COVID-19: Chi sono i Rocca, responsabili dell’aggravamento della crisi in Italia e in America Latina?

La famiglia Rocca possiede oltre 100 aziende in tutto il mondo che fatturano più di 25 miliardi di Dollari all’anno. Tuttavia, di fronte alla crisi scatenata da COVID-19, e nonostante la richiesta di collaborazione da parte del presidente argentino, si è concentrata solo sul trasferimento degli impatti negativi della pandemia ai suoi dipendenti.

“Hai guadagnato così tanti soldi per tutta la vita; hai una fortuna che ti colloca tra i più milionari del mondo; fratello, questa volta collaborerai!”, Ha detto Alberto Fernández, presidente dell’Argentina, al più ricco del paese: Paolo Rocca. Capo di Techint, Rocca possiede oltre 100 aziende in tutto il mondo, principalmente nelle industrie siderurgiche e petrolifere e ha una fortuna di oltre 4,1 miliardi di dollari.

Alla fine di marzo 2020, Rocca ha licenziato 1.450 persone dalle sue fabbriche in Argentina, cosa che ha generato la decisione del presidente Fernàndez a vietare i licenziamenti e a chiedergli di collaborare per affrontare la crisi. Tuttavia, il richiamo no è stato sufficiente: a metà aprile, l’uomo d’affari italo-argentino ha sospeso altri 5.000 lavoratori.

In Guatemala, dove la famiglia ha più stabilimenti, il direttore dell’America centrale di Techint, Martín Ceballos, ha minacciato Abel Díaz, vice presidente dell’Unione dei lavoratori della Ternium: “Paolo Rocca non perderà. O accetti di riscuotere il 40% dello stipendio, o chiudiamo”, ha detto al telefono. Come riportato dal quotidiano argentino Pagina 12, in Colombia non c’è stata nemmeno la telefonata; lì, la filiale di Techint ha annunciato unilateralmente che non pagherà i lavoratori, ma che offre loro un prestito equivalente alla metà del loro stipendio.

Sembra che sia vero che la famiglia Rocca non perda mai: sebbene fosse essenziale interrompere le attività per evitare una catastrofe sanitaria, in Italia si sono rifiutati di sospendere di produrre nella provincia di Bergamo, uno dei principali centri industriali della paese, e ha contribuito a farne l’area con il maggior numero di morti per coronavirus per abitante nel paese e in Europa.
La Confederazione generale dell’industria italiana (Confindustria) – l’associazione dei datori di lavoro di cui i Rocca sono un attore importante – ha ottenuto il sostegno del governo locale e ha lanciato una campagna con l’hashtag “#YesWeWork”, “Bergamo non si ferma”. Quando è scoppiata l’epidemia, ha costretto i lavoratori allo sciopero: anche se il Primo Ministro italiano aveva dichiarato la quarantena in tutto il paese il 10 marzo, i datori di lavoro continuavano a gestire un gran numero di attività “non essenziali”; sono stati aggiunti all’elenco degli elementi esclusi dalla misura e non si sono fermati.

A Bergamo, ci sono state quattro volte più morti in marzo rispetto alla sua media nell’ultimo decennio e – sebbene l’Organizzazione mondiale della sanità abbia identificato la partita per la Champions League tra Atalanta e Valencia tenutasi il 19 febbraio come uno dei principali “acceleratori” nella diffusione del virus, oggi è chiaro che la lobby degli affari della famiglia aveva avuto il suo impatto sulla crisi.

I Rocca hanno anche capitalizzato la loro espansione nella sanità privata. Attraverso il Gruppo Humanitas (presieduto dal fratello maggiore di Paolo, Gianfelice), la società gestisce istituti clinici, centri di ricerca e insegnamento, università e una vasta rete di ospedali in tutta la regione. A Bergamo, dove il 50% del sistema sanitario è privato, possiedono la Clinica Castelli, una delle due più grandi di tutta la città e con il più alto turn-over e che, a fronte della crisi, non ha voluto ammettere pazienti con COVID-19, secondo quanto segnalato dal portale spagnolo Ctxt. Solo dall’8 marzo, con un apposito decreto si sono decisi a fornire assistenza medica alle persone infette.


Chi sono i Rocca e cos’è Techint?

Paolo è milanese, 68 anni, politologo e presiede il conglomerato commerciale fondato da suo nonno nel 1946, Agostino Rocca, un ingegnere e uomo d’affari che fu una forza chiave nell’industria metalmeccanica italiana negli anni ’30. Durante il fascismo Rocca era direttore dell’Istituto per la ricostruzione industriale (IRI) e di diverse compagnie dell’industria siderurgica; secondo il giornale la Vaca aveva ricevuto ordini anche dai nazisti durante la Repubblica di Salò.

Nel 1945 Agostino decise di stabilirsi in Argentina, dove l’anno successivo installò Techint con 15 dipendenti per occuparsi dell’importazione di gru, tubi, macchine e motori navali italiani. Techint attualmente opera in oltre 100 paesi nel settore ingegneristico, edile e energetico, impiegando 74.500 persone, di cui 57.100 sono permanenti. Oltre a Techint, la famiglia Rocca possiede due società principali: Tenaris, che produce tubi senza saldatura, di cui Paolo è CEO, e Ternium, che produce laminati in acciaio.

Suo nipote ha iniziato la carriera nell’azienda di famiglia nel 1985, come suo assistente, ma da Milano. Paolo è un politologo, ha lavorato presso la Banca mondiale e si è stabilito in Argentina solo sette anni dopo. Oggi, oltre ad essere CEO di Techint, presiede la World Steel Association ed è l’uomo più ricco d’Argentina e l’ottavo in Italia.

La sua vita non è stata esente da cause legali. Nel 2013, è stato denunciato per eludere il pagamento di 16 milioni di Dollari di tasse in Argentina, trasferendo il controllo di uno dei suoi impianti a Buenos Aires a Dirken, una società fantasma con sede in Uruguay. Nel novembre 2018, i Rocca sono  stati accusati di aver pagato tangenti a funzionari del governo Cristina Fernández de Kirchner per ottenere contratti di lavori pubblici sulla famosa causa dei quaderni, ma nel 2019 è stato assolto.

 

 

FONTE: https://mundo.sputniknews.com/sociedad/202004221091198511-quienes-son-los-rocca-responsables-de-profundizar-la-crisis-de-covid-19-en-italia-y-america-latina/

 

Hits: 850

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.