17 10 30 NEWS DAI PARLAMENTARI ELETTI ALL’ESTERO E ALTRE COMUNICAZIONI.

1 – sabato, 21 ottobre, si è svolto a Montreal l’incontro annuale dell’associazione dei Marchigiani in Canada (A.L.M.A.), che quest’anno celebra i suoi 41 anni di vita.
2 – FEDI (PD): positivo incontro con i presidenti dei circoli dei pensionati di Melbourne e confronto sulle tematiche più attuali.
3 – Claudio Zin (MAIE) interviene in aula sulla legge elettorale. “Votiamo NO all’ emendamento PD/AP che permette candidature all’estero dei residenti in Italia e al ridicolo emendamento Fiano (PD). Chiaramente no alla fiducia a questo governo”
4 – FEDI E PORTA (PD): APE sociale e contributi esteri, il sì dell’Inps.
5 – L’ON. LA MARCA incontra le collettività italiane di CITTÀ DEL MESSICO E PUEBLA . Dal 23 al 26 ottobre, l’on. La Marca è stata in visita alle comunità italiane in Messico.
6 – FEDI (PD): INCONTRO CON IL DEPUTATO PETER KHALIL NEL SEGGIO DI WILLS, CUORE ITALIANO D’AUSTRALIA.

1 – SABATO, 21 OTTOBRE, SI È SVOLTO A MONTREAL L’INCONTRO ANNUALE DELL’ASSOCIAZIONE DEI MARCHIGIANI IN CANADA (A.L.M.A.), CHE QUEST’ANNO CELEBRA I SUOI 41 ANNI DI VITA.
Ospite d’onore l’on. Laura Boldrini che ha inserito la visita a questa associazione nel fitto calendario dei suoi impegni in terra canadese.
Hanno fatto gli onori di casa l’Ambasciatore Taffuri, il Console Rusconi, la Presidente dell’associazione, Anna Perrotti, e Marco Luciani Castiglia.
La Presidente Boldrini ha partecipato al cocktail che ha preceduto la cena e nel suo saluto ha parlato dell’importanza della famiglia nella cultura dei marchigiani, dell’attuale condizione in cui versano le città e i paesi colpiti dal terremoto, del futuro del Paese e di altre questioni di ordine generale.
La Presidente Boldrini, poi, assistita dalla Presidente Anna Perrotti, ha consegnato alcune borse di studio a giovani studenti di origine marchigiana. L’associazione, inoltre, ha fatto una donazione significativa a favore dell’ospedale per i bambini di Montreal.
Nel corso della serata è intervenuta anche l’on. La Marca. La parlamentare ha ringraziato la Presidente Perrotti e gli altri organizzatori per l’invito e ha ricordato di essere stata presente anche al quarantesimo anniversario del sodalizio.
La Marca, poi, ha sottolineato l’importanza della presenza della Presidente della Camera, una personalità che “si fa onore per il suo impegno nel sociale e nel campo umanitario”. “Per me – ha aggiunto – l’on. Boldrini è un modello come politico e come donna perché tutto ciò che fa lo compie con dignità e coerenza”.
La parlamentare ha così proseguito: “Come unica canadese per nascita e formazione presente a Montecitorio non posso che lodare un’associazione come la vostra, che divulga la cultura marchigiana in Canada e rafforza i rapporti tra il Canada e la terra di origine. Associazioni come questa sono state per me fonte di ispirazione nel presentare una proposta di legge per il riconoscimento della Giornata nazionale degli italiani nel mondo, che è in via di approvazione alla Camera per passare subito al Senato”.
L’on. La Marca, dopo avere accennato al suo pressante impegno per il finanziamento degli enti gestori dei corsi di lingua e cultura italiana presenti in Canada, per il reciproco riconoscimento delle patenti di guida e per il miglioramento dei servizi consolari ai nostri connazionali, ha concluso citando lo scrittore Guido Piovene: “Piovene ha scritto: ‘Un viaggio nelle Marche non frettoloso porta a vedere meraviglie’. Mi auguro che ognuno di voi possa avere la fortuna di scoprire le meraviglie di questa terra nel suo prossimo viaggio in Italia. Ad A.L.M.A., come a tutti voi, faccio i migliori auguri per questi primi quarantuno anni di vita”.
On./Hon. Francesca La Marca, Ph.D.
Circoscrizione Estero, Ripartizione Nord e Centro America
Electoral College of North and Central America

2 – FEDI (PD): POSITIVO INCONTRO CON I PRESIDENTI DEI CIRCOLI DEI PENSIONATI DI MELBOURNE E CONFRONTO SULLE TEMATICHE PIÙ ATTUALI. L’on. Fedi ha incontrato a Melbourne i Presidenti dei circoli dei pensionati coordinati dal Co.As.It., la cui presidenza è affidata a Frank Di Blasi. L’incontro con i circoli, che si svolge periodicamente, si è tenuto presso la sede del Com.It.Es. e ha avuto lo scopo di analizzare diverse tematiche di interesse per gli anziani italiani, con lo scopo di individuare priorità, sviluppare programmi e realizzare iniziative sociali, culturali e ricreative. 25 OTTOBRE 2017

Nel suo intervento l’on. Fedi ha sottolineato l’importanza del lavoro fatto in Australia nei riguardi degli italiani della terza età: “Insieme abbiamo costruito in questo Paese una presenza organizzata che non ha eguali. Una rete di sostegno ai più deboli, una catena di solidarietà tra le varie comunità, una voce a tutela dei pensionati e delle loro famiglie. Una comunità di donne e uomini che contribuisce ogni giorno a rafforzare il multiculturalismo e a migliorare le condizioni di vita della terza età. È giusto ricordarlo a tutti, a partire da noi che abbiamo responsabilità politiche”.

Per quanto riguarda l’attività parlamentare, Fedi ha ricordato la recente approvazione della legge elettorale. Il parlamentare ha sottolineato come questo provvedimento vada nella direzione di “dare all’Italia la possibilità di avere un governo dopo le prossime elezioni politiche ed una maggioranza omogenea tra Camera e Senato, che senza una legge elettorale mirata sarebbero risultatati disomogenei”.

Sul tema, ha comunque precisato: “Non ho votato l’articolo che introduce la possibilità per i residenti in Italia di candidarsi all’estero perché questa modifica mette in discussione l’impianto costituzionale della unicità della Circoscrizione estero e della rappresentanza ad esso legata, oltre ad essere un grave errore politico”.
In merito alla prossima legge di bilancio che approderà in Parlamento in questi giorni, Fedi ha illustrato i principali temi sui quali lui e gli altri eletti del PD all’estero si stanno impegnando: “Stiamo lavorando per evitare pericolose inversioni di tendenza rispetto al principio della parità di trattamento, quindi modifiche al sistema di pagamento della 14esima, ma nessun taglio per i pensionati. Il nostro obiettivo, inoltre, è quello di aumentare i fondi per i corsi degli enti gestori, oltre che di favorire la stabilizzazione dell’intero settore. Abbiamo predisposto emendamenti sul tema della fiscalità generale per garantire che il credito d’imposta venga sempre riconosciuto ai lavoratori dipendenti, in piena rispondenza alle convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni fiscali. Analogamente riprenderemo il discorso per le agevolazioni fiscali a favore dei lavoratori che rientrano in Italia dall’estero. Siamo impegnati a vedere affrontato e risolto il tema della previdenza per il personale a contratto della rete diplomatica-consolare nel mondo, con i versamenti INPS sull’intera retribuzione. Chiediamo inoltre che si prevedano adeguati meccanismi per la rivalutazione delle retribuzioni. Dobbiamo garantire stabilità e certezze anche alla rappresentanza di base, Com.It.Es. e C.G.I.E., assicurando risorse sufficienti a svolgere i compiti che le leggi istitutive assegnano loro.
Abbiamo predisposto, inoltre, emendamenti migliorativi per le Camere di Commercio italiane all’estero, sia per aumentare le risorse a loro disposizione che per migliorare la loro proiezione internazionale e l’azione di raccordo con l’intero sistema Italia. Lavoriamo inoltre sulla rete dei consolati onorari e siamo impegnati nell’utilizzo di una quota delle percezioni consolari, da tutte le tariffe, per migliorare i servizi ai cittadini”.
Concludendo l’on. Fedi ha ricordato che i lavori della prossima Commissione Continentale dei Paesi Anglofoni extra-europei del CGIE si svolgeranno a Melbourne e che si augura che l’occasione costituisca un’utile possibilità di confronto e approfondimento su questi temi.
www.marcofedi.it

3 – CLAUDIO ZIN (MAIE) INTERVIENE IN AULA SULLA LEGGE ELETTORALE. “VOTIAMO NO ALL’ EMENDAMENTO PD/AP CHE PERMETTE CANDIDATURE ALL’ESTERO DEI RESIDENTI IN ITALIA E AL RIDICOLO EMENDAMENTO FIANO (PD). CHIARAMENTE NO ALLA FIDUCIA A QUESTO GOVERNO”
Roma, 26 ottobre 2017: – L’on. Claudio Zin (MAIE Argentina) è intervenuto oggi nel dibattito in corso sul Rosatellum, con argomentazioni molto critiche, annunciando a nome del Movimento Associativo Italiani all’Estero il voto contrario alla fiducia: “Sono convinto – ha detto – che sia assolutamente sbagliato far approvare una legge elettorale a colpi di fiducia, ancor peggio se questo accade alla fine della legislatura. Il MAIE voterà contro la fiducia a questo governo perché fondamentalmente non se la merita!
Ricordo – ha sottolineato Zin – che la legge Tremaglia è nata per dare la possibilità agli italiani che vivono all’estero di partecipare alla politica italiana in Parlamento, eleggendo propri rappresentanti direttamente nella propria comunità di residenza.
Consentire ad un cittadino residente in Italia di candidarsi nella circoscrizione estero – e per di più senza reciprocità, non consentendo ad un residente all’estero di candidarsi in Italia – è un’ ulteriore restrizione alla rappresentanza in parlamento delle nostre comunità che avrebbero diritto ad averne molta di più.
Signor Presidente,
Cari Colleghi,
È chiaro che ci troviamo di fronte ad un governo che, insieme ai suoi alleati in Parlamento, disprezza i 4.973.942 cittadini italiani residenti all’estero.

Sono convinto che sia assolutamente sbagliato far approvare una legge elettorale con la fiducia, ancor peggio alla fine di una legislatura che ha avuto come protagonista un governo completamente assente sui numerosi problemi che affliggono i nostri concittadini residenti all’estero.
Dopo aver distrutto la rete consolare, oggi assistiamo al tentativo di colpire anche la credibilità del voto all’estero.
Questo governo ha deciso infatti di dare agli italiani residenti in Italia la possibilità di candidarsi anche all’estero, negando invece ai candidati della circoscrizione Estero la possibilità di candidarsi in alcun collegio plurinominale o uninominale del territorio nazionale.
Dare la possibilità ai residenti in Italia di candidarsi anche all’estero significa solo voler snaturare la legge Tremaglia, pensata per consentire proprio agli italiani che vivono all’estero di partecipare alla politica italiana in Parlamento, attraverso i loro rappresentanti.
Come se non bastasse, a tutto ciò si aggiunge il divieto di potersi candidare all’estero a tutti coloro che abbiano ricoperto una carica di governo a qualsiasi livello, elettiva o no, nel Paese di residenza, nei cinque anni precedenti la data dell’elezione.
Anche in questo caso siamo in presenza di un emendamento di dubbia costituzionalità, le cui motivazioni non sono state spiegate neanche dal suo stesso autore.
Una previsione talmente vaga da non riuscire nemmeno a chiarire chi sarà colpito da questo divieto di candidabilità;- con la conseguenza che provocherà sicuramente degli equivoci che potrebbero sfociare in istanze giudiziarie.
Io una spiegazione me la sono data: questo emendamento nasce da qualcuno che, presumibilmente in Brasile, si è sentito minacciato politicamente. Ma l’esito di questo azzardo legislativo sarà il rischio di lasciar fuori dalla competizione i cittadini italiani che avrebbero voluto partecipare democraticamente alla prossima sfida elettorale.
Oggi, in qualità di rappresentante del MAIE- Movimento Associativo degli Italiani all’Estero, negherò la fiducia al governo, esprimendo il mio voto contrario, in dissenso dal mio gruppo.
Concludo il mio intervento riportando le parole di un mio caro amico senatore sulla particolare vicenda di noi italiani all’estero:
COMPRENDO LA TUA AMAREZZA, HANNO FATTO UN ENORME INGIUSTIZIA.INSPIEGABILE E FORSE ANCHE INCOSTITUZIONALE.
E da ultimo vorrei chiarire che, contrariamente ad alcune voci di corridoio, il MAIE non candiderà nella sua lista alcun cittadino italiano residente in Italia.
Quindi con fermezza e determinazione il MAIE vota NO a questa fiducia e alle politiche di questo Governo!” ha concluso il sen. Claudio Zi

4 – FEDI E PORTA (PD): APE SOCIALE E CONTRIBUTI ESTERI, IL SÌ DELL’INPS. In seguito alle nostre prese di posizione e all’interrogazione al Ministero del Lavoro, l’INPS ha finalmente emanato un messaggio dove vengono accolte le nostre richieste di prendere in considerazione la contribuzione estera ai fini del perfezionamento del requisito contributivo per il diritto all’Ape Sociale. 27 OTTOBRE 2017
Fermo restando quindi il requisito della residenza in Italia, il diritto all’Ape Sociale (anticipo dell’età pensionabile) potrà essere maturato anche con l’utilizzo dei contributi versati all’estero che erano stati precedentemente esclusi.
Infatti con il Messaggio n. 4170 intitolato “Valutazione della contribuzione estera ai fini del requisito contributivo necessario per accedere all’indennità di Ape Sociale di cui all’Articolo 1 commi da 179 a 186 della legge n. 232 del 2016 PER LA DOMANDE PRESENTATE DAL 16 LUGLIO AL 30 NOVEMBRE 2017” , l’Inps informa che all’esito della prima fase di applicazione della norma sull’Ape Sociale, correlata all’invio delle domande di riconoscimento delle condizioni di accesso al beneficio entro il 15 luglio u.s., è emerso che la platea dei destinatari sarà presumibilmente inferiore rispetto a quella prevista e, conseguentemente, ai fondi stanziati, e che le domande per il riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’Ape Sociale presentate oltre il 15 luglio 2017 ed il 31 marzo 2018 e, comunque, non oltre il 30 novembre di ciascun anno, sono prese in considerazione esclusivamente se, all’esito del monitoraggio residueranno le necessarie risorse finanziarie. Cosa quindi avvenuta quest’anno.
Perciò, ci dice l’Inps nel suo messaggio, al fine di favorire, in questa seconda fase di monitoraggio che terminerà il 30 novembre 2017, l’ingresso di potenziali beneficiari con contribuzione estera che sono stati inizialmente esclusi per difetto del requisito contributivo, è possibile su concorde parere del Ministero del lavoro e delle politiche sociali espresso con nota del 6.10.2017 prot. n. 6956 consentire il perfezionamento del requisito contributivo minimo per l’accesso all’Ape Sociale totalizzando i periodi assicurativi italiani con quelli esteri, maturati in Paesi UE, Svizzera, SEE o extracomunitari convenzionati con l’Italia.
Le domande di certificazione delle condizioni di accesso al beneficio dell’Ape Sociale presentate in data successiva al 15 luglio 2017 dovranno essere istruite, o se già istruite, riesaminate, alla luce del criterio esposto nel presente messaggio.
I deputati PD Estero, Marco Fedi e Fabio Porta.

5 – L’ON. LA MARCA INCONTRA LE COLLETTIVITÀ ITALIANE DI CITTÀ DEL MESSICO E PUEBLA . Dal 23 al 26 ottobre, l’on. La Marca è stata in visita alle comunità italiane in Messico. Si è trattato di una seconda visita dal momento che la parlamentare vi era già stata due anni addietro. Questa volta gli incontri hanno avuto particolari risvolti emozionali e problematici a causa del recente terremoto che ha colpito duramente importanti aree del paese centroamericano. 27 OTTOBRE 2017

Il 23 ottobre l’on. La Marca si è incontrata con la comunità italiana di Città del Messico presso il locale Istituto italiano di cultura. La parlamentare, dopo avere ringraziato il Console Epifani, il Patronato Ital, Adalberto Cortesi e il direttore dell’Istituto di cultura Marco Marica per essersi fatti carico dell’organizzazione della sua presenza, ha ricordato la sua precedente visita a Città del Messico, Chipilo e Puebla, nel corso della quale ha potuto cogliere una realtà più complessa di quella che si attendeva e ascoltare le esigenze della comunità.

“Questa comunità e tutto il paese – ha continuato La Marca – sono stati colpiti lo scorso mese da un pesante terremoto. Nei giorni immediatamente successivi, ho avuto modo, insieme alle massime autorità istituzionali italiane, di esprimere la mia vicinanza e solidarietà al popolo messicano. Di fronte a questa sciagura, l’Italia ha fatto la sua parte mettendo a disposizione aiuti umanitari; essa, inoltre, continuerà a rafforzare i rapporti bilaterali con il Messico.

L’on. La Marca ha fatto poi un accenno ai risultati che il PD ha potuto raggiungere negli ultimi anni: il fermo della chiusura di sedi consolari, il recupero e l’utilizzo di una quota delle percezioni consolari per migliorare la rete dei servizi, invertendo un trend negativo, la riapertura della nostra ambasciata a Santo Domingo. Per la promozione della lingua e della cultura sono state aumentate le risorse per la Dante Alighieri e si sta cercando di rafforzare gli Istituti italiani di cultura. Sono state, inoltre, aumentate le dotazioni per le Camere di commercio italiane all’estero e si sta lavorando ad una riforma che valorizzi il ruolo dei Comites e del Cgie, anche aumentando le risorse per il loro funzionamento.

“Ho vissuto la mia esperienza parlamentare con spirito di servizio – ha affermato La Marca – e intendo continuare a farlo”. Ne sono una prova i temi del suo impegno più diretto, quale l’aumento delle risorse per la stampa italiana all’estero, la reintegrazione dei fondi assegnati ad alcuni enti gestori di corsi di lingua e cultura, l’accordo per le patenti di guida tra Italia e Canada, il costante impegno per il miglioramento dei servizi consolari e l’istituzione della Giornata nazionale per gli italiani nel mondo, un grande riconoscimento per tutta la nostra emigrazione, passata e presente.

Sulla recente approvazione della legge elettorale la parlamentare ha ricordato di avere manifestato il suo dissenso sull’emendamento che dà la possibilità a un cittadino residente in Italia di candidarsi in una ripartizione estera non partecipando al voto sullo stesso emendamento e sull’art. 5 che lo contiene. Ha ritenuto di dover approvare l’intera legge perché ha ritenuto suo dovere dare all’Italia una legge capace di rendere omogenea la composizione di Camera e Senato al fine di rafforzare la governabilità del Paese, come da tanti italiani all’estero ci viene richiesto.

All’intervento ha fatto seguito un partecipato dibattito che ha offerto anche numerosi spunti di lavoro suggeriti dai presenti.

L’indomani l’on. La Marca si è incontrata con il vice presidente della Camera di commercio italiana Lorenzo Vianello, con il presidente del Comites, Gianluca Brocca e la presidente dell’AIA, Regina Casalini. Con loro ha avuto un proficuo scambio di vedute su come migliorare il commercio italiano in Messico, sul rafforzamento dei servizi erogati ai nostri pensionati, sull’attività e sulle esigenze dei COMITES e su altri aspetti attinenti alla vita della nostra comunità.

Nello stesso giorno ha visitato il Salone del vino italiano, organizzato dall’ICE, dove ha potuto conoscere numerosi membri della collettività italiana e interloquire con loro sulle più dirette esigenze.

In serata, la parlamentare ha avuto una cena presso la residenza dell’Ambasciatore Maccotta alla presenza dei rappresentanti degli enti che promuovono il Sistema Italia in Messico e con la partecipazione del presidente della commissione Esteri della Camera di Deputati messicana.

Il 25 ottobre, infine, La Marca, accompagnata dal Console di Città del Messico, Paolo Epifani, e dal console onorario di Puebla, Stefano Stortoni, ha avuto un incontro con il governatore dello stato del Tlaxcala, Marco Antonio Mena Rodríguez. Nel corso dell’incontro, al quale è stato presente anche il ministro dello sviluppo economico dello Stato, si è parlato di scambi tra l’Italia e il Tlaxcala, in particolare a livello giovanile.

Ha fatto seguito l’incontro con la comunità italiana di Puebla, durante il quale vi è stato un interessante scambio di vedute sui temi di maggiore sensibilità per gli italiani di quell’area.
On./Hon. Francesca La Marca, Ph.D.
Circoscrizione Estero, Ripartizione Nord e Centro America
Electoral College of North and Central America

6 – FEDI (PD): INCONTRO CON IL DEPUTATO PETER KHALIL NEL SEGGIO DI WILLS, CUORE ITALIANO D’AUSTRALIA. L’onorevole Marco Fedi, Deputato eletto nel Parlamento Italiano per la ripartizione Africa, Asia, Oceania e Antartide, ha incontrato il Deputato del Parlamento australiano, Peter Khalil, eletto nel seggio federale di Wills, uno dei collegi storicamente più importanti per la comunità italiana d’Australia.
30 OTTOBRE 2017
Marco Fedi e Peter Khalil si sono incontrati per la prima volta nell’ufficio elettorale di Wills.
Molti i temi affrontati, dall’interscambio Italia-Australia, con le crescenti opportunità economico-commerciali, ai temi della politica internazionale e della sicurezza, con il ruolo dell’Italia nell’Unione Europea e dell’Australia nell’area Asia-Pacifico.
Marco Fedi e Peter Khalil hanno concordato un programma di iniziative comunitarie per informare la comunità italiana sui temi della cittadinanza, del fisco e della sicurezza sociale.

Visits: 21

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.