Bruxelles, riapre l’Ufficio Cgil Europa

Sarà uno strumento di collegamento tra le iniziative della Confederazione a livello nazionale e le istanze europee, sia sindacali che istituzionali

Dopo molti anni, torna a vivere, anche “fisicamente”, l’ufficio di collegamento e rappresentanza a Bruxelles dell’Area politiche europee ed internazionali della Cgil.

Lo abbiamo immaginato come uno “strumento”, a disposizione di tutte le strutture della Cgil: della sede confederale, delle categorie, dei territori, dei servizi, dell’organizzazione tutta. Uno strumento capace di agevolare il necessario collegamento tra le iniziative del nostro sindacato a livello nazionale e le istanze europee – sia sindacali che istituzionali.

Ha sede accanto agli uffici dell’Inca Belgio, per una scelta non casuale: perché anche grazie all’interazione con l’assistenza quotidiana che forniamo ai nostri connazionali all’estero, si evincono – sempre più spesso – quei bisogni individuali che la Cgil vuole trasformare in diritti collettivi.

Da anni, la Cgil è convinta che – per rafforzare il proprio ruolo e rendere più incisive le proprie rivendicazioni – non si può prescindere dal livello europeo e internazionale.

Del resto, non esiste ormai ambito della realtà sociale ed economica italiana che non sia strettamente connesso, se non dipendente dalle indicazioni delle istituzioni comunitarie. E, sempre più spesso, le nostre battaglie per affermare diritti e conquiste per le lavoratrici e i lavoratori trovano proprio a Bruxelles il luogo fondamentale dove incanalarsi.

Per questo è necessario, oggi più che mai, in un contesto geopolitico profondamente mutato ed in continua trasformazione essere forti e radicati nell’Unione europea.

L’Ufficio Cgil Europa svolge, dunque, un’azione di contatto con le istituzioni europee, (Commissione, Consiglio, Europarlamento, Comitato economico e sociale europeo ecc.). Nonché con le rappresentanze europee del nostro Paese (i gruppi parlamentari, la Rappresentanza permanente dell’Italia presso la Ue, le singole rappresentanze regionali, le rappresentanze delle Camere di commercio, le organizzazioni di rappresentanza degli operatori economici e datoriali) nonché con la multiforme e variegata società civile che contraddistingue l’ambito europeo.

Al tempo stesso, coerentemente col grande investimento che la Cgil ha deciso di fare sulla dimensione sindacale europea, l’Ufficio curerà sotto l’indirizzo della Confederazione e dell’Apei le relazioni quotidiane della Cgil con la Confederazione europea dei sindacati (Ces/Etuc).

Le azioni sindacali europee assumono sempre maggiore importanza e richiedono una nostra presenza attiva e una interazione costante, sia nelle loro articolazioni e strutture che nei momenti di analisi, confronto e decisione comune tra sindacati europei. Per rendere il nostro ruolo più incisivo, l’Ufficio cura lo scambio continuo di informazioni con tutte le aree della Cgil nazionale, con le varie categorie e con i territori. Anche per questo, l’ufficio è a disposizione dei vari livelli della Cgil come elemento di supporto logistico per le loro relazioni con le realtà europee a Bruxelles.

Tutto ciò per raggiungere il duplice scopo di avere informazione e conoscenza diretta delle politiche e della legislazione europea e per poter conseguentemente incidere – attraverso la pressione che come sindacato possiamo esercitare – per influenzare le scelte che vengono fatte a livello istituzionale europeo a favore degli interessi dei lavoratori.

Con l’Ufficio Cgil Europa la Cgil fa un investimento consapevole e al tempo stesso accetta una sfida: la vinceremo se saremo capaci non solo di utilizzare, ma di arricchire e far vivere questo nostro “strumento” con l’azione e le idee di tutte le diverse realtà della nostra Confederazione.

Salvatore Marra, coordinatore Area delle politiche europee e internazionali Cgil

 

FONTE: https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/bruxelles-riapre-lufficio-cgil-europa-hl11r0h4?guid=nl-1701758712

 

 

Visits: 22

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

EMI-News è un notiziario aperiodico FIEI/Filef per l'emigrazione fondato da Carlo Levi| 1967-2023

DISCLAIMER
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Il materiale presente non segue una pubblicazione regolare, ed è replicabile citando la fonte.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite
i collegamenti ipertestuali, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il sito fornisca questi collegamenti non implica l’approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica
è declinata ogni responsabilità. Ciascun commento inserito nei post viene lasciato dall’autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale.