COVID-19: L’Argentina non paga una scadenza del debito estero di 500 milioni di dollari: cosa può succedere?

L’Argentina è inadempiente sul pagamento di 500 milioni di dollari che era dovuto mercoledì 22 aprile in quanto interessi su debito estero. Quei rendimenti non realizzati corrispondevano a tre obbligazioni, chiamate Globales 2021, 2026 e 2046, e quindi il paese cade di nuovo in un default.

Ieri pomeriggio, il gabinetto che Guzmán dirige ha rilasciato una dichiarazione ai media in cui ha informato che ci si trova nel periodo “di grazia” di 30 giorni unanimemente accettato, periodo in cui deve operare per evitare di cadere completamente nel “default”.

Tuttavia, il governo ha confermato la sua “disponibilità a pagare anche nel contesto internazionale molto grave che è stato generato a seguito della pandemia di COVID-19”. E ha ribadito che sta cercando “un profilo di debito sostenibile”.

“Non si poteva più pagare nulla già prima, con il coronavirus ancora meno”, aveva recentemente dichiarato il ministro in un’intervista a El Destape.

Come misura iniziale, dall’amministrazione Mauricio Macri ai giorni nostri, i pagamenti del debito emessi ai sensi della legislazione nazionale sono stati rinviati. Tuttavia, la preoccupazione principale riguarda il debito estero. È che, oltre all’annullamento in dollari, qualsiasi conflitto con i finanziatori sarebbe risolto in tribunali internazionali, qualcosa che porta brutti ricordi al paese sudamericano: dopo un accordo riuscito per ristrutturare i rendimenti tra l’esecutivo Kirchner e molti obbligazionisti – almeno 92 % del totale, nel 2014 il giudice Thomas Griesa (Tribunale di New York) ha ordinato pagamenti da un milione di dollari a favore dei pochi creditori che si erano rifiutati di accettare di negoziare.

 

Gustavo Marangoni, politologo argentino.
“Si tratta di un modo per avvicinarsi a questa fase di dialogo. I tempi sono ridotti ed è necessario vedere quale sia la volontà di entrambe le parti in negoziazione. Forse è possibile che alcune obbligazioni possano essere negoziate e altre no.”

Ora, nel mezzo di una dura crisi economica, aggravata dall’emergenza sanitaria e dalla quarantena obbligatoria, le autorità locali devono affrontare il forte aumento della povertà e manovrare il suo complicato presente finanziario. Con questo quadro, la non conformità “era prevedibile”, afferma il politologo Gustavo Marangoni.

Parallelamente, il governo di Alberto Fernández sta cercando di ristrutturare il debito estero e ha inviato una proposta formale agli obbligazionisti, proponendo “una riduzione dell’onere degli interessi del 62%, una riduzione dello stock di capitale del 5,4% e un periodo di grazia di tre anni fino al 2023”, ha detto il capo dello stato. Tuttavia, l’offerta argentina è già stata respinta da alcuni grandi fondi di investimento e il tempo sta per scadere.

Pertanto, mentre l’amministrazione peronista ha concesso ai finanziatori circa 20 giorni per rispondere, allo stesso tempo, l’Argentina ha un’estensione di un mese in più per cercare di adempiere ai propri obblighi. Per quanto riguarda la decisione di non pagare, Marangoni ritiene: “È un modo di avvicinarsi a questa fase di negoziazione. I tempi sono ridotti ed è necessario vedere quale sia la volontà di entrambe le parti”.

Per quanto riguarda i possibili scenari, l’ex presidente del Banco della Provincia di Buenos Aires descrive: “Evitare il” default “sarebbe ottimale. Forse è che alcuni titoli possono essere negoziati e altri no. La terza alternativa sarebbe un” default completo”. In altre parole, “il governo argentino ha dichiarato che esiste una volontà da risolvere, ma non la capacità di farlo, “almeno in termini immediati”, ha affermato l’esperto.

Più in profondità, sottolinea che si pongono dubbi sulla flessibilità dell’Esecutivo nel modificare la proposta originale: “Con una posizione di prendere o lasciare, le probabilità di insediamento sono più difficili”. Tuttavia, il direttore dei conti nazionali ha già annunciato che “offrire di più non può essere fatto perché non è sostenibile” e i cortocircuiti continuano. Per il ministro dell’Economia esiste un “default” virtuale ”

Nel giustificare la posizione ufficiale, Guzmán ha ritenuto che il default argentino non cambi troppo il panorama, il che era già abbastanza sfavorevole: “L’Argentina era già in una situazione di “default” virtuale. Non aveva la capacità di affrontare i pagamenti del debito programmato, abbiamo deciso di seguire un processo basato sulla buona fede”, ha detto.

A sua volta, ha affermato che a quella nazione del Cono sud era già stato negato l’accesso al mercato del credito internazionale prima di questo specifico default: “Ciò continuerà ad accadere qualunque cosa accada”, ha detto.

 

Juan Luis Bour, economista:
“Non è vero che il paese non può pagare nemmeno 1.000 o 1.500 milioni di dollari all’anno, dal momento che ha delle riserve”.

Ma cosa significa che l’Argentina era già in “default” virtuale? L’economista Juan Luis Bour interpreta le affermazioni del funzionario in tre possibili approcci:

–  “Uno è che era già stato annunciato che non era previsto alcun ulteriore pagamento”.
–    Un altro punto “è che la violazione è stata estesa a un’altra giurisdizione, dalla legge locale a quella straniera”.
–    E un terzo aspetto “è che l’Argentina non ha la capacità di pagare”. Tuttavia, Bour ritiene che questa posizione sia “probabilmente errata”, perché “puoi sempre negoziare”. Per concludere, “indica che l’accordo può essere difficile, ma non è vero che il paese non può pagare nemmeno 1.000 o 1.500 milioni di dollari all’anno, poiché dispone di riserve”.

 

FONTE: https://actualidad.rt.com/actualidad/350827-argentina-no-paga-500-millones-dolares

 

 

 

Hits: 130

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.