UN GOLPE PICCOLO PICCOLO

di Peppe Sini

Con la decisione di indire le elezioni politiche per il 25 settembre, nel tempo di un amen, si e’ consumato un golpe piccolo piccolo.
Solo le macchine politiche gia’ organizzate avranno il tempo di preparare e presentare liste elettorali: possibilita’ che in tempi cosi’ ristretti e’ pressoche’ negata a chi si oppone alla guerra, al razzismo, al disastro ambientale, all’ingiustizia sociale, al sistema politico-economico dominante caratterizzato da rapina e devastazioni, da apartheid e schiavismo, da autoritarismo e militarismo.
L’attuale legge elettorale (il ripugnante “Rosatellum” applicato alla scellerata riduzione dei parlamentari) fara’ il resto: ben difficilmente vi sara’ la possibilita’ di entrare in parlamento per chi si oppone alla planetaria dittatura del capitale transnazionale ed alle vassalle sue macchine politiche che sono nel nostro paese altresi’ il frutto insieme acerbo e guasto del regime della corruzione e l’eterno ritorno dell’autobiografia della nazione.
A chi ha vissuto e vive la lotta politica come cosciente impegno nel movimento delle oppresse e degli oppressi in lotta per il bene comune dell’umanita’, per la condivisione fra tutte e tutti di tutto il bene e tutti i beni, per i diritti umani di tutti gli esseri umani e per la difesa di quest’unico mondo vivente che il sistema del profitto illimitato sta distruggendo dalle fondamenta, ebbene, assistere a questo scempio provoca il dolore, la vergogna, l’indignazione piu’ grandi.
Che fare, allora?
Provare, spes contra spem, a contribuire a promuovere in un fazzoletto di giorni la presentazione di liste decenti di persone decenti, che recuperino la storia e la coscienza di classe della sinistra italiana, europea ed internazionale, che rappresentino ed organizzino le oppresse e gli oppressi, che abbiano per programma fondamentale la scelta nitida e intransigente della nonviolenza, che siano ad un tempo femministe ed ecologiste, socialiste e libertarie, pacifiste e solidali, e che candidino al parlamento personalita’ illustri che gia’ hanno dato buona prova di se’ nelle istituzioni democratiche: personalita’ come Raniero La Valle, per fare un solo nome.
Il contributo che a questa necessaria ed urgente intrapresa puo’ dare chi scrive queste righe non puo’ andare oltre queste rastremate enunciazioni. Ma spero vivamente che altre persone, di me meno vecchie e piu’ in salute, e che abbiano il tempo necessario alla bisogna (tempo che invece a me del tutto manca), vogliano adoperarsi affinche’ il prossimo parlamento non sia lo stesso orrore (o peggio: un ulteriore inabissamento nella follia e nella ferocia) di quest’ultima legislatura caratterizzata dal razzismo, dall’ecatombe dei fragili, dalla folle violenza bellica onnidistruttiva, dalla dittatura dei ricchi, dal regime della corruzione, dal dilagare dell’irrazionalismo e della barbarie che in Italia ha un nome preciso.
Nel ricordo di Matteotti, di Gobetti e di Gramsci, della Rosa rossa e della Rosa bianca.
O la politica e’ impegno per la pace e il disarmo, o non e’.
Salvare le vite e’ il primo dovere.

Viterbo, 29 luglio 2022
“Centro di ricerca per la pace, i diritti umani e la difesa della biosfera” di Viterbo

Hits: 35

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.