Crosetto e i riservisti per l’esercito italiano: “Servono per difendersi in caso di attacco diretto”

FOTO: MIN.DIFESA

Le parole del ministro della difesa: “Abbiamo trasformato le forze armate con l’idea che non ci fosse più bisogno di difendere il nostro territorio e che la pace fosse una conquista di fatto irreversibile. Ora i recinti sono stati abbattuti, non ci sono più regole”

 

“C’è una guerra commerciale in atto che vuole alterare le regole globali. È una guerra che si innesca su un’altra guerra”. Il ministro della difesa, Guido Crosetto, in un’intervista rilasciata oggi a La Stampa, annuncia che l’Italia si deve preparare al mondo che cambia e che serviranno riservisti “per difendersi insieme alle forze armate”. Crosetto ragiona: “Abbiamo trasformato le forze armate con l’idea che non ci fosse più bisogno di difendere il nostro territorio e che la pace fosse una conquista di fatto irreversibile. Le forze armate, in questo quadro, al massimo partecipano a missioni di pace, senza arrivare a scontri veri e propri. Ora i recinti sono stati abbattuti, non ci sono più regole”.

La “guerra ibrida” secondo Crosetto

Secondo Crosetto, gli attacchi alle navi nel Mar Rosso non sono solo un’offensiva militare ma un nuovo capitolo “di guerra ibrida”. “L’Italia manderà una nave che si aggiunge alle altre già presenti in zona per le altre missioni – annuncia il ministro della difesa -. Per andare più rapidi abbiamo trovato un accordo con Francia e Germania. Poi, però, per dei puri dettagli, si perdono settimane e ora non ce lo possiamo permettere. Noi non possiamo bombardare, a meno che ci sia una risoluzione internazionale o la richiesta di un Paese amico. Possiamo rispondere agli attacchi, magari anche anticipandoli”.

Poi il monito. “Abbiamo costruito regole con l’idea di un mondo sempre pacifico, di nazioni che non invadono le altre, di guerre che non incidono sul benessere dei nostri cittadini. E invece – mette in guardia il ministro – ci ritroviamo in un mondo diverso, in cui gli attori che lo stanno destabilizzando, Iran, Russia e Corea del Nord, hanno una capacità produttiva militare superiore a quella della Nato”.

“L’esercito ha bisogno di riservisti per difendere l’Italia”

Il ruolo del ministro della difesa, sottolinea ancora Guido Crosetto, “presuppone di prendere in considerazione gli scenari peggiori possibili”, come quello di “doversi difendere sul proprio territorio. Altra cosa che va prevista è intervenire in Paesi lontani per difendere gli interessi italiani. So che è un discorso difficile da accettare perché tutti noi tendiamo a nasconderci in una comfort zone”.

Per questo propone di creare una riserva militare. “Noi non vogliamo la guerra – chiarisce -, i riservisti non servono per fare la guerra, ma per difendersi, in supporto alle forze armate regolari, e solo nel caso, poco probabile, di un attacco diretto. Non c’è una visione ideologica, ma pragmatica. Come in Svizzera che non partecipa a conflitti da secoli ma è pronta a difendersi”. Si tratta “di volontari che, in caso di necessità, possono essere attivati per affiancare le forze armate. I militari dovranno specializzarsi sempre di più, ma poi serve un bacino più ampio. Per la riserva esiste già una delega del Parlamento. È una vicenda legata alla guerra di Gaza. Anche per questo bisogna trovare una soluzione rapidamente”.

 

FONTE: https://www.today.it/politica/crosetto-riservisti-esercito.html

 

 

Visits: 42

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.