Lasciategli mangiare cemento

Israele non sta solo decimando Gaza con attacchi aerei, ma sta impiegando la più antica e crudele arma di guerra: la fame. Il messaggio di Israele, alla vigilia di un’invasione di terra, è chiaro. Lascia Gaza o muori.

 

di CHRIS HEDGES

Israele, con il sostegno degli Stati Uniti e degli alleati europei, si sta preparando a lanciare non solo una campagna di terra bruciata a Gaza, ma la peggiore pulizia etnica dai tempi delle guerre nell’ex Jugoslavia. L’obiettivo è spingere decine, molto probabilmente centinaia di migliaia di palestinesi oltre il confine meridionale di Rafah nei campi profughi in Egitto. Le conseguenze saranno catastrofiche, non solo per i palestinesi, ma per tutta la regione, e quasi certamente scateneranno scontri armati nel nord di Israele con Hezbollah in Libano e forse con Siria e Iran.

L’amministrazione Biden, eseguendo pedissequamente gli ordini di Israele, sta alimentando la follia. Gli Stati Uniti sono stati l’unico Paese a porre il veto alla risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva pause umanitarie per fornire cibo, medicine, acqua e carburante a Gaza. Ha bloccato le proposte di cessate il fuoco. Ha proposto un progetto di risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che afferma che Israele ha il diritto di difendersi. La risoluzione chiede inoltre all’Iran di smettere di esportare armi a “milizie e gruppi terroristici che minacciano la pace e la sicurezza in tutta la regione”.

Gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali sono moralmente in bancarotta e complici del genocidio quanto coloro che furono testimoni dell’Olocausto nazista degli ebrei e non fecero nulla.

Il conflitto, che è costato la vita a 1.400 israeliani e ad almeno 4.600 palestinesi a Gaza, si sta ampliando. Israele ha effettuato un secondo attacco aereo su due aeroporti in Siria. Scambia quotidianamente raffiche di razzi con le milizie Hezbollah. Le basi militari americane in Iraq e Siria sono state attaccate dalle milizie sciite. Giovedì la USS Carney, un cacciatorpediniere lanciamissili, ha abbattuto tre missili da crociera, apparentemente lanciati dagli Houthi nello Yemen e diretti verso Israele.

Israele sta anche lottando per sedare i violenti scontri quotidiani nella Cisgiordania occupata. Domenica ha effettuato un attacco aereo su una moschea nel campo profughi di Jenin – il primo attacco aereo in Cisgiordania da due decenni – che ha ucciso almeno 2 persone. Coloni ebrei armati si sono scatenati nelle città palestinesi della Cisgiordania. Secondo l’ufficio umanitario delle Nazioni Unite, almeno 90 palestinesi in Cisgiordania sono stati uccisi da coloni armati o dall’esercito israeliano dall’incursione in Israele del 7 ottobre da parte di Hamas e altri combattenti della resistenza. Nelle ultime due settimane sono stati arrestati circa 4.000 lavoratori di Gaza e 1.000 palestinesi della Cisgiordania, raddoppiando il numero dei prigionieri palestinesi portandolo a 10.000 detenuti da Israele, oltre la metà dei quali sono prigionieri politici

“Molti dei prigionieri hanno avuto arti, mani e gambe rotte… espressioni degradanti e ingiuriose, insulti, imprecazioni, legati con le manette alla schiena e stringendoli all’estremità fino a causare forti dolori… nudi, umilianti e di gruppo perquisizione dei prigionieri”, ha detto in una conferenza stampa la Commissione per gli Affari dei Detenuti dell’Autorità Palestinese, Qadura Fares.

B’Tselem, l’organizzazione israeliana per i diritti umani, ha detto alla BBC che dall’attacco del 7 ottobre è stato documentato “uno sforzo concertato e organizzato da parte dei coloni per sfruttare il fatto che tutta l’attenzione internazionale e locale è focalizzata su Gaza e sul nord di Israele per cercare di impossessarsi di terre in Cisgiordania.”

All’interno di Israele, i palestinesi con cittadinanza israeliana e documenti di identità di Gerusalemme vengono molestati, detenuti, arrestati ed espulsi dal lavoro e dalle università in quella che viene descritta come una “caccia alle streghe”. Più di 152.000 israeliani sono stati evacuati da città e villaggi vicino ai confini di Gaza e del Libano.

Gli Stati Uniti, nel tentativo di contrastare una risposta militare dell’Iran che potrebbe innescare una guerra regionale, stanno dispiegando altre 2.000 truppe in Medio Oriente. Rischiererà uno dei suoi gruppi d’attacco nel Golfo Persico e invierà ulteriori sistemi di difesa aerea nella regione. La USS Dwight D. Eisenhower e il suo gruppo d’attacco – che lo scorso fine settimana erano stati schierati nel Mar Mediterraneo orientale per unirsi alla USS Gerald R. Ford – sono stati reindirizzati nel Golfo Persico. Nel Golfo Persico sono stati inviati anche una batteria antimissile THAAD (Terminal High Altitude Area Defense) e battaglioni del sistema di difesa missilistica Patriot.

Israele ha scatenato i suoi quattro cavalieri dell’Apocalisse: morte, carestia, guerra e conquista.

Ha dato agli abitanti di Gaza due scelte. Lascia Gaza o muori.

I palestinesi verranno uccisi non solo dalle bombe e dai proiettili e, eventualmente, con l’invasione di terra, dai proiettili e dai proiettili dei carri armati, ma dalla fame e da epidemie come il colera. Senza acqua, carburante e medicine e con il collasso dei servizi igienico-sanitari, le malattie si diffonderanno rapidamente. L’ONU afferma che gli ospedali di Gaza “sono sull’orlo del collasso”. Migliaia di pazienti moriranno una volta esaurito il carburante per i generatori ospedalieri.

Un medico dell’ospedale al-Shifa di Gaza ha riferito in un’intervista sabato: “Stiamo crollando”. Ha parlato della mancanza di ossigeno, luce e forniture mediche, di mancanza d’acqua in alcuni reparti, di preoccupazioni per il colera e della perdita di medici uccisi dagli attacchi aerei israeliani, compreso un dentista ucciso nel bombardamento israeliano di una chiesa ortodossa che ha provocato almeno 18 morti, compresi diversi bambini.

La manciata di camion, 37 finora, di aiuti a Gaza è un cinico espediente di pubbliche relazioni richiesto dall’amministrazione Biden. Farà ben poco per alleviare la crisi umanitaria architettata da Israele. L’ONU afferma di aver bisogno di almeno 100 tir di aiuti al giorno. L’ultimo impianto di desalinizzazione dell’acqua di mare funzionante di Gaza è stato chiuso domenica per mancanza di carburante.

Israele non ha intenzione di revocare l’assedio totale su Gaza. Ha annunciato che aumenterà i suoi attacchi aerei. Continuerà, come ha fatto nelle ultime due settimane, a estinguere le vite dei palestinesi e a terrorizzarli e a farli morire di fame spingendoli a lasciare Gaza.

L’assalto di terra a Gaza non sarà rapido. Implica settimane, forse mesi, di combattimenti di strada. Il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha paragonato l’incombente battaglia a Gaza all’assalto statunitense alla città irachena di Mosul, controllata dall’ISIS, nel 2014. Ci sono voluti nove mesi agli Stati Uniti per riconquistare Mosul.

Quando Israele dice che questa sarà una “lunga guerra”, per una volta sta dicendo la verità.

Israele ha richiesto maggiori aiuti militari a Washington, 14,3 miliardi di dollari, compresi 10,6 miliardi di dollari per la difesa aerea e missilistica. Lo otterrà. Israele sta rapidamente esaurendo le sue scorte mentre martella Gaza, anche nel sud di Gaza, dove sono fuggite centinaia di migliaia di famiglie sfollate dal nord.

Israele non permetterà la distribuzione dei 100 milioni di dollari in aiuti statunitensi promessi ai palestinesi in Cisgiordania e a Gaza, almeno fino a quando la campagna della terra bruciata non sarà terminata. Ma a quel punto Gaza sarà irriconoscibile. Israele lo avrà annesso in parte o del tutto. Forse il denaro può essere destinato alla costruzione di altri insediamenti ebraici illegali nella Cisgiordania occupata. E promettere aiuti non equivale ad appropriarsene. Quindi forse anche questo fa parte dell’illusione.

I funzionari egiziani sono profondamente consapevoli di ciò che verrà dopo. Fino alla metà, forse di più, dei 2,3 milioni di palestinesi verranno spinti da Israele in Egitto, al confine meridionale di Gaza, e non gli sarà mai permesso di tornare.

“Ciò che sta accadendo ora a Gaza è un tentativo di costringere i residenti civili a rifugiarsi e a migrare in Egitto, cosa che non dovrebbe essere accettata”, ha avvertito il presidente egiziano Abdulfattah al-Sisi.

Rapporti provenienti dall’Egitto sostengono che Washington ha promesso di condonare gran parte dell’enorme debito egiziano di 162,9 miliardi di dollari, oltre a offrire altri incentivi economici in cambio dell’acquiescenza dell’Egitto alla pulizia etnica dei palestinesi. I profughi, una volta attraversato il confine con l’Egitto, verranno lasciati a marcire nel Sinai.

“C’è il grave pericolo che ciò a cui stiamo assistendo possa essere una ripetizione della Nakba del 1948 e della Naksa del 1967, anche se su scala più ampia. La comunità internazionale deve fare di tutto per evitare che ciò accada di nuovo”, ha affermato Francesca Albanese, Relatrice Speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani nei Territori Palestinesi occupati dal 1967.

Israele utilizza da tempo la guerra per giustificare la pulizia etnica dei palestinesi. I funzionari governativi hanno apertamente chiesto un’altra Nakba, o “catastrofe”, il termine per gli eventi del 1947-1949, quando oltre 750.000 palestinesi furono sottoposti a pulizia etnica dalla Palestina storica e costretti nei campi profughi per creare lo Stato di Israele. Durante la guerra del 1967, che portò all’occupazione israeliana della Cisgiordania e della Striscia di Gaza, Israele effettuò la pulizia etnica di altri 300.000 palestinesi durante la Naksa, o “giorno della battuta d’arresto”, che viene commemorato ogni anno dai palestinesi.

La pulizia etnica dei palestinesi da parte di Israele, tuttavia, non si limita alle guerre. È in corso una pulizia etnica al rallentatore mentre Israele ha costantemente costruito sempre più colonie esclusivamente ebraiche e ha sequestrato in modo incrementale la terra palestinese. I palestinesi, a cui vengono negate le libertà civili fondamentali nello stato di apartheid israeliano, sono stati derubati di beni, tra cui, spesso, delle loro case. Hanno dovuto affrontare crescenti restrizioni sui loro movimenti fisici. Sono stati bloccati dal commercio e dagli affari, in particolare dalla vendita di prodotti agricoli. Si sono ritrovati sempre più impoveriti e intrappolati dietro i muri e le recinzioni di sicurezza erette intorno a Gaza e in Cisgiordania. Allo stesso tempo, hanno sopportato periodici attacchi aerei israeliani, omicidi mirati e attacchi quasi quotidiani da parte di coloni ebrei armati e dell’esercito israeliano.

Israele ha impedito ai palestinesi che lasciavano la Cisgiordania e la Striscia di Gaza di ritornare al ritmo di circa 9.000 palestinesi all’anno dopo l’occupazione della Cisgiordania e della Striscia di Gaza nel 1967, fino alla firma degli accordi di Oslo nel 1994, secondo l’Israel Human Human Resources. gruppo per i diritti umani HaMoked. Secondo B’Tselem, Israele ha anche revocato i permessi di residenza a circa 14.000 palestinesi che vivevano a Gerusalemme Est dal 1967.

Secondo i dati dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento delle attività umanitarie, Israele ha demolito 9.880 strutture, tra cui oltre 2.600 edifici residenziali abitati, sfollando oltre 14.000 persone e colpendone 233.681 nella sola Cisgiordania tra il 1° gennaio 2009 e il 7 ottobre 2023. Affari. Dall’attacco del 7 ottobre, altre 38 case e altre strutture sono state demolite in Cisgiordania, colpendo altre 13.613 persone e provocandone lo sfollamento.

Secondo i dati di Peace Now e del quotidiano israeliano Haaretz, meno del 2,2% delle richieste palestinesi di permessi di costruzione presentate tra il 2009 e il 2020 sono state approvate.

Il numero di coloni israeliani nei territori occupati, tuttavia, è passato da zero prima della guerra del giugno 1967 a un numero compreso tra 600.000 e 750.000 sparsi in almeno 250 insediamenti e avamposti in tutta la Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est, tutti in violazione del diritto internazionale.

Israele non nasconde le sue intenzioni.

Il ministro della Difesa israeliano, Yoav Gallant, ha detto alle truppe che si preparavano ad entrare a Gaza: “Ho rilasciato tutte le restrizioni”.

Il membro della Knesset Ariel Kallner, membro del partito Likud di Benjamin Netanyahu, ha invitato X, precedentemente noto come Twitter, a “una Nakba che oscurerà la Nakba del 48”.

L’esercito israeliano ha mobilitato Ezra Yachin, un veterano dell’esercito di 95 anni, per “motivare” le truppe. Yachin era un membro della milizia sionista Lehi che compì numerosi massacri di civili palestinesi, incluso il massacro di Deir Yassin del 9 aprile 1948, dove furono massacrati oltre 100 civili palestinesi, molte donne e bambini.

“Siate trionfanti e finiteli e non lasciate nessuno indietro. Cancellatene il ricordo”, ha detto Yachin rivolgendosi alle truppe israeliane.

“Cancellate loro, le loro famiglie, le madri e i bambini”, ha proseguito. “Questi animali non possono più vivere”.

“Ogni ebreo con un’arma dovrebbe uscire e ucciderli”, ha detto. “Se hai un vicino arabo, non aspettare, vai a casa sua e sparagli”.

Dove sono i nostri interventisti umanitari? Quelli che hanno pianto lacrime di coccodrillo sui diritti umani di ucraini, iracheni, siriani, libici e afghani, per giustificare massicce spedizioni di armi e la guerra? Dov’è la vecchia ala pacifista del Partito Democratico e della classe liberale? Cosa è successo agli intellettuali pubblici che denunciavano il massacro di innocenti e la macchina da guerra statunitense? Dove sono i giuristi che sostengono lo stato di diritto internazionale? Perché le poche voci solitarie che parlano del genocidio dei palestinesi da parte di Israele vengono attaccate, censurate e denigrate?

“Il presidente precedente voleva metterci al bando e probabilmente metterci nei campi di concentramento”, ha detto la deputata del Michigan Rashida Tlaib, di origine palestinese, in una manifestazione a sostegno del cessate il fuoco il 20 ottobre a Washington, davanti al Campidoglio degli Stati Uniti. “Questo vuole semplicemente che moriamo. È così che ci si sente. Che si vergognino.”

Israele non fermerà la sua campagna di genocidio a Gaza contro i palestinesi finché non ci sarà un embargo sulle armi da parte degli Stati Uniti nei confronti di Israele. I nostri sistemi d’arma, munizioni e aerei d’attacco sostengono il massacro. Dobbiamo porre fine agli aiuti militari da 3,8 miliardi di dollari che gli Stati Uniti danno ogni anno a Israele. Dobbiamo sostenere il movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni (BDS) e chiedere la sospensione di tutti gli accordi di libero scambio e di altri accordi tra Stati Uniti e Israele. Solo quando questi sostegni verranno eliminati da Israele, la leadership israeliana sarà costretta, come è stato il regime di apartheid in Sud Africa, a integrare i palestinesi in un unico stato con pari diritti. Finché rimarranno questi sostegni, i palestinesi saranno condannati.

 

 

FONTE: https://substack.com/

TRADUZIONE: CAMBIAILMONDO.ORG

Visits: 26

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.