È morto il Console e Consigliere d’Ambasciata Giorgio Taborri (Dgit-MAECI)

14.05.2018: Kennenlernen in Osnabrück: Der italienische Generalkonsul Dr. Giorgio Taborri besuchte die Friedensstadt und ließ sich das Rathaus von Oberbürgermeister Wolfgang Griesert zeigen.

È morto alcuni giorni fa a Roma il consigliere Giorgio Taborri, capo dell’ufficio I della Direzione generale per gli italiani all’estero della Farnesina.
Romano, classe 1968, Taborri era tornato a Roma l’anno scorso, dopo 4 anni ad Hannover, in Germania.
Laureato in giurisprudenza all’Università di Roma, era entrato in carriera diplomatica nel 2001. Il primo incarico alla Farnesina è stato proprio alla Direzione Generale Italiani all’estero e Politiche Migratorie; all’estero, oltre che in Germania, ha servito presso l’ambasciata italiana ad Helsinki, il consolato di Perth e l’ambasciata ad Ottawa.
Al Ministero, in diversi periodi della sua carriera, è stato assegnato alla DG Affari Politici e Sicurezza (Unità PESC-PSDC) e alla DG Risorse e Innovazione.
Lasciata Hannover nel 2021, da settembre era alle dirette dipendenze del Direttore Generale per gli Italiani all’estero e le Politiche Migratorie, sede in cui, da fine ottobre, era incaricato di svolgere le funzioni di Capo dell’Ufficio I.

 


 

HANNOVER – “Il CGIE ed il Comites rendono omaggio alla figura del Console Generale Giorgio Taborri, in servizio presso la Circoscrizione Consolare di Hannover fino al 2021 ed in seguito Capo dell’Ufficio I della Direzione Generale degli Italiani all’Estero del MAECI”. Così Giuseppe Scigliano e Gianfranco Tramonti, rispettivamente a nome del Cgie Germania e del Comites di Hannover, nell’esprimere il proprio cordoglio per la scomparsa del consigliere, già console ad Hannover, morto all’età di 54 anni.
“Ad Hannover, – ricordano – nell’espletamento del suo mandato, Giorgio Taborri ha manifestato una notevole dedizione al suo incarico dimostrando di essere un attento e sensibile servitore dello Stato contribuendo al miglioramento dei servizi consolari. Ha partecipato a tutte le riunioni del ComItes apportando il suo contributo nel rispetto del ruolo di competenza. La sua particolare sensibilità verso le difficoltà delle fasce deboli, lo ha portato ad intervenire in prima persona per indirizzare i suoi amministrati durante il periodo della pandemia”.
Taborri, sottolineano Scigliano e Tramonti, “ha sempre onorato con la sua presenza tutte le manifestazioni organizzate dalla collettività italiana sottoponendosi anche a trasferte disagiate. Si è interessato particolarmente e con amore anche ai problemi del Sacrario (Cimitero Militare d’Onore Italiano Amburgo – Ojendorf) dove riposano 5.849 Italiani (IMI) caduti durante il nazismo. Con notevole propensione alla cultura ed all’arte in tutte le sue espressioni ha promosso e patrocinato numerosi eventi. Ottimi e costruttivi sono stati I rapporti con le autorità locali, con il Comites e con tutte le associazioni operanti sul territorio che oggi si associano al cordoglio per la premature Perdita di questo encomiabile servitore dello Stato”.
“Addio Console Generale, sei rimasto nei nostri cuori”, concludono Scigliano e Tramonti esprimendo ancora una volta “il cordoglio del CGIE Germania e del ComItes di Hannover alla famiglia Taborri per la perdita del caro Giorgio”.

 

 

 

FONTE: aise

Hits: 320

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.