di detenzione di migranti di Ciudad Juarez in Messico che ha causato 39 morti

Dichiarazione dei Missionari scalabriniani presenti in Europa e Africa, in seguito all’incendio avvenuto nel Centro di detenzione di migranti di Ciudad Juarez in Messico

I Missionari Scalabriniani presenti in Europa e Africa si uniscono ai loro confratelli della Provincia San Giovanni Battista, presenti in America Centrale, Messico, Stati Uniti e Canada, alla Rete scalabriniana delle Case del Migrante (RedCMS) e alle famiglie delle vittime per denunciare tutti coloro che, attivamente o passivamente, hanno permesso la morte di 39 persone e il ferimento di altre 29 persone nell’incendio appiccato nel Centro di detenzione di migranti di Ciudad Juarez in Messico, al confine con El Paso in Texas, avvenuto nella notte del 27 marzo 2023.

Tutte le vittime sono uomini, maggiorenni, la maggior parte dei quali di nazionalità guatemalteca, sia deportati in Messico dagli Stati Uniti e in attesa di rimpatrio, sia arrestati dalla Polizia di Migrazione agli incroci delle strade quando chiedevano l’elemosina per sopravvivere.

La protesta dei migranti è per contestare una politica migratoria esclusivamente poliziesca e destinata alla mera repressione senza offrire reali possibilità di nuova vita a questi migranti.

In effetti quanto viene denunciato è la bieca strumentalizzazione dei migranti che dopo giorni, settimane o mesi di detenzione negli Usa, vengono deportati in uno dei tanti punti di frontiera con il Messico.

In seguito, dopo esser stati rispediti oltre confine, vengono presi in carico dagli agenti dell’IMN (Istituto Nazionale di Migrazione messicano) e confinati in uno dei centri per migranti che sorgono in tutte le maggiori città di frontiera (come Ciudad Juarez). Qui inizia una seconda detenzione che terminerà soltanto a bordo di un aereo con cui si verrà rimpatriati. In questi centri si resta per un periodo indefinito di tempo. E qui finiscono anche persone che vengono fermate direttamente in territorio messicano, spesso lasciate senz’acqua che sembra essere stato il motivo scatenante la rivolta di lunedì notte.

Riproduciamo integralmente il comunicato degli Scalabriniani presenti sui luoghi della tragedia.

 

 

Comunicato_2023-3_incendio Ciudad Juarez

Visits: 86

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.