Il miracolo della crescita del Lussemburgo ha un nome, quello del valico di frontiera

‎Di Dominique Gros‎ (ex sindaco di Metz , Francia)

‎Ogni anno il Lussemburgo trattiene le tasse riscosse alla fonte sui lavoratori frontalieri che vi lavorano, mentre la loro formazione e i loro diritti sociali sono di competenza del loro paese di residenza, denuncia Dominique Gros, presidente dell’associazione Beyond Borders, in un articolo di opinione su Le Monde.‎

‎ ‎‎L’indagine OpenLux ci consente di capire come l’uso tempestivo dei quadri normativi europei consenta al Lussemburgo di attrarre ricchezza a spese di altri paesi. ‎‎ ‎‎ ‎

Il Lussemburgo ha rispettato le normative europee e le raccomandazioni dell’Ocse, che applicherebbe con grande rigore. È la gelosia di altri paesi europei di fronte all’insolente crescita del Lussemburgo che servirebbe da combustibile per l’iniziativa OpenLux.‎ Questo é la versione ufficiale.

‎Nel cuore dell’Europa, nel 2021, e da una capitale europea, è possibile offendere l’etica e l’equità, legalmente, e rivendicarla. Inoltre, questa non è una posizione abilmente calcolata e ponderata per l’occasione. Si tratta di un atteggiamento costante del Lussemburgo su tutte le questioni finanziarie e fiscali: tutto ciò che non è vietato è consentito.‎

‎Lo stesso vale per le relazioni del Lussemburgo con i territori di frontiera, che forniscono la metà della sua forza lavoro. Non solo la ricchezza prodotta non è condivisa, ma il Lussemburgo non sopporta i corrispondenti oneri residenziali.‎

‎Da un lato, il gettito delle imposte sul lavoro. Dall’altro, le spese residenziali. Ed è una delle chiavi della prosperità del Lussemburgo. Dal punto di vista giuridico, è ovvio.‎

‎Miracolo del Lussemburgo‎

‎Il miracolo della crescita lussemburghese ha un nome, quello del valico di frontiera. Il mercato del lavoro lussemburghese occupa 445.000 posti di lavoro detenuti da 120.000 lussemburghesi, 120.000 residenti stranieri e 205.000 valichi di frontiera. Questi 205.000 valichi di frontiera pagano le tasse alla fonte in Lussemburgo, ma sono coperti dal loro paese di residenza, metà dei quali in Francia. E lo stesso vale per i pensionati.‎

‎Da oltre vent’anni gli enti locali francesi di frontiera chiedono al Lussemburgo una compensazione fiscale, senza successo, mentre la Francia ha negoziato tali accordi con, ad esempio, Belgio, Germania e Svizzera. Ma senza un quadro normativo e senza vincoli, il Lussemburgo si rifiuta di farlo.‎

‎È giuridicamente che mantiene i 3,5 miliardi di euro di imposte riscosse sui valichi di frontiera per riservare il frutto dell’imposta ai soli residenti lussemburghesi.‎

‎La formazione dei 325.000 beni di frontiera ed esteri residenti è stata finanziata dagli Stati limitrofi, per un costo complessivo di oltre 13 miliardi, mentre il Lussemburgo ha complessivamente 110.000 beni residenti in Lussemburgo.‎

‎Tre quarti dei costi sostenuti dagli Stati vicini, un quarto dal Lussemburgo. È legale. È un dono della solidarietà europea. E gli infermieri di frontiera sono gravemente carenti negli ospedali della Lorena in questa crisi covid-19.‎

‎I 205.000 frontalieri contribuiscono al Fondo lussemburghese per l’occupazione, 115 milioni di euro all’anno, ma quando un transfrontaliero è disoccupato da più di tre mesi, viene curato dal sistema del suo paese di residenza senza alcun rimborso da parte del Lussemburgo. È legale. È indecente.

‎”Esternalità positive”‎

‎In totale, 4,4 miliardi di euro di “esternalità positive” sono offerti al Lussemburgo dagli Stati vicini, o il 20% del suo bilancio, di cui 2,2 miliardi sostenuti dalla Francia e dai comuni francesi.‎

‎C’è da meravigliarsi, quindi, che il Lussemburgo possa sistematicamente fissare aliquote fiscali più basse rispetto ai paesi vicini? C’è da meravigliarsi che l’indagine OpenLux riveli che è possibile pagare meno tasse su una serie di servizi finanziari in Lussemburgo?‎

‎La Francia, il Belgio, la Germania e l’Europa hanno le soluzioni in mano, perché sono i loro cittadini a rendere competitiva la ricchezza del Lussemburgo e la mancanza di ripartizione degli oneri.‎

‎La Svizzera e Il cantone di Ginevra, che dal 1973 hanno bisogno di 100.000 transfrontalieri francesi, come il Lussemburgo, versano oltre il 3,5 per cento degli stipendi lordi  ai loro comuni e dipartimenti di residenza. Non è obbligatorio, ma è giusto.‎

‎La Francia, che aumenta le tasse sui lavoratori frontalieri francesi che lavorano in altri cantoni svizzeri, dal 1983 versa ai loro comuni di lavoro il 4,5% degli stipendi lordi dei lavoratori frontalieri. Non è obbligatorio, ma equo.‎

‎La Francia non può stupirsi delle rivelazioni delle indagini OpenLux. Ha chiuso gli occhi per molto tempo.‎

‎Dominique Gros, ex sindaco di Metz (2008-2020), consigliere della contea della Mosella, è presidente dell’associazione Beyond Borders.‎

 

Hits: 48

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.