L’Emilia-Romagna apre il bando Boomerang per operatori del Turismo delle radici

BOLOGNA- All’interno del progetto “Le nuove opportunità offerte dal Turismo di ritorno: l’operatore turistico-culturale specializzato in viaggi delle radici”, il Comune di Codigoro, in collaborazione con La Pro Loco di Codigoro e Stazione Sociale APS, intendono individuare 15 tra ragazze e ragazzi di origine emiliano-romagnola residenti all’estero per un percorso formativo “misto”, in parte online ed in parte in presenza, sul tema del turismo delle radici, anche in vista dell’anno italiano del turismo di ritorno previsto per il 2024.
Il corso, di cui si fa portavoce anche la Consulta degli Emiliano-Romagnoli nel mondo, intende fornire competenze manageriali e tecniche per configurare l’offerta complessiva dei servizi e organizzare il processo di erogazione in funzione delle opportunità specifiche del mercato legato al turismo delle radici. In particolare, anche attraverso il confronto con docenti ed esperti, si intende co-progettare itinerari per creare nuovi pacchetti dedicati, e a migliorare l’accoglienza, con l’obiettivo di stimolare l’aumento dei flussi turistici e generare vantaggi economici concreti sia per i ragazzi che vivono all’estero che per quelli che vivono sul territorio del Delta del Po. L’obiettivo è qualificare il prodotto turistico a livello locale mediante la formazione e il coinvolgimento diretto degli attori che potenzialmente potrebbero gravitare nel mondo del turismo esperienziale e culturale, creando nuovi pacchetti e figure professionali che si possano occupare del turismo di ritorno.
Prima fase online: il corso dedicato al turismo delle radici, avrà una durata di 50 ore e al termine dello stesso verrà rilasciato apposito attestato di formazione. Tra questi 15 partecipanti, alla fine del corso, sulla base della frequenza, delle competenze acquisite e degli aspetti motivazioni, verranno individuate 6 persone, il 50% dei posti a disposizione è riservato a giovani appartenenti alle Associazioni di emiliano-romagnoli iscritte all’elenco regionale che proseguiranno il percorso in Italia. Si prevede di svolgere il corso online tra febbraio e marzo 2023, e all’interno delle lezioni verranno fatti approfondimenti sulla lingua italiana.
Seconda fase in presenza: le attività in presenza della durata di 3 settimane sono previste in Italia, a Codigoro (Fe), nel Delta del Po e con escursioni in tutta la Regione Emilia-Romagna, nel periodo maggio/settembre 2023. Il monte ore formativo sarà di almeno 70 ore, con frequenza obbligatoria dell’80%
La domanda di partecipazione dovrà essere presentata entro le ore 12.00 (IT) del 30 dicembre 2022 all’indirizzo: stazionesociale@pec.it.

 

FONTE: aise

Hits: 42

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.