FIR: Chi c’era dietro il colpo di stato fascista in Cile?

Nei giorni scorsi, i media di tutto il mondo hanno ricordato che 50 anni fa il presidente cileno democraticamente eletto, Salvador Allende, fu rovesciato da un colpo di stato militare. Considerando quanti capi di governo sono stati deposti dai militari negli ultimi decenni, questa risonanza mediatica fa capire che il governo Allende era qualcosa di speciale. Le forze socialiste dell’Unidad Popular, di cui Allende era stato eletto presidente, cercavano di promuovere uno sviluppo anticoloniale, antimperialista e socialista nel continente latinoamericano.

In particolare, non volevano gettare le ricchezze del Paese in pasto alle multinazionali straniere, ma sfidare gli interessi del profitto delle multinazionali statunitensi attraverso la nazionalizzazione delle miniere di rame o il controllo statale sulla produzione agricola. Quando le pressioni economiche degli Stati Uniti e lo sciopero dei camionisti diretto dagli Stati Uniti non ebbero successo, il governo statunitense iniziò a preparare lo scenario del colpo di Stato con l’aiuto della sua agenzia di intelligence, la CIA.

Poco prima che si svolgesse un’altra votazione decisiva nel parlamento cileno, l’11 settembre 1973 iniziò il colpo di stato militare controllato dalla CIA sotto la guida del generale Pinochet, con l’assalto alle stazioni radio e al palazzo presidenziale (“La Moneda”), durante il quale morì Allende.

Già allora, i media associati al governo socialista denunciarono il ruolo criminale dell’intelligence statunitense nella distruzione di quel governo democraticamente eletto. In seguito, si venne a sapere che già il 22 ottobre 1970, pochi giorni prima dell’elezione di Allende a presidente, la CIA aveva fatto assassinare il comandante in capo delle forze armate cilene, il generale René Schneider, che sosteneva una posizione democratica dell’esercito.

Ovviamente, l’apparato ufficiale di sicurezza americano era critico nei confronti di questa azione, tanto che i documenti di questi preparativi per il colpo di Stato furono resi pubblici già nel 1973.

Nel primo anniversario del golpe militare, la FIR pubblicò nel suo trimestrale “Resistance Fighters” una documentazione dettagliata sotto il titolo “CIA Intern”, in cui venivano delineate le linee guida dell’azione politica della CIA e la loro attuazione in Cile.

Oggi ci sono molti altri documenti sul tavolo che possono tracciare il ruolo dell’intelligence statunitense nella preparazione del golpe militare. Tutto questo fu approvato dalla “Casa Bianca” e i servizi segreti dei Paesi alleati, come il BND della Germania Ovest, furono informati in anticipo del golpe. È significativo che tali informazioni non furono trasmesse al governo socialdemocratico di Willy Brandt.

Il BND fu invece determinante nello stabilire contatti con un criminale delle SS fuggito in America Latina, lo SS-Standartenführer Walter Rauff, che fu poi nominato da Pinochet “consigliere capo” del servizio segreto fascista cileno DINA. La FIR ha denunciato lo scandalo che questo criminale delle SS, nei confronti del quale era in corso una procedura di estradizione da parte della Germania Federale, abbia potuto vivere indisturbato per molti anni in Cile e che, con l’instaurazione della dittatura fascista di Pinochet, abbia messo la sua “esperienza” a disposizione di questo regno del terrore.

Da un lato, la FIR attaccò il nuovo regime fascista e i suoi sostenitori. Allo stesso tempo, sostenne le federazioni affiliate nella loro solidarietà pratica con gli antifascisti cileni perseguitati. In molti Paesi si svilupparono comitati di solidarietà per il Cile, in cui si costituirono federazioni FIR per i democratici cileni fuggiti e per quelli perseguitati in Cile.

A livello internazionale si svilupparono oltre 1.000 comitati per il Cile, che si unirono in un “coordinamento europeo di solidarietà con il Cile”. Anche nella prospettiva attuale, l’apertura politica fu impressionante: “La nostra solidarietà con il Cile non conosce condizioni. Si applica innanzitutto a tutti coloro che sono perseguitati dalla giunta militare e dai suoi aiutanti fascisti e “democratici”. Non possiamo fare distinzioni tra socialisti e comunisti, tra sinistra cristiana e socialdemocrazia, tra sostenitori del MIR e democratici cristiani progressisti, tra cileni e stranieri. Vale anche, ovviamente, per tutti coloro che si oppongono alla macchina dell’omicidio e del terrore. Dovremo aiutare ovunque sia possibile”.

Collegate a questo lavoro pratico, le manifestazioni in memoria del golpe e gli innumerevoli concerti con gruppi musicali cileni hanno mobilitato diverse centinaia di migliaia di persone per la solidarietà antifascista dal settembre 1973 fino alla fine del regime di Pinochet. La solidarietà cilena fu un ampio movimento sociale, in cui le federazioni affiliate alla FIR svolsero un ruolo importante.

 


 

Who was behind the fascist coup in Chile?

In the past few days, the media around the world recalled that 50 years ago, Chile’s democratically elected president, Salvador Allende, was overthrown in a military coup. Considering how many heads of government have been deposed by the military in the past decades, this media resonance makes it clear that the Allende government was something special. The socialist forces of the Unidad Popular, as whose president Allende had been elected, sought to promote anti-colonial, anti-imperialist and socialist development on the Latin American continent. Crucially, they did not want to throw the country’s riches down the throats of foreign corporations, but instead challenged the profit interests of U.S. corporations through the nationalization of copper mining or state control over agricultural production. When economic pressure from the U.S. and the truck drivers’ strike directed by the U.S. were unsuccessful, the U.S. government began to prepare the coup scenario with the help of its intelligence agency, the CIA. Shortly before another decisive vote was to take place in the Chilean parliament, the CIA-controlled military coup under General Pinochet began on September 11, 1973, with the storming of radio stations and the presidential palace (“La Moneda”), during which Allende died.

Even then, media associated with the socialist government denounced the criminal role of U.S. intelligence in destroying that democratically elected government. Later, documents became known that as early as October 22, 1970, a few days before Allende’s election as president, the CIA had the commander-in-chief of the Chilean military, General René Schneider, who advocated a democratic stance for the military, assassinated. Obviously, there were critics of this action in the American security apparatus, so that documents of these coup preparations were made public as early as 1973. On the first anniversary of the military coup, the FIR published in its quarterly “Resistance Fighters” a detailed documentation under the title “CIA Intern”, in which the political action guidelines for the work of the CIA and their implementation in Chile were outlined. Today, there are many more documents on the table that can trace the role of U.S. intelligence in the preparation of the military coup. All of this was rubber-stamped from the “White House,” and the intelligence services of allied countries, such as the West German BND, were informed in advance of the coup. It is significant that such information was not passed on to the Social Democratic government under Willy Brandt at the time. Instead, the BND was instrumental in establishing contact with an SS criminal who had fled to Latin America, namely SS-Standartenführer Walter Rauff, who was then appointed by Pinochet as “chief advisor” to the fascist Chilean secret service DINA. Completely rightly the FIR denounced the scandal that this SS criminal, against whom a Federal German extradition procedure ran, could live for many years in Chile unmolested and with the establishment of the fascist Pinochet dictatorship made his “expertise” available to this reign of terror.

On the one hand, the FIR attacked the new fascist regime and its backers. At the same time it supported the member federations in their practical solidarity with persecuted Chilean anti-fascists. In many countries Chile solidarity committees developed, in which FIR federations for fled Chilean democrats and for persecuted ones in Chile stood up. Internationally over 1,000 Chile committees developed, which united to a “European co-ordination for solidarity with Chile”. Even from today’s perspective, the political openness was impressive: “Our solidarity with Chile can know no conditions. It applies first to all those who are persecuted by the military junta and its fascist and ‘democratic’ helpers. We can make no distinction between socialists and communists, Christian leftists and social democrats, supporters of the MIR and progressive Christian democrats, Chileans and foreigners. It also applies, of course, to all those who resist the machinery of murder and terror. We will have to help wherever possible.”
Linked to this practical work, demonstrations in memory of the coup and countless concerts with Chilean music groups mobilized several 100,000 people for anti-fascist solidarity from September 1973 until the end of the Pinochet regime. The Chile solidarity was a broad social movement, in which the member federations of the FIR played an important role.

Visits: 27

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.