Covid-19: Australia, Quantas taglia 6mila posti di lavoro. Nuovi focolai a Melbourne. 1000 militari saranno coinvolti nel monitoraggio

Coronavirus: Australia, Qantas taglia 6mila posti lavoro

(ANSA-AFP) – SYDNEY, 25 GIU – La compagnia aerea australiana Qantas ha annunciato oggi la soppressione di 6.000 posti di lavoro e il mantenimento a terra di un centinaio di velivoli, al fine di risparmiare oltre 9 miliardi di euro e superare la crisi dovuta al coronavirus. L’amministratore delegato Alan Joyce ha dichiarato che il piano di ristrutturazione triennale è stato progettato per salvare la compagnia aera di punta dell’Australia dalla “peggior crisi del settore”. (ANSA-AFP).

 

Coronavirus: Australia, nuovi focolai, dispiegherà 1000 soldati. Registrato il primo decesso a Melbourne da oltre un mese

(ANSA) – SYDNEY, 25 GIU – E’ allarme in Australia per nuovi focolai di coronavirus a Melbourne, capitale dello Stato di Victoria, dove è stato registrato il primo decesso da oltre un mese e in alcune zone il numero dei contagi è raddoppiato negli ultimi tre giorni. La vittima, che porta a 104 il totale dei morti provocati dalla malattia nel Paese, è un uomo di 80 anni.

La ministra della Difesa, Linda Reynolds, ha annunciato oggi che circa 1.000 militari potranno essere dispiegati nello Stato “nei prossimi giorni”.

Fino a 850 militari aiuteranno a monitorare le persone rimpatriate dall’estero e poste in quarantena negli alberghi, mentre altri 200 circa forniranno supporto medico e logistico alle strutture di test del virus. Personale militare sta già presidiando i confini degli Stati australiani chiusi ai visitatori di altri Stati, oltre a fornire supporto ai servizi sanitari e di gestione delle emergenze.

Il dispiegamento di un contingente militare di tali dimensioni non avrebbe precedenti nella crisi del coronavirus in Australia, mentre aumenta la preoccupazione nella comunità per la diffusione del virus, con strutture temporanee di test allestite in zone critiche di contagio, mentre i supermercati impongono nuovamente limiti di acquisto temendo un ritorno al panico di acquisti.

I nuovi focolai sono emersi a Melbourne principalmente a causa di grandi riunioni familiari e in un hotel utilizzato per le quarantene. Secondo i dati della Johns Hopkins University, l’Australia – che ha 25 milioni di abitanti – registra ad oggi 7.558 casi di coronavirus, di cui 104 decessi. (ANSA).

Hits: 428

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.