“Giustizia è restituire ai poveri ciò che è loro”. Papa Francesco indica i fondamenti di un diritto che tuteli i deboli

“Il diritto di proprietà – ha ribadito Papa Francesco in un videomessaggio – è un diritto naturale secondario derivante dal diritto che hanno tutti, nato dalla destinazione universale dei beni creati”. E non c’è giustizia sociale “che possa fondarsi sull’iniquità” rappresentata dalla “concentrazione della ricchezza”. Invece per costruire “la nuova giustizia sociale” dobbiamo ammettere “che la tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto e intoccabile il diritto alla proprietà privata” e ne ha sottolineato sempre la funzione sociale. Quando, ricorrendo alle leggi e al diritto, “diamo ai poveri le cose indispensabili, non diamo loro le nostre cose, né quelle di terzi”, ma “restituiamo loro ciò che è loro”.

Sono questi i criteri base che il Papa ha proposto al primo incontro virtuale dei Giudici membri dei Comitati per i diritti sociali di Africa e America sul tema “La costruzione della giustizia sociale. Verso la piena applicazione dei diritti fondamentali delle persone in condizioni di vulnerabilità”, che si tiene fino a domani in Perù.

Ai giudici, pubblici ministeri, consulenti, avvocati di Argentina e Brasile, Canada e Stati Uniti, Cuba e Guatemala, ma anche Marocco, e membri della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, molti dei quali hanno partecipato al vertice del 3-4 giugno 2019 in Vaticano, il Papa ha ricordato, nel suo discorso, che, per la dottrina sociale della Chiesa, “il diritto di proprietà è un diritto naturale secondario derivante dal diritto che hanno tutti, nato dalla destinazione universale dei beni creati”. E quindi che: “Non c’è giustizia sociale che possa fondarsi sull’iniquità, che presuppone la concentrazione della ricchezza”.

Alle donne e gli uomini che in due continenti “lavorano per dispensare giustizia” e pensano a come “costruire la nuova giustizia sociale” Francesco ha elencato le cinque basi di questa giustizia sociale. “Le vostre idee, prima di tutto, non dovrebbero perdere di vista la realtà, l’angosciante quadro in cui una piccola parte dell’umanità vive nell’opulenza, mentre a un numero sempre maggiore di maggiore la dignità è sconosciuta e i loro diritti umani vengono ignorati e violati. Non possiamo pensare sconnessi dalla realtà”.

La seconda base della nuova giustizia sociale, per il Pontefice, è riconoscere che questa è “un’opera collettiva”, nella quale “tutti e tutte le persone benintenzionate sfidano l’utopia e ammettono che, come il bene e l’amore, anche la giustizia è un compito che si deve conquistare ogni giorno”, perché lo squilibrio è la tentazione di ogni istante. Per questo, ed è la terza base, è necessario “un atteggiamento d’impegno, seguendo il cammino del buon samaritano”, perché è troppo frequente la tentazione “di disinteressarsi degli altri, specialmente dei più deboli”.

“Dobbiamo ammettere – ha poi aggiunto il Papa – che ci siamo abituati a passare di lato, a ignorare le situazioni finché queste non ci colpiscono direttamente. L’impegno incondizionato è farci carico del dolore dell’altro, e non scivolare verso una cultura dell’indifferenza.

La quarta “e obbligata” riflessione per chi vuol realizzare “una nuova giustizia sociale per il nostro pianeta, assetato di dignità” è dunque considerare la storia “come asse conduttore”. “Lì – ha spiegato – ci sono le lotte, i trionfi e le sconfitte. Lì si trova il sangue di quanti hanno dato la propria vita per un’umanità piena e integrata”. Sono le radici delle esperienze, “anche quelle della giustizia sociale che oggi vogliamo ripensare, far crescere e potenziare”.

La quinta base, ha continuato il Papa, “è il popolo”: non pretendiamo “di essere élite illuminata, ma popolo, dimostrandoci costanti e instancabili nel lavoro di includere, integrare e sollevare chi è caduto”. Perché quelli che seguono il cammino della “élite di Dio”, “finiscono nei tanto noti clericalismi elitari che lavorano per il popolo, ma non fanno nulla con il popolo”, e non si sentono popolo.

In buona sostanza, infine, Francesco ha chiesto a coloro che vogliano ripensare l’idea di giustizia sociale, di dimostrarsi “solidali e giusti”. Solidali, lottando “contro le cause strutturali della povertà, la disuguaglianza, la mancanza di lavoro, di terra e di alloggio. Terra, tetto e lavoro, techo, tierra y trabajo, le tre ‘T’ che ci rendono degni”: lottando, insomma contro quanti negano i diritti sociali e lavorativi. Lottando contro quella cultura che porta a usare gli altri, a schiavizzare gli altri e finisce col togliere la dignità agli altri.

L’idea proposta da Bergoglio è dunque costruire “la nuova giustizia sociale ammettendo che la tradizione cristiana non ha mai riconosciuto come assoluto e intoccabile il diritto alla proprietà privata e ha sottolineato sempre la funzione sociale di ogni sua forma”.

Anche nel saluto in apertura alla due giorni on line che ha fatto seguito al vertice, un anno fa in Vaticano, dei giudici panamericani sui diritti sociali e la dottrina francescana, il Pontefice ha sottolineato ai magistrati che questa “pausa” del loro lavoro ordinario li aiuterà “ad acquisire una dimensione più completa della loro “missione” e della loro “responsabilità sociale”. Ed ha ripetuto loro di considerare “i giudici impegnati nei diritti sociali, alla pari dei movimenti sociali, sono dei poeti. E la chiarisce: “Il poeta ha bisogno di contemplare, pensare, comprendere la musica delle realtà e plasmarla con parole”.

“Voi – ha spiegato – in ogni decisione, in ogni sentenza, siete di fronte alla felice possibilità di fare poesia: una poesia che curi le ferite dei poveri, che integri il pianeta, che protegga la madre terra e tutta la sua discendenza. Una poesia che ripari, redima, e nutra”.

Con decisione e con coraggio, “siate consapevoli che tutto ciò che potete apportare con la vostra rettitudine e il vostro impegno è molto importante”. Perché “quando una giustizia è realmente giusta, quella giustizia rende felice i Paesi e degni i loro abitanti”. Infatti “nessuna sentenza può essere giusta, nessuna legge legittima se ciò che generano è più disuguaglianza”, oppure “più perdita di diritti, indegnità o violenza”. “Una poesia che non trasforma – ha poi concluso – è solo una manciata di parole morte”.

 

FONTE: http://www.farodiroma.it/giustizia-e-restituire-ai-poveri-cio-che-e-loro-papa-francesco-indica-i-fondamenti-di-un-diritto-che-tuteli-i-deboli/

Hits: 491

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.