Cina: “La Russia ordina una mobilitazione parziale in seguito all’escalation di pressioni da parte dell’Occidente”

Ukrainian servicemen fire with a French self-propelled 155 mm/52-calibre gun Caesar towards Russian positions at a front line in the eastern Ukrainian region of Donbas on June 15, 2022. - Ukraine pleaded with Western governments on June 15, 2022 to decide quickly on sending heavy weapons to shore up its faltering defences, as Russia said it would evacuate civilians from a frontline chemical plant. (Photo by ARIS MESSINIS / AFP)

La Russia ordina una mobilitazione parziale in seguito all’escalation di pressioni da parte dell’Occidente
Una chiara escalation punta a un confronto più lungo e più ampio, rendendo poco probabili i negoziati di pace

(Editoriale del Global Times – China del 21 settembre 2022)

 

In un’escalation di pressioni da parte degli Stati Uniti e dell’Occidente, il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato mercoledì una parziale mobilitazione delle riserve militari della nazione e ha sottolineato che l’Occidente rappresenta una minaccia per l’esistenza della Russia, impegnandosi a utilizzare tutti gli strumenti a sua disposizione per contrastare una minaccia contro la sua integrità territoriale, mentre quattro regioni dell’Ucraina orientale hanno in programma di tenere dei referendum nei prossimi giorni.

Secondo gli esperti cinesi, si tratta di un chiaro segnale di escalation della crisi ucraina, soprattutto quando il blocco occidentale ha sequestrato l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite (UNGA) in corso e l’ha trasformata in un palcoscenico anti-Russia, continuando a soffiare sul fuoco e ad affievolire ulteriormente la possibilità di negoziati di pace.

In un discorso televisivo nazionale di mercoledì, Putin ha dichiarato che il Ministero della Difesa russo ha raccomandato di richiamare in servizio attivo i riservisti militari, e che la misura è ragionevole e necessaria date le circostanze.

Secondo i media, il decreto di mobilitazione prevede la chiamata di 300.000 persone in più per prestare servizio in Ucraina.

La Reuters ha detto che si tratta della prima mobilitazione ordinata del Paese dalla Seconda Guerra Mondiale e il New York Times l’ha descritta come un raro discorso alla nazione, mentre “la Russia subisce forti perdite”.

Il discorso è stato pronunciato dopo che quattro regioni dell’Ucraina – Donetsk, Lugansk, Zaporizhzhia e Kherson – hanno deciso martedì di tenere dei referendum dal 23 al 27 settembre. Putin ha anche detto mercoledì che la Russia “farà tutto il possibile per la sicurezza dei referendum in queste regioni”, ha detto la TASS.

Alcuni esperti cinesi hanno affermato che se le quattro regioni terranno i referendum, il conflitto tra Russia e Ucraina si complicherà e c’è il rischio che il conflitto degeneri in una guerra totale tra Russia ed Europa, che potrebbe andare fuori controllo.

Questo potrebbe anche significare la perdita di opportunità per i negoziati di pace, poiché potrebbe esserci una frattura permanente tra Russia e Ucraina. Una situazione così deplorevole merita una profonda riflessione su chi e come ha portato a una crisi senza precedenti, hanno osservato.

Parte dell’ordine di mobilitazione mostra che la Russia ha apportato aggiustamenti tattici alle operazioni in corso e alla controffensiva ucraina, segnando che il conflitto è entrato in una nuova fase, ha dichiarato mercoledì al Global Times Zhao Huirong, esperto di studi sull’Europa orientale dell’Accademia cinese delle scienze sociali.

“È inevitabile che il confronto si espanda e si prolunghi, e poiché entrambe le parti sono desiderose di ottenere un vantaggio assoluto e persino una vittoria finale sul campo di battaglia, la possibilità di negoziati diventa meno probabile”, ha detto Zhao.

Sebbene Putin abbia avvertito l’Occidente di non “bluffare” sull’uso di armi nucleari, alcuni esperti cinesi ritengono che si tratti di una tattica per mettere in guardia l’Occidente dal fornire ulteriori armi all’Ucraina. “Ma con l’intensificarsi del conflitto, il rischio di usare armi letali più grandi e persino armi nucleari sul campo di battaglia sta aumentando, e per ridurre il rischio è necessario il dialogo tra le due parti, soprattutto tra la Russia e l’Occidente”, ha detto Zhao.

 

Pressione crescente

Nelle ultime settimane, la Russia ha dovuto affrontare una crescente pressione, poiché le forze ucraine hanno spinto con forza la loro controffensiva con il supporto di armi provenienti dall’Occidente, e la Russia è stata costretta a ritirarsi da alcuni luoghi chiave dell’Ucraina. Attualmente, gli Stati Uniti e i loro principali alleati stanno trasformando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite in un campo di battaglia diplomatico, condannando l’operazione militare speciale di Putin in Ucraina e definendo i prossimi referendum “una farsa”.

“Dovremmo capire chiaramente chi ha portato il conflitto tra Russia e Ucraina al punto in cui si trova oggi e chi ha fatto sì che la Russia e l’Ucraina perdessero l’opportunità di negoziare”, ha dichiarato mercoledì al Global Times Cui Heng, assistente ricercatore presso il Centro di studi russi dell’Università normale della Cina orientale.

Durante l’UNGA in corso – una piattaforma che dovrebbe concentrarsi su questioni globali di interesse come il cambiamento climatico, la crisi alimentare e la ripresa post-COVID – i leader di alcuni Paesi occidentali hanno condannato con forza l’operazione militare speciale di Putin in Ucraina.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha accusato Putin nel suo discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite mercoledì, affermando che il mondo ha vissuto “una guerra brutale e inutile, una guerra scelta da un solo uomo”, Putin.

“I Paesi che si rifiutano di prendere posizione nella guerra della Russia in Ucraina sono complici del nuovo imperialismo di Mosca”, ha dichiarato martedì il Presidente francese Emmanuel Macron all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, secondo quanto riportato dai media.

“Il conflitto russo-ucraino non dovrebbe essere il tema che domina le sessioni dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, poiché il mondo sta affrontando così tante sfide e l’Assemblea generale delle Nazioni Unite dovrebbe discutere di questioni che riguardano la maggior parte dei Paesi”, ha dichiarato mercoledì al Global Times un esperto di relazioni internazionali con sede a Pechino.

Le questioni urgenti che il mondo si trova ad affrontare oggi sono ancora la sicurezza e lo sviluppo, poiché molti vivono ancora in condizioni di povertà e alcuni lottano contro il deficit e il cambiamento climatico, ha affermato.

“Concentrarsi solo sulla crisi ucraina e usarla come agenda anti-Russia è una tattica di Washington per sequestrare le Nazioni Unite, che è egoista e di mentalità ristretta”, ha detto l’esperto.

Rispetto ai leader dei Paesi occidentali che hanno intensificato la condanna della Russia, i rappresentanti dei Paesi in via di sviluppo si sono concentrati molto di più su questioni concrete di sviluppo. Per esempio, il presidente delle Seychelles Wavel Ramkalawan ha chiesto “azioni coraggiose, non promesse e impegni non mantenuti”, avvertendo che la finestra di opportunità per affrontare il cambiamento climatico si sta rapidamente chiudendo per le nazioni insulari come la sua, secondo il Washington Post.

Alcuni hanno sottolineato che le sanzioni dell’Occidente alla Russia hanno esacerbato la crisi. Il presidente brasiliano Jair Bolsonaro ha ribadito martedì la sua disponibilità a promuovere negoziati per risolvere il conflitto tra Russia e Ucraina, chiedendo un cessate il fuoco ma rinunciando a sanzioni e isolamento economico.

 

Una posizione equilibrata

Il Segretario Generale dell’ONU Antonio Guterres ha detto che il mondo di oggi è in “grande pericolo e paralizzato” nel suo discorso di apertura all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, e alcuni esperti ritengono che l’indizione di referendum e la mobilitazione parziale renderanno ancora più aspro il confronto tra Russia e Occidente.

Le critiche di Macron ai Paesi neutrali sul conflitto tra Russia e Ucraina dimostrano che l’Europa ha formato un confronto relativamente aspro [contro la Russia], ha dichiarato mercoledì al Global Times Cui Hongjian, direttore del Dipartimento di studi europei dell’Istituto cinese di studi internazionali.

“Con una prospettiva così estrema, vede la questione come una scelta o l’una o l’altra, quindi la critica è in qualche modo parziale”, ha detto Cui. Inoltre, la posizione della Cina non può essere facilmente riassunta come neutrale, poiché ha mantenuto una posizione equilibrata sulla questione, ha aggiunto.

La posizione della Cina sulla crisi ucraina è sempre stata chiara. “Invitiamo le parti interessate a raggiungere un cessate il fuoco attraverso il dialogo e le consultazioni e a trovare il modo di affrontare le ragionevoli preoccupazioni di sicurezza di tutte le parti il prima possibile”, ha dichiarato mercoledì Wang Wenbin, portavoce del Ministero degli Esteri cinese, in una conferenza stampa in risposta al discorso di Putin.

In merito ai prossimi referendum, Wang ha affermato che la sovranità e l’integrità territoriale di tutti i Paesi dovrebbero essere rispettate e che si dovrebbero seguire la Carta e i principi delle Nazioni Unite.

 

FONTE: https://www.globaltimes.cn/page/202209/1275793.shtml

 

 

Hits: 49

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.