Sterminare tutte le bestie

Tutti i progetti coloniali dei coloni, compreso Israele, raggiungono un punto in cui abbracciano il massacro e il genocidio all’ingrosso per sradicare una popolazione nativa che si rifiuta di capitolare.

 

di Chris Hedges

Durante l’assedio di Sarajevo, quando lavoravo per il New York Times, non abbiamo mai sopportato il livello di bombardamenti a tappeto e il blocco quasi totale di cibo, acqua, carburante e medicine che Israele ha imposto a Gaza. Non abbiamo mai sopportato centinaia di morti e feriti al giorno. Non abbiamo mai sopportato la complicità della comunità internazionale nella campagna di genocidio serba. Non abbiamo mai sopportato che Washington intervenisse per bloccare le risoluzioni sul cessate il fuoco. Non abbiamo mai sopportato le massicce spedizioni di armi dagli Stati Uniti e da altri Paesi occidentali per sostenere l’assedio. Non abbiamo mai sopportato i resoconti della stampa da Sarajevo che venivano regolarmente screditati e respinti dalla comunità internazionale, nonostante 25 giornalisti fossero stati uccisi durante la guerra dalle forze serbe assedianti. Non abbiamo mai sopportato che i governi occidentali giustificassero l’assedio come il diritto dei serbi a difendersi, anche se le forze di pace dell’ONU inviate in Bosnia erano in gran parte un gesto di pubbliche relazioni, inefficace a fermare il massacro fino a quando non sono state costrette a rispondere dopo il massacro di 8.000 uomini e ragazzi bosniaci a Srebrenica.

Non intendo minimizzare l’orrore dell’assedio di Sarajevo, che mi fa venire gli incubi a distanza di due decenni. Ma quello che abbiamo subito – tre o quattrocento proiettili al giorno, quattro o cinque morti al giorno e due dozzine di feriti al giorno – è una minuscola frazione della morte e della distruzione su larga scala a Gaza. L’assedio israeliano di Gaza assomiglia più all’assalto della Wehrmacht a Stalingrado, dove oltre il 90% degli edifici della città fu distrutto, che a Sarajevo.

Venerdì la Striscia di Gaza ha subito l’interruzione di tutte le comunicazioni. Niente Internet. Nessun servizio telefonico. Niente elettricità. L’obiettivo di Israele è l’uccisione di decine, probabilmente centinaia di migliaia di palestinesi e la pulizia etnica di quelli che sopravvivono verso i campi profughi in Egitto. È un tentativo di Israele di cancellare non solo un popolo, ma anche l’idea di Palestina. È una copia carbone delle massicce campagne di massacro razziale di altri progetti coloniali dei coloni, che hanno creduto che la violenza indiscriminata e su vasta scala potesse far scomparire le aspirazioni di un popolo oppresso, a cui hanno rubato la terra. E come altri autori di genocidi, Israele intende tenerli nascosti.

La campagna di bombardamenti di Israele, una delle più pesanti del XXI secolo, ha ucciso più di 7.300 palestinesi, di cui quasi la metà bambini, oltre a 26 giornalisti, operatori sanitari, insegnanti e personale delle Nazioni Unite. Circa 1,4 milioni di palestinesi di Gaza sono stati sfollati e si stima che 600.000 siano senza casa. Moschee, 120 strutture sanitarie, ambulanze, scuole, condomini, supermercati, impianti di trattamento dell’acqua e delle acque reflue e centrali elettriche sono stati ridotti in macerie. Ospedali e cliniche, privi di carburante, medicinali ed elettricità, sono stati bombardati o stanno chiudendo. L’acqua pulita sta finendo. Gaza, alla fine della campagna israeliana di terra bruciata, sarà inabitabile, una tattica che i nazisti utilizzavano regolarmente quando dovevano affrontare la resistenza armata, anche nel ghetto di Varsavia e poi nella stessa Varsavia. Quando Israele avrà finito, Gaza, o almeno Gaza come la conoscevamo, non esisterà più.

Non solo le tattiche sono le stesse, ma anche la retorica. I palestinesi vengono definiti animali, bestie e nazisti. Non hanno il diritto di esistere. I loro figli non hanno diritto di esistere. Devono essere cancellati dalla terra.

Lo sterminio di coloro di cui rubiamo la terra, di cui saccheggiamo le risorse e di cui sfruttiamo il lavoro è codificato nel nostro DNA. Chiedetelo ai nativi americani. Chiedetelo agli indiani. Chiedetelo ai congolesi. Chiedetelo ai Kikuyu in Kenya. Chiedetelo agli Herero in Namibia che, come i palestinesi a Gaza, sono stati uccisi a colpi di pistola e portati in campi di concentramento nel deserto dove sono morti di fame e di malattie. Ottantamila di loro. Chiedetelo agli iracheni. Chiedetelo agli afghani. Chiedetelo ai siriani. Chiedetelo ai curdi. Chiedetelo ai libici. Chiedete alle popolazioni indigene di tutto il mondo. Loro sanno chi siamo.

Il volto distorto e coloniale di Israele è il nostro. Noi fingiamo il contrario. Ci attribuiamo virtù e qualità civilizzatrici che sono, come in Israele, giustificazioni inconsistenti per privare un popolo occupato e assediato dei suoi diritti, per confiscare la sua terra e per usare l’imprigionamento prolungato, la tortura, l’umiliazione, la povertà forzata e l’omicidio per tenerlo soggiogato.

Il nostro passato, compreso quello recente in Medio Oriente, è costruito sull’idea di sottomettere o spazzare via le razze “inferiori” della terra. A queste razze “inferiori” diamo nomi che incarnano il male. ISIS. Al Qaeda. Hezbollah. Hamas. Usiamo insulti razzisti per disumanizzarle. “Haji”, “Negro della sabbia”, “Cammelliere”, “Ali Baba”, “Spalatore di sterco”. E poi, poiché incarnano il male, perché sono meno che umani, ci sentiamo autorizzati, come ha detto Nissim Vaturi, membro del parlamento israeliano per il partito di governo Likud, a cancellare “la Striscia di Gaza dalla faccia della terra”.

Naftali Bennett, ex primo ministro israeliano, in un’intervista a Sky News del 12 ottobre ha detto: “Stiamo combattendo i nazisti”, in altre parole, il male assoluto.

Per non essere da meno, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha descritto Hamas in una conferenza stampa con il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, come “i nuovi nazisti”.

Pensateci. Un popolo, imprigionato nel più grande campo di concentramento del mondo per sedici anni, a cui vengono negati cibo, acqua, carburante e medicine, privo di un esercito, di un’aviazione, di una marina, di unità meccanizzate, di artiglieria, di comando e controllo e di batterie missilistiche, viene massacrato e affamato da uno dei militari più avanzati del pianeta, e loro sono i nazisti?

Esiste un’analogia storica. Ma non è quella che Bennett, Netanyahu o qualsiasi altro leader israeliano vogliono riconoscere.

Quando coloro che sono occupati rifiutano di sottomettersi, quando continuano a resistere, abbandoniamo ogni pretesa di missione “civilizzatrice” e scateniamo, come a Gaza, un’orgia di massacri e distruzione. Ci ubriachiamo di violenza. Questa violenza ci rende folli. Uccidiamo con sconsiderata ferocia. Diventiamo le bestie che accusiamo di essere gli oppressi. Smascheriamo la menzogna della nostra millantata superiorità morale. Sveliamo la verità fondamentale sulla civiltà occidentale: siamo gli assassini più spietati ed efficienti del pianeta. È solo per questo che dominiamo i “miserabili della terra”. Non ha nulla a che fare con la democrazia, la libertà o la liberazione. Questi sono diritti che non intendiamo mai concedere agli oppressi.

“L’onore, la giustizia, la compassione e la libertà sono idee che non hanno riscontri”, ci ricorda Joseph Conrad, autore di “Cuore di tenebra”. “Ci sono solo persone che, senza sapere, capire o provare sentimenti, si inebriano di parole, le ripetono, le gridano, immaginando di crederci senza credere in nient’altro che nel profitto, nel vantaggio personale e nella propria soddisfazione”.

Il genocidio è al centro dell’imperialismo occidentale. Non è un fenomeno esclusivo di Israele. Non è un’esclusiva dei nazisti. È l’elemento costitutivo della dominazione occidentale. Gli interventisti umanitari che insistono sul fatto che dovremmo bombardare e occupare altre nazioni perché incarniamo la bontà – sebbene promuovano l’intervento militare solo quando è percepito come nel nostro interesse nazionale – sono utili idioti della macchina da guerra e degli imperialisti globali. Vivono in una favola alla Alice nel Paese delle Meraviglie, dove i fiumi di sangue che produciamo rendono il mondo più felice e migliore. Sono le faccine sorridenti del genocidio. Potete guardarli sui vostri schermi. Potete ascoltarli declamare la loro pseudo-moralità alla Casa Bianca e al Congresso. Hanno sempre torto. E non se ne vanno mai.

Forse siamo ingannati dalle nostre stesse bugie, ma la maggior parte del mondo vede noi e Israele con chiarezza. Capiscono le nostre tendenze genocide, la nostra ipocrisia e il nostro moralismo. Vedono che i palestinesi, in gran parte senza amici, senza potere, costretti a vivere in squallidi campi profughi o nella diaspora, negati alla loro patria ed eternamente perseguitati, subiscono il tipo di destino un tempo riservato agli ebrei. Questa è forse la tragica ironia finale. Coloro che un tempo avevano bisogno di essere protetti dal genocidio ora lo commettono.

 

FONTE: https://substack.com/

Traduzione: Cambiailmondo.org

Visits: 32

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.