Argentina: Milei presidente, un ultra-liberista alla Casa Rosada

L’Argentina boccia il peronismo democratico e si affida alla proposta populista: un voto minato dal peso del debito pubblico e da un’altissima inflazione

Con il voto di domenica 19 novembre la maggioranza degli argentini ha tolto la fiducia al peronismo democratico e progressista che, prima con Ernesto Kirchner e poi con Cristina, ha illuso di riuscire a consolidare un progetto di “patria grande”, ossia un Paese democratico, solidale, riducendo le diseguaglianze e con una forte impronta di politiche sociali per le fasce più fragili ed emarginate.

Il risultato del ballottaggio è netto: vince Javier Milei con 11 punti e circa quattro milioni di voti sul candidato del peronismo democratico, l’attuale ministro dell’Economia Sergio Massa.

Resta il dubbio se questo sia stato un voto a favore della proposta spregiudicata del personaggio Milei, che dichiara di fare i conti con la casta e di liberare il Paese dalla corruzione e dal peso dello Stato, proiettando l’Argentina a un ruolo di protagonismo mondiale, oppure sia stato un voto di disperazione, conseguenza del disastro economico dell’attuale governo, che ha messo in ginocchio il Paese svuotando le tasche degli argentini, nuovamente schiacciati dal peso del debito pubblico, con un’inflazione oltre il 130% e senza più un progetto credibile per il futuro.

Molto probabilmente Milei dovrà pagare il conto all’ex presidente Mauricio Macri e alla destra conservatrice e rappresentante dei grandi gruppi economici e monopolisti argentini, già responsabile del disastro finanziario e sociale del Paese e bocciata dall’elettorato nelle precedenti votazioni, senza i quali non avrebbe vinto queste elezioni. E quindi: più che il nuovo che avanza, forse vedremo volti noti e ricette passate.

Resta la domanda del perché anche l’Argentina, Paese con grandissime potenzialità economiche e naturali, con una cultura sociale e democratica ben radicata, con infrastrutture e servizi estesi a tutto il territorio e a gran parte della popolazione, non riesca a liberarsi dal peso del debito e a costruire un progetto politico alternativo al modello neo-liberale e alle ondate di populismo che, non a caso, hanno sempre sullo sfondo i poteri forti delle oligarchie e delle élites nazionali.

Il peronismo democratico e progressista, se vorrà ritornare a essere un punto di riferimento per il Paese, dovrà affrontare un processo di profondo rinnovamento, generazionale ma anche culturale, ripartendo dalle periferie urbane e dal rapporto con il mondo del lavoro, per costruire un metodo e una proposta di società alternativa, credibile, inclusiva e molto partecipativa.

 

 

FONTE: https://www.collettiva.it/copertine/internazionale/milei-presidente-un-neo-liberista-alla-casa-rosada-a5tslprv

 

Views: 26

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

EMI-News è un notiziario aperiodico FIEI/Filef per l'emigrazione fondato da Carlo Levi| 1967-2023

DISCLAIMER
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Il materiale presente non segue una pubblicazione regolare, ed è replicabile citando la fonte.
Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.3.2001. L’autore, inoltre, non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti ai quali è possibile accedere tramite
i collegamenti ipertestuali, forniti come semplice servizio agli utenti della rete. Il fatto che il sito fornisca questi collegamenti non implica l’approvazione dei siti stessi, sulla cui qualità, contenuti e grafica
è declinata ogni responsabilità. Ciascun commento inserito nei post viene lasciato dall’autore dello stesso accettandone ogni eventuale responsabilità civile e penale.