CINA: “L’Assemblea generale delle Nazioni Unite dovrebbe essere un’opportunità per l’unità, non un campo di battaglia per il confronto”

United Nations Secretary-General Antonio Guterres addresses the 77th session of the United Nations General Assembly at UN headquarters in New York City on September 20, 2022. (Photo by TIMOTHY A. CLARY / AFP)

Editoriale del Global Times (Pechino) del 21 settembre 2021

 

È in corso il dibattito generale della 77a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (UNGA 77). Si tratta della prima riunione in presenza presso la sede delle Nazioni Unite dallo scoppio della pandemia COVID-19. L’incontro si svolge in un momento di grave divisione del mondo. Dovrebbe quindi essere un’opportunità per tutte le parti di rafforzare la comunicazione, colmare le divergenze e unire le mani per affrontare le sfide globali, pur essendo cauti nei confronti del tentativo di alcuni Paesi di trasformare l’Assemblea generale in uno strumento per creare divisione e inasprire i conflitti e gli scontri.

Nel suo discorso di apertura, il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha avvertito che i progressi compiuti per affrontare le sfide sono ostaggio delle tensioni geopolitiche. “Il nostro mondo è in pericolo – e paralizzato… Nessuna cooperazione. Nessun dialogo. Nessuna soluzione collettiva dei problemi. Ma la realtà è che viviamo in un mondo in cui la logica della cooperazione e del dialogo è l’unica strada da percorrere”, ha sottolineato. L’avvertimento di Guterres è sia una descrizione dello status quo che una preoccupazione per l’attuale situazione delle Nazioni Unite. Tuttavia, fino a che punto questo avvertimento possa essere tradotto in azioni da parte di alcuni Paesi chiave rimane una grande domanda a cui rispondere.

Diversi media hanno riferito che il dibattito generale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite di questa settimana sarà dominato dalla lotta tra gli Stati Uniti e i loro alleati, da un lato, e la Russia, dall’altro, sulla crisi ucraina. Gli Stati Uniti e i loro alleati sono impegnati a lanciare una campagna per “isolare la Russia”. Oltre a portare avanti forti condanne contro la Russia, si stanno coalizzando per fare pressione sui Paesi neutrali. Si dice che la parte russa discuterà per non permettere agli Stati Uniti e all’Occidente di lanciare una guerra ibrida in Ucraina. Molti Paesi in via di sviluppo e gruppi di aiuto temono che il conflitto diplomatico sull’Ucraina comprometta un’opportunità fondamentale per affrontare la carestia, la crisi climatica e altre questioni preoccupanti.

In mezzo all’intreccio di cambiamenti e caos del mondo, anche l’ONU è sottoposta a un test sulle profonde differenze. Si lascerà rapire da alcune forze e si trasformerà in uno strumento per colpire specifici Paesi e promuovere politiche di gruppo e le cosiddette alleanze di valori? Oppure continuerà a promuovere la democrazia nelle relazioni internazionali, ad aderire a concetti globali di sviluppo e sicurezza e a unire un gran numero di Paesi per risolvere problemi comuni attraverso un autentico multilateralismo? La storia dello sviluppo delle Nazioni Unite indica che queste due forze hanno sempre avuto un braccio di ferro. Se le forze della solidarietà e della cooperazione, che si concentrano sul futuro dell’umanità, riusciranno a superare le forze della divisione e dello scontro, che si basano su logiche geopolitiche, si rifletterà sul ruolo dell’ONU e su centinaia di milioni di persone in tutto il mondo in futuro.

C’è una cosa che non si può negare: Sebbene i dibattiti generali dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite siano stati costellati da molti conflitti e scontri, l’ONU rimane oggi il fulcro della governance globale ed è in una posizione chiave per affrontare una serie di sfide, e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite rimane il fulcro del sistema globale di sicurezza collettiva. È proprio per questo motivo che la comunità internazionale ripone generalmente grandi speranze nel sistema delle Nazioni Unite come piattaforma prioritaria per perseguire una visione migliore del mondo. In queste circostanze, il modo in cui l’ONU può costruire il consenso e promuovere l’unità richiede coraggio e saggezza, e inoltre nuove idee.

In questo processo, è importante che le grandi potenze scelgano il dialogo e la cooperazione o la divisione e lo scontro. Dalle lezioni della Prima e della Seconda guerra mondiale si è appreso che la regola dell'”unanimità delle grandi potenze” è diventata la principale regola operativa del meccanismo delle Nazioni Unite. Soprattutto nella situazione attuale, in cui il conflitto tra Russia e Ucraina si sta intensificando e la catastrofe umanitaria è imminente, le grandi potenze dovrebbero prendere l’iniziativa di salvaguardare l’autorità delle Nazioni Unite e lasciare un “canale di emergenza” per la risoluzione diplomatica delle controversie attraverso i meccanismi dell’ONU, piuttosto che strumentalizzare e ideologizzare l’organizzazione e usare gli interessi geopolitici per sequestrarla, rendendo il complicato problema ancora più difficile da risolvere. Si tratta di un obbligo morale, ma anche di una responsabilità.

Nelle dichiarazioni rilasciate durante l’incontro, i rappresentanti di molti Paesi hanno parlato di “solidarietà”, dimostrando che il problema è stato notato. Tuttavia, ci sono divergenze sul percorso da seguire per risolverlo. Al momento, dobbiamo praticare un autentico multilateralismo e lavorare insieme per sostenere i principi della Carta delle Nazioni Unite. Suggeriamo ai rappresentanti dei Paesi partecipanti di leggere attentamente il “Position Paper della Repubblica Popolare Cinese per la 77a sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite”, che fornisce una “proposta cinese” per l’attuale periodo di cambiamenti turbolenti, una proposta per costruire una sicurezza comune e raggiungere uno sviluppo comune.

Il desiderio di perseguire una visione integrata e comune della sicurezza, invece di una visione unilaterale della sicurezza dominata da un’unica potenza, è alla base dei forti appelli dei Paesi in via di sviluppo a concentrarsi sulla carestia e sulla crisi climatica, evitando che il conflitto tra Russia e Ucraina monopolizzi tutta l’attenzione. Riteniamo che la misura della validità di una sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite dovrebbe essere quella di vedere se il mondo è più o meno fratturato dopo la sessione, e se c’è più cooperazione o meno dopo la sessione. Si potrebbe anche individuare la responsabilità di tutto ciò.

 

FONTE: https://www.globaltimes.cn/page/202209/1275813.shtml

 

 

 

Hits: 47

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.