FAIM: eletto il nuovo Consiglio direttivo

ASSOCIAZIONISMO DI EMIGRAZIONE

ROMA – “Ripensare l’emigrazione; rappresentare la transizione: Diritti, Partecipazione, Solidarietà, Linguaggi”. Questo il titolo della 2° Assemblea Congressuale del FAIM (Forum Associazioni Italiani nel Mondo) che si è tenuta a Roma il 25-26 novembre u.s. per il rinnovo degli Organi Statutari eletti nella prima Assemblea nel 2016.

Superando gli ostacoli dovuti alla distanza fisica imposta dalla pandemia, la partecipazione dei delegati è avvenuta in presenza e online, garantendo così un ampio dibattito e le votazioni alle significative modifiche statutarie e elezioni degli Organi. Il dibattito ha così spaziato sulle tematiche del documento preparatorio: la centralità dell’associazionismo, il rapporto tra rappresentanza sociale e rappresentanza istituzionale e politica, la questione delle nuove e giovani generazioni, alle stesse ragioni dell’esperienza del forum tra passato e futuro.

A presiedere il Consiglio Direttivo è stato eletto Matteo Bracciali, Vicepresidente della Federazione delle ACLI Internazionali e alla Vice Presidenza Maria Rosa Mauro Grillo (AITEF). “Il Forum delle associazioni degli italiani nel mondo riparte dalle radici: tenere insieme l’associazionismo dei nostri connazionali all’estero in tutte le sue forme e sostenere i diritti di chi emigra. Il FAIM è un luogo di incontro e approfondimento. Le realtà associative sono molto cambiate e la grande ricchezza di questa esperienza sarà quella di legare nuove e vecchie esperienze per potenziare la partecipazione alla vita pubblica della nostra comunità all’estero e renderle protagoniste del dibattito pubblico”.

Il Consiglio sarà convocato al più presto per la nomina del nuovo Comitato Esecutivo e del portavoce per approvare gli indirizzi programmatici per il prossimo triennio.

 

FONTE: Migrantes Online/Inform

Hits: 96

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.