Il Discorso del Presidente della Repubblica, Luiz Inácio Lula da Silva, all’incontro con i presidenti dei Paesi sudamericani

Discorso letto dal Presidente della Repubblica, Luiz Inácio Lula da Silva, in apertura dell’incontro con i presidenti dei Paesi sudamericani, tenutosi a Palazzo Itamaraty, il 30 maggio 2023.

È con grande gioia che do il benvenuto ai miei amici presidenti sudamericani.

Li ringrazio molto per aver risposto a questo appello e per lo sforzo che hanno fatto per essere qui.

Ciò che ci unisce oggi a Brasilia è la consapevolezza dell’urgenza di gettare uno sguardo collettivo alla nostra regione.

È la determinazione a ridefinire una visione comune e a rilanciare azioni concrete per lo sviluppo sostenibile, la pace e il benessere delle nostre popolazioni.

In Brasile, l’integrazione è il risultato della ri-democratizzazione. La Costituzione del 1988 dichiara all’articolo 4, clausola unica:

“La Repubblica Federativa del Brasile cercherà l’integrazione economica, politica, sociale e culturale dei popoli dell’America Latina, mirando alla formazione di una comunità latinoamericana di nazioni”.

Siamo consapevoli che l’integrazione sudamericana è fondamentale per rafforzare l’unità dell’America Latina e dei Caraibi.

Un Sudamerica forte, sicuro e politicamente organizzato aumenta le possibilità di affermare una vera identità latinoamericana e caraibica a livello internazionale.

La fine del XX secolo ha visto l’emergere di una serie di iniziative volte ad articolare le azioni a livello subregionale.

La Comunità andina delle nazioni, il Trattato di cooperazione amazzonica e il MERCOSUR illustrano questo regionalismo con scopi e finalità diverse.

In particolare, vorrei ricordare le azioni dei Presidenti Sarney e Alfonsín, che hanno compreso l’importanza dell’integrazione per il consolidamento delle nostre democrazie.

Solo alle soglie del XXI secolo abbiamo deciso di unire l’intera regione sudamericana.

Pur condividendo lo stesso continente, è stato necessario attendere quasi 200 anni di vita politica indipendente prima di abbandonare l’indifferenza e l’isolamento reciproci.

Quando nel 2000 il Presidente Fernando Henrique Cardoso convocò il primo Vertice dei Presidenti, le diverse posizioni politiche e ideologiche dell’epoca non impedirono ai nostri Paesi di abbracciare l’idea di un futuro condiviso e di costruire una fiducia reciproca.

Da lì è partito un lungo cammino, avviatosi con l’Iniziativa per l’Integrazione delle Infrastrutture Regionali in Sud America, o semplicemente IIRSA, e la convergenza tra il Mercosur e la Comunità Andina. Anche Cile, Guyana e Suriname sono stati coinvolti in questo sforzo.

Un nuovo e decisivo impulso è arrivato con la formazione della Comunità Sudamericana delle Nazioni (CASA), risultato della riunione dei leader a Cusco, in Perù, nel 2004.

Seguirono diversi incontri annuali dei capi di Stato, tra cui le tappe fondamentali di Brasilia (2005) e Cochabamba (2006).

Ma CASA era solo un forum, senza una struttura permanente. Dopo un nuovo vertice nell’isola di Margarita, in Venezuela, abbiamo finalmente deciso di creare un’organizzazione con personalità giuridica, sede e segreteria proprie.

Il 23 maggio 2008, quando abbiamo costituito l’UNASUR (esattamente 15 anni fa), proprio in questo Palazzo Itamaraty, abbiamo fatto un passo avanti istituzionalizzando le nostre relazioni con la creazione di organismi come il Vertice dei Presidenti, il Consiglio dei Ministri degli Esteri, il Parlamento sudamericano e 12 consigli settoriali per affrontare le nostre sfide.

Per oltre dieci anni, l’UNASUR ci ha permesso di conoscerci meglio. Abbiamo rafforzato i nostri legami attraverso un ampio dialogo politico che ha accolto le differenze e ci ha permesso di individuare i denominatori comuni. Abbiamo attuato iniziative di cooperazione in settori quali la sanità, le infrastrutture e la difesa.

Questa integrazione ha contribuito anche a importanti vantaggi commerciali. Abbiamo creato una solida area di libero scambio, che nel 2011 ha raggiunto la cifra record di 124 miliardi di dollari.

Il profilo del nostro commercio è più diversificato rispetto a quello extraregionale. Include prodotti e servizi ad alto valore aggiunto e ad alta intensità tecnologica.

Combiniamo inoltre la crescita economica con la distribuzione del reddito. Abbiamo ridotto le nostre storiche disuguaglianze e fatto progressi tangibili nella lotta alla povertà. Secondo la FAO, in due decenni il Sud America ha ridotto dal 15% al 5% la percentuale di popolazione che soffre la fame.

L’UNASUR è stato un forum efficace per risolvere le controversie tra i Paesi della regione, soprattutto nella crisi tra Colombia ed Ecuador e nel conflitto separatista boliviano.

Abbiamo ottenuto risultati significativi nella riduzione della deforestazione e della criminalità transnazionale.

Abbiamo promosso il dialogo e la cooperazione per raggiungere efficacemente milioni di sudamericani con i benefici della cittadinanza.

I vertici con i Paesi arabi e africani hanno contribuito a definire un profilo per le relazioni esterne del Sudamerica.

Si tratta di risultati formidabili per una regione che ha ereditato il colonialismo ed è stata segnata da gravi forme di violenza, discriminazione di genere e razzismo.

Non abbiamo risolto tutti i nostri problemi, ma eravamo disposti ad affrontarli piuttosto che ignorarli. E abbiamo deciso di farlo cooperando gli uni con gli altri.

Il nostro Sudamerica ha smesso di essere solo un riferimento geografico ed è diventato una realtà politica.

Purtroppo, questi progressi si sono interrotti negli ultimi anni.

In Brasile, un governo che disprezzava la scienza ha attaccato i diritti del suo stesso popolo, ha rotto i principi che regolano la nostra politica estera e ha chiuso le porte ai partner storici.

Il mio Paese ha scelto l’isolamento dal mondo e dal suo ambiente.

Questa posizione è stata decisiva per allontanare il Paese dalle grandi questioni che segnano la vita quotidiana dei nostri vicini.

Nella nostra regione, abbiamo lasciato che le ideologie ci dividessero e interrompessero lo sforzo di integrazione. Abbiamo abbandonato i canali di dialogo e i meccanismi di cooperazione e, così facendo, abbiamo perso tutto.

Signore e signori, sono fermamente convinto che dobbiamo rinnovare il nostro impegno per l’integrazione sudamericana.

Quando ho assunto la presidenza, il 1° gennaio di quest’anno, il Sud America è tornato al centro dell’attività diplomatica brasiliana.

Per questo ho invitato tutti all’incontro di oggi, che sarà seguito in agosto dal Vertice dei Paesi amazzonici.

Gli elementi che ci uniscono vanno oltre le differenze ideologiche.

Dalla Patagonia e l’Atacama all’Amazzonia; dal Cerrado e le Ande ai Caraibi, siamo un vasto continente bagnato da due oceani.

Siamo un’entità umana, storica, culturale, economica e commerciale con esigenze e speranze comuni.

Le recenti elezioni in Colombia, Cile, Bolivia, Brasile e Paraguay hanno dimostrato la forza della democrazia nella nostra regione, in elezioni caratterizzate da una partecipazione popolare espressiva e da un’ampia libertà di espressione.

L’integrazione del Sud America dipende da questo senso di appartenenza alla stessa comunità.

Abbiamo una storia di resistenza, forgiata nelle lotte per l’indipendenza e contro le dittature.

Condividiamo una cultura vivace ed espressioni artistiche che vanno dalla musica alla letteratura.

Anche nel calcio, uno sport che abbiamo imparato ad amare da bambini, è possibile vedere la diminuzione delle rivalità. L’anno scorso abbiamo assistito a qualcosa di impensabile: i brasiliani che tifavano per l’Argentina alla finale della Coppa del Mondo in Qatar.

La candidatura congiunta di Uruguay, Paraguay, Cile e Argentina per ospitare i Mondiali di calcio del 2030 è forse l’espressione più completa di questa identità sudamericana in costruzione e della nostra capacità di cooperare al di là del campo di calcio e dei nostri confini.

Cari Presidenti, se oggi stiamo muovendo i primi passi per riprendere il dialogo a livello regionale, il contesto che abbiamo di fronte è ancora più impegnativo che in passato.

I forum della governance globale incontrano serie difficoltà nel fornire risposte eque ed efficaci ai problemi di oggi.

I nostri Paesi sono stati tra i più duramente colpiti dalla pandemia di Covid-19. Le morti, le sofferenze umane e i costi economici hanno lasciato profonde ferite. La crisi sanitaria ha messo in luce vecchie disuguaglianze e generato nuove ingiustizie.

La scienza conferma che l’attuale tasso di emissioni porterà a una crisi climatica senza precedenti e l’intero pianeta ne sta già risentendo.

La mancanza di un’azione collettiva sta compromettendo la nostra capacità di contenere l’aumento della temperatura globale.

Sappiamo che ciò che accade in Amazzonia si ripercuote sul bacino della Plata.

Con l’esaurimento dell’Organizzazione mondiale del commercio, il multilateralismo si sta allontanando e le posizioni protezionistiche dei Paesi ricchi stanno crescendo, limitando le nostre opzioni.

Tutti noi subiamo le conseguenze della guerra. Il conflitto in Ucraina ha destabilizzato il mercato dell’energia e dei fertilizzanti e ha fatto decollare i prezzi dei prodotti alimentari, peggiorando le nostre condizioni di vita.

Quando le catene di approvvigionamento globali sono state colpite da questo insieme di fattori, le nostre carenze infrastrutturali e le nostre vulnerabilità esterne sono diventate evidenti.

La regione ha smesso di crescere, la disoccupazione e l’inflazione sono aumentate. Alcune delle principali conquiste sociali ottenute nell’ultimo decennio sono andate rapidamente perdute.

In Brasile e in altri Paesi, i recenti attacchi alle istituzioni democratiche, comprese le sedi dei poteri costituzionali, ci hanno offerto una tragica sintesi della violenza dei gruppi estremisti, che utilizzano le piattaforme digitali per promuovere campagne di disinformazione e discorsi di odio.

Di fronte a così tanti cambiamenti e sfide, quale ruolo vogliamo che svolga il Sud America?

Nessun Paese può affrontare da solo le minacce sistemiche di oggi. Solo agendo insieme possiamo superarle.

La nostra regione ha solide risorse per affrontare questo mondo in transizione.

Il PIL combinato dei nostri Paesi quest’anno dovrebbe raggiungere i 4.000 miliardi di dollari. Insieme siamo la quinta economia globale.

Con una popolazione di quasi 450 milioni di abitanti, siamo un importante mercato di consumo.

Abbiamo il più grande e diversificato potenziale energetico del mondo, considerando le riserve di petrolio e gas, l’energia idroelettrica, i biocarburanti, il nucleare, l’eolico, il solare e l’idrogeno verde.

Siamo un grande e diversificato fornitore di alimenti.

Abbiamo più di 1/3 delle riserve mondiali di acqua dolce e una biodiversità ricca ma ancora poco conosciuta.

Il nostro suolo contiene una ricca e variegata gamma di minerali, tra cui quelli, come il niobio, il litio e il cobalto, essenziali per progetti industriali all’avanguardia.

Siamo una regione di pace, senza armi di distruzione di massa e dove le controversie vengono risolte diplomaticamente.

Nei prossimi anni ospiteremo gli eventi dei principali forum di governance globale, come la riunione della Cooperazione economica Asia-Pacifico in Perù, il vertice del G20, l’incontro dei BRICS e la COP 30 sul clima in Brasile.

Dobbiamo arrivare a questi spazi uniti, come interlocutori affidabili e ricercati da tutti.

Cari amici, tra le tante cose che ho imparato in politica c’è la lezione che il mandato presidenziale è molto più breve di quanto sembri. Non abbiamo tempo da perdere.

Il Sudamerica ha davanti a sé, ancora una volta, l’opportunità di percorrere il cammino dell’unità.

E non deve partire da zero.

L’UNASUR è un patrimonio collettivo. Ricordiamo che è in vigore. Sette Paesi sono ancora membri a pieno titolo. È importante riprendere il suo processo di costruzione.

Ma nel farlo, è essenziale valutare criticamente ciò che non ha funzionato e tenerne conto.

Abbiamo bisogno di meccanismi di coordinamento flessibili che garantiscano agilità ed efficienza nell’attuazione delle iniziative.

Le nostre decisioni avranno legittimità solo se saranno prese e attuate democraticamente.

Ma la regola del consenso potrebbe essere limitata alle questioni sostanziali, evitando che gli stalli nelle aree amministrative paralizzino le nostre attività.

Sarebbe un errore limitare le attività alle sole sfere di governo. Coinvolgere la società civile, i sindacati, le imprese, gli accademici e i parlamentari darà coerenza ai nostri sforzi.

O i processi sono costruiti dal basso verso l’alto, o non sono fattibili e sono destinati a fallire.

A questo proposito, e fatte salve le altre proposte che discuteremo nel corso della giornata, suggerisco le seguenti iniziative da sottoporre alla vostra attenzione:

  • mettere il risparmio regionale al servizio dello sviluppo economico e sociale, mobilitando banche di sviluppo come CAF, Fonplata, Banco del Sur e BNDES;
  • approfondire la nostra identità sudamericana anche in ambito monetario, attraverso meccanismi di compensazione più efficienti e la creazione di un’unità di riferimento comune per il commercio, riducendo la dipendenza da valute extraregionali;
  • attuare iniziative di convergenza normativa, facilitando le procedure e riducendo la burocrazia per l’esportazione e l’importazione di merci;
  • ampliare i meccanismi di cooperazione all’avanguardia, coinvolgendo i servizi, gli investimenti, il commercio elettronico e la politica di concorrenza;
  • aggiornare il portafoglio di progetti del Consiglio sudamericano per le infrastrutture e la pianificazione (COSIPLAN), rafforzando la multimodalità e dando priorità a quelli ad alto impatto per l’integrazione fisica e digitale, soprattutto nelle regioni di confine;
  • sviluppare azioni coordinate per affrontare il cambiamento climatico;
  • riattivare l’Istituto sudamericano di governo della sanità, che ci consentirà di adottare misure per ampliare la copertura vaccinale, rafforzare il nostro complesso industriale sanitario ed espandere i servizi alle popolazioni bisognose e alle popolazioni indigene;
  • avviare la discussione sulla costituzione di un mercato energetico sudamericano, che garantisca l’approvvigionamento, l’uso efficiente delle nostre risorse, la stabilità giuridica, prezzi equi e la sostenibilità sociale e ambientale;
  • creare un programma di mobilità regionale per gli studenti, i ricercatori e i professori dell’istruzione superiore, che è stato così importante per il consolidamento dell’Unione europea; e riprendere la cooperazione nel settore della difesa, al fine di dotare la regione di una maggiore capacità di istruzione e formazione, di scambio di esperienze e conoscenze in materia di industria militare, dottrina e politiche di difesa.

Infine, non abbiamo idee preconcette sul futuro assetto istituzionale che potremmo adottare. Vogliamo impegnarci nel dialogo e ascoltare le opinioni di tutti.

Tuttavia, sono personalmente convinto della necessità di un forum che ci permetta di discutere in modo fluido e regolare e di guidare le azioni dei nostri Paesi per rafforzare l’integrazione in diverse sue dimensioni.

Ritengo essenziale la creazione di un Gruppo di alto livello, composto da rappresentanti personali di ciascun Presidente, per seguire il lavoro di riflessione. Sulla base di quanto deciso oggi, questo Gruppo avrà 120 giorni di tempo per presentare una tabella di marcia per l’integrazione sudamericana.

Signore e signori, finché saremo disuniti, non riusciremo a fare del Sudamerica un continente sviluppato al massimo delle sue potenzialità.

L’integrazione deve essere un obiettivo permanente per tutti noi. Dobbiamo lasciare radici solide alle prossime generazioni.

Lasciare che le divergenze prevalgano avrebbe un costo elevato, oltre a sprecare molto di ciò che abbiamo già costruito insieme.

Vorrei concludere ricordando due colleghi che hanno lavorato instancabilmente per la nostra regione.

Con l’amato Marco Aurélio García, intellettuale e leader del Partito dei Lavoratori, scomparso nel 2017, abbiamo imparato che:

“La politica non è un destino, ma una costruzione umana su condizioni storiche date. L’integrazione si otterrà rispettando le differenze, perché non c’è più spazio per l’omogeneità della sottomissione”.

Concludo parafrasando l’ambasciatore Samuel Pinheiro Guimarães, che è stato segretario generale di Itamaraty: dobbiamo rifiutarci di trascorrere altri cinquecento anni in periferia.

Le condizioni umane e materiali per il nostro sviluppo sovrano sono nelle nostre mani.

Grazie mille.

 

 

FONTE: http://www.rifondazione.it/esteri/index.php/2023/06/01/discorso-del-presidente-della-repubblica-luiz-inacio-lula-da-silva-allincontro-con-i-presidenti-dei-paesi-sudamericani/

 

 

Visits: 29

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.