Covid: media Australia, nel 2015 studio cinese sulle bioarmi. Ma per Pechino è un’inchiesta ‘imbarazzante’

(ANSA) – ROMA, 09 MAG – I coronavirus Sars sono le “armi genetiche della nuova era”, che possono essere “artificialmente trasformati in malattie umane virali emergenti e poi usati come arma e scatenati in un modo mai visto prima”. È quanto scrivevano nel 2015, cinque anni prima dell’esplosione della pandemia di Covid, scienziati e funzionari di salute pubblica cinesi, in un documento intitolato ‘The Unnatural Origin of SARS and New Species of Man-Made Viruses as Genetic Bioweapons’, pubblicato su Weekend Australian.

Tra i giornalisti che hanno firmato l’inchiesta c’è Sharri Markson, che in un editoriale televisivo sull’emittente australiana Sky News ha spiegato come il redattore capo del documento (a cui hanno partecipato 18 autori) era Xu Dezhong, leader del gruppo di esperti per l’analisi pandemica della Sars per il ministero della Salute cinese.

Nel documento, racconta la giornalista, “c’è anche una sezione dedicata alle migliori condizioni in cui far scattare un attacco biologico” e, fra le altre cose, vengono analizzati gli effetti sul sistema sanitario del Paese colpito.

Il Global Times, quotidiano in inglese del Partito comunista cinese, ha definito “imbarazzante” l’articolo dei giornalisti australiani, sostenendo che la fonte non è un documento trapelato bensì “un libro venduto anche su Amazon, anche se esaurito”. “Il libro – è la tesi cinese – suggerisce che l’epidemia di Sars fra il 2002 e il 2004 in Cina ha avuto origine da una modificazione innaturale genetica proveniente dall’estero”. (ANSA).

 

Leggi anche l’articolo sul Global Times:

https://www.globaltimes.cn/page/202105/1223003.shtml

 

Il giornale The Australian ha recentemente citato un libro cinese che è apertamente in vendita come un documento esclusivo “trapelato”, in un articolo imbarazzante che infanga la Cina sulle origini del COVID-19, torcendo il contenuto del libro per sostenere la propria teoria di cospirazione che la Cina era impegnata ad armare il nuovo coronavirus diversi anni prima della pandemia.

I netizen e gli esperti cinesi hanno sbattuto il giornale per aver perso la sua etica professionale, traendo ogni possibile indizio per sostenere la propria narrazione politica.

Citando un cosiddetto documento trapelato ottenuto dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, l’australiano ha affermato che la Cina stava sondando se poteva armare il coronavirus cinque anni prima della pandemia COVD-19, e ha anche preso il documento come prova dell’interesse della Cina nelle armi biologiche.

Tuttavia, il Global Times ha scoperto che il documento trapelato menzionato dall’australiano era un libro intitolato The Unnatural Origin of SARS and New Species of Man-Made Virus as Genetic Bioweapon. È stato pubblicato dal medico militare Xu Dezhong nel 2015 ed è in vendita su Amazon, anche se è esaurito. Il libro suggerisce che l’epidemia di SARS durante il 2002 e il 2004 in Cina ha avuto origine attraverso un modo innaturale di modifica genetica proveniente dall’estero.

Un libro accademico che esplora il bioterrorismo e le possibilità che i virus siano usati in guerra è stato interpretato come una teoria di cospirazione da The Australian, che intende deliberatamente e malignamente inventare pretesti per infangare la Cina, Chen Hong, un professore e direttore del Centro Studi Australiani presso l’Università Normale della Cina orientale, ha detto al Global Times di domenica.

È una vergogna che le forze anti-Cina in Australia sostengano la loro ideologia contro la Cina a spese dell’etica giornalistica professionale di base, cospirando per distorcere il vero significato del libro, ha detto Chen.

Il libro sostiene con prove come i laboratori di armi biologiche all’estero abbiano trasferito con successo il virus agli zibetti o ad altri mammiferi, e come gli animali siano stati portati nei mercati della Cina meridionale all’epoca. Il soggetto e l’argomento centrale del libro non ha nulla a che vedere con il rapporto di The Australian che sosteneva che la Cina stava armando il virus della SARS cinque anni prima della pandemia COVID-19.

L’autore del libro ha sottolineato i fatti evidenti che i casi infetti all’epoca erano concentrati nella Cina continentale, Hong Kong e l’isola di Taiwan. Altri casi erano concentrati in paesi e regioni dove vivevano cittadini cinesi e i loro discendenti. Altri casi hanno mostrato che tra i 15 morti per il virus in Canada, 13 erano cinesi. “Non si può escludere che i terroristi all’estero stessero sviluppando armi genetiche contemporanee per combattere contro la Cina”, ha scritto Xu nel libro.

In un’altra affermazione di The Australian, l’idea del libro di Xu suggeriva un uso di armi biologiche per una prevista terza guerra mondiale. L’idea, tuttavia, era solo un’enumerazione oggettiva che elencava una serie di paesi che sviluppavano armi biologiche, compresi gli Stati Uniti, negli ultimi anni.

“Gli Stati Uniti iniziarono la loro ricerca sulle armi biologiche nel 1941, dopo di che furono costruiti una grande quantità di campi di studio e impianti di produzione”, si legge nel secondo capitolo del libro, “durante il 1940 e il 1945, il Giappone invase la Cina con l’uso di armi biologiche e causò una peste nella provincia di Zhejiang della Cina orientale e nella provincia di Hunan della Cina centrale.”

Nella pandemia COVID-19 in corso, esistono anche teorie che il nuovo coronavirus possa aver avuto origine in un istituto di ricerca militare statunitense a Fort Detrick. Gli esperti cinesi hanno chiesto un’indagine sui misteriosi laboratori biologici degli Stati Uniti per capire meglio le origini del coronavirus, e i funzionari russi hanno detto che gli Stati Uniti stanno sviluppando armi biologiche in quei laboratori.

 

Hits: 89

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.