‘Mi toglierò la vita’: La disperazione dei rifugiati britannici deportati in Ruanda

Protests near an immigration detention centre where refugees are being held before their scheduled flight to Rwanda [Courtesy: Movement for Justice]

Note dell’editore: I nomi contrassegnati da un asterisco* sono stati modificati per proteggere le identità. Se voi o qualcuno che conoscete è a rischio di suicidio, queste organizzazioni possono aiutarvi.

 

Londra, Regno Unito – I rifugiati detenuti in Gran Bretagna e destinati a essere deportati in Ruanda hanno dichiarato ad Al Jazeera di essere in sciopero della fame per le loro gravi condizioni di salute mentale, e uno di loro ha detto di avere pensieri suicidi.

Ad aprile, il Regno Unito ha annunciato un piano controverso per trasferire i richiedenti asilo nella nazione africana. Il primo volo di espulsione è previsto per il 14 giugno.

Ahmed*, proveniente dalla Siria, ha dichiarato di essere fuggito dal Paese devastato dalla guerra dopo aver rifiutato di arruolarsi nell’esercito e di essere arrivato nel Regno Unito senza documenti. Dovrebbe essere deportato con il primo volo.

“Sono fuggito e sono arrivato nel Regno Unito attraverso i Paesi balcanici”, ha raccontato per telefono ad Al Jazeera il ventenne, detenuto presso il centro di espulsione per immigrati di Colnbrook, vicino all’aeroporto di Londra Heathrow.

“Purtroppo, il 20 maggio, il Ministero degli Interni mi ha notificato la decisione e mi ha dato un biglietto per il Ruanda”.

Ha detto di essere in sciopero della fame per protestare contro il trasferimento e di non capire perché sia stato mandato in Ruanda, date le differenze linguistiche e culturali.

“Non vedo perché dovrei andare in un Paese africano dove non ho parenti e familiari. Non conosco la gente del posto. Mi rifiuterò di andare, ma se il governo britannico insiste sulla mia deportazione a Kigali e mi costringe a salire sull’aereo, mi toglierò la vita”.

Ferhad*, un 23enne curdo detenuto in Iran, ora nello stesso centro, ha detto che la prospettiva della deportazione è particolarmente desolante se confrontata con l’accoglienza europea dei rifugiati ucraini.

Ora, quando sente un aereo sorvolare il centro, si sente nervoso. Anche lui è in sciopero della fame ed è prenotato per il volo del 14 giugno.

“Quando è iniziata la guerra in Ucraina, tutti gli ucraini sono stati accolti e trattati meglio”, ha detto. Dal momento che siamo tutti rifugiati, non capivo perché sarei stato trasferito in Ruanda quando gli ucraini vengono accolti, ricevono una vita migliore, un riparo e tutto ciò di cui hanno bisogno”.

“A prescindere dalla nostra origine, siamo tutti esseri umani. Uccidetemi qui o lasciate che l’Iran mi uccida, invece di portarmi in Ruanda”.

Al Jazeera ha parlato con 15 detenuti a Colnbrook, dove è prevista la deportazione di oltre 60 persone in Ruanda. Altre persone sarebbero detenute in altri centri di detenzione vicino a Londra.

Al Jazeera ha contattato il Ministero dell’Interno per chiedere quante persone in totale sono previste per la deportazione, ma un portavoce del dipartimento ha rifiutato di commentare.

Anche i richiedenti asilo provenienti dall’Africa erano tra i detenuti con cui questo reporter ha parlato.

 

 

Asim*, un 25enne sudanese arrivato in Gran Bretagna all’inizio di maggio via mare attraverso la Francia, ha raccontato di aver rischiato la vita attraversando la Libia e il Mar Mediterraneo per raggiungere il Regno Unito. Ma giorni dopo, il 17 maggio, “mi è stata consegnata la decisione di mandarmi in Ruanda”, ha detto telefonicamente da Colnbrook.

“Sono fuggito dal Darfur a causa del conflitto. Rapirmi e portarmi in Ruanda è contrario ai miei diritti umani fondamentali e per protestare sto facendo lo sciopero della fame”.

Il ministro dell’Interno britannico Priti Patel, che ha firmato l’accordo multimilionario per il trasferimento dei rifugiati a Kigali con il Ruanda, ha pubblicizzato l’accordo come un modo efficiente per gestire il crescente numero di migranti irregolari.

Sostiene inoltre che impedirà il traffico di esseri umani e ridurrà le morti nel Canale della Manica, il tratto di mare tra la Francia e l’Inghilterra meridionale dove alcuni sono morti mentre cercavano di raggiungere la Gran Bretagna su imbarcazioni non sicure.

Mentre la maggior parte degli immigrati che vengono allontanati hanno speso migliaia di dollari per il loro viaggio; l’introduzione della legge britannica sulla nazionalità e le frontiere, da aprile consente al governo di trasferire gli immigrati irregolari in un terzo Paese “sicuro”.

Si ritiene che circa 20 dei 60 detenuti a Colnbrook provengano dal Medio Oriente.

Gruppi per i diritti civili e politici dell’opposizione hanno affermato che la mossa di deportazione non è etica.

I documenti del Ministero dell’Interno ricevuti da alcuni rifugiati, visti da Al Jazeera e datati 1 giugno, dicono che le persone non possono appellarsi alla decisione di mandarli in Ruanda il 14 giugno.

Oltre a descrivere un’atmosfera angosciante, i detenuti hanno parlato anche di condizioni discutibili.

Hanno affermato che le guardie del centro hanno sequestrato i loro smartphone all’arrivo e hanno fornito loro telefoni cellulari senza accesso a internet. Un detenuto musulmano ha detto di non sentirsi sicuro che il cibo servito nel centro fosse halal.

 

 

“Sentiamo storie tragiche sul grave impatto sulla salute mentale, con segnalazioni di autolesionismo”, ha dichiarato Enver Solomon, responsabile del Consiglio per i Rifugiati con sede nel Regno Unito, a proposito delle informazioni che la sua organizzazione ha ricevuto dai detenuti. “Temiamo che il governo non veda il volto che si cela dietro il caso e che dovrebbe fare molto di più per esercitare il suo dovere di cura nei confronti delle persone vulnerabili”.

Un portavoce del Ministero dell’Interno ha risposto a queste affermazioni, dicendo che i detenuti hanno potuto contattare i loro rappresentanti legali per telefono, e-mail e videochiamata – e ricevere 30 minuti di consulenza gratuita attraverso un programma di assistenza legale.

Il portavoce ha anche detto che ai detenuti vengono forniti tre pasti di buona qualità ogni giorno, che soddisfano le esigenze religiose, dietetiche, culturali e mediche.

 

Fonte: Al Jazeera

Articolo originale in Inglese: https://www.aljazeera.com/news/2022/6/8/uk-rwanda-deportation-refugees

 

 

 

Hits: 86

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.