Cessino immediatamente le folli e sciagurate “sanzioni”

NOVE PENSIERI DI AUGUSTE DUPIN

Gentilissime e gentilissimi,
*
1. La crisi energetica e il conseguente disastro economico e sociale nell’intera Unione Europea sono conseguenza delle folli e sciagurate “sanzioni” contro la Russia: cessino immediatamente le folli e sciagurate “sanzioni”, la catastrofe energetica ed economica che da esse dipende cesserà di conseguenza, e le classi lavoratrici e popolari potranno tornare a vivere decentemente.
*
2. Il pretesto delle folli e sciagurate “sanzioni” nell’ubriaca e delinquenziale propaganda dei governi antipopolari europei prostituiti all’imperialismo americano era che esse avrebbero fatto cessare l’abominevole guerra scatenata dal criminale governo russo contro la popolazione ucraina innocente ed inerme: sono passati sei mesi e la guerra non e’ affatto cessata, le stragi proseguono, il rischio di una catastrofe atomica cresce ogni giorno di piu’.
*
3. I governi dell’Unione Europea fornendo armi al governo ucraino contribuiscono a far proseguire la guerra, le stragi e le devastazioni: solo la pace salva le vite; le armi servono solo a uccidere gli esseri umani.
*
4. Cessino immediatamente le folli e sciagurate “sanzioni”, e cesserà immediatamente la crisi che sta devastando l’economia e sta gettando nella povertà, nell’indigenza e nella disperazione le classi lavoratrici e popolari nel nostro paese e in gran parte d’Europa. Vale la pena ripeterlo, e gridarlo dai tetti.
*
5. Cessi la fornitura di armi che alimenta la guerra e si agisca invece per il cessate il fuoco e i negoziati di pace.
*
6. Cessi lo scellerato riarmo che sta mettendo in pericolo l’esistenza dell’umanità intera, e si avvii il necessario disarmo su cui fondare la pace che sola puo’ salvare l’intera famiglia umana e quest’unico mondo vivente.
*
7. Salvare le vite e’ il primo dovere. Pace, disarmo, smilitarizzazione. Solo la nonviolenza puo’ salvare l’umanità.
*
8. Ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignità, alla solidarietà. Soccorrere, accogliere, assistere ogni persona bisognosa di aiuto.
*
9. Non un voto ai responsabili e ai complici della guerra, delle stragi, del disastro economico e sociale; non un voto ai governanti devastatori e assassini e ai loro complici e caudatari.
*
Vogliate credermi il vostro umilissimo, obbedientissimo, devotissimo eccetera

Lettera diffusa a cura del “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Viterbo, 3 settembre 2022

Mittente: il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo, strada S. Barbara 9/E, 01100 Viterbo, e-mail: centropacevt@gmail.com
Il “Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo e’ una struttura nonviolenta attiva dagli anni ’70 del secolo scorso che ha sostenuto, promosso e coordinato varie campagne per il bene comune, locali, nazionali ed internazionali. E’ la struttura nonviolenta che oltre trent’anni fa ha coordinato per l’Italia la piu’ ampia campagna di solidarieta’ con Nelson Mandela, allora detenuto nelle prigioni del regime razzista sudafricano. Nel 1987 ha promosso il primo convegno nazionale di studi dedicato a Primo Levi. Dal 2000 pubblica il notiziario telematico quotidiano “La nonviolenza e’ in cammino”. Da alcuni mesi e’ particolarmente impegnata nella campagna per la liberazione di Leonard Peltier, l’illustre attivista nativo americano difensore dei diritti umani di tutti gli esseri umani e dell’intero mondo vivente, da 46 anni prigioniero innocente.

Hits: 60

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.