I B-52 alla RAAF Tindal impegnano l’Australia nei piani di guerra nucleare dell’America

È difficile evitare la conclusione che l’Australia non sia solo complice, ma anche impegnata nella pianificazione della guerra nucleare americana.

di Mike Scrafton

 

Le avvisaglie di questa situazione erano nascoste nelle clausole dell’accordo AUKUS, ma la controversia sui sottomarini nucleari ha risucchiato la maggior parte dell’ossigeno intorno all’accordo. Senza un dibattito pubblico, sembra che l’Australia abbia consegnato docilmente e completamente, senza cerimonie o controlli, la decisione sulla guerra agli Stati Uniti.

L’autorizzazione alla base dei bombardieri B-52 presso la RAAF di Tindal è sfuggita a qualsiasi serio esame da parte dei media o del Parlamento sul ruolo che essi potrebbero svolgere in una crisi nel Mar Cinese Meridionale. Gli australiani non sono stati informati sul concetto di operazioni per questi velivoli con armamento nucleare o su quale sarebbe il loro ruolo in caso di crisi. La rilevanza delle loro capacità e del loro raggio d’azione sono apparentemente al di là della capacità dei media di chiedere informazioni ai politici.

I B-52 sono bombardieri strategici americani a lungo raggio, subsonici, che possono trasportare sia armamenti convenzionali che nucleari molto importanti. I B-52 sono passati attraverso molte iterazioni e aggiornamenti da quando sono stati introdotti in servizio negli anni Cinquanta. La versione attuale ha un raggio d’azione di circa 14.200 chilometri e una velocità di crociera di circa 1.000 chilometri orari.

I B-52 possono trasportare circa 31.500 kg di ordigni misti, tra cui bombe, armi intelligenti, mine e missili da crociera lanciati dall’aria. In un conflitto convenzionale, i B-52H possono intraprendere operazioni di interdizione aerea, controaeree offensive e marittime. Possono eseguire operazioni antinave e di posa di mine. Ma la loro capacità di guerra nucleare è la ragione più ovvia del loro dispiegamento in Australia.

I B-52 sono in grado di impiegare l’AGM-86B con una testata termonucleare W80, con una resa fino a 150 chilotoni. Inoltre, quest’anno l’aeronautica statunitense ha testato con successo il missile ipersonico aria-terra AGM-183 ARRW dai B-52. La combinazione tra la capacità di soppressione della difesa missilistica e i missili da crociera a lungo raggio armati con armi nucleari li rende una risorsa formidabile in un conflitto nucleare.

Per condurre operazioni marittime efficaci, i B-52 dovrebbero essere lanciati prima dell’inizio del conflitto, dato il tempo di transito di 3-4 ore necessario per raggiungere il Mar Cinese Meridionale e lo Stretto di Taiwan. Questo limiterebbe seriamente il loro valore tattico per le operazioni convenzionali. È più probabile che il ruolo dei B-52 sia quello di una risposta di secondo attacco una volta che il conflitto è diventato nucleare.

Ciò significa che i B-52 dovrebbero essere lanciati prima che le cose diventino nucleari in una crisi, per evitare di essere catturati a terra in un attacco preventivo. La sopravvivenza dei mezzi di secondo attacco è fondamentale nella pianificazione di una guerra nucleare. Presumibilmente un avversario intenzionato a ricorrere al nucleare pianificherebbe di eliminare preventivamente i B-52 a Tindal con missili balistici, aerei o sottomarini. Un corollario di ciò è che l’Australia deve aver già dato l’approvazione preventiva per il lancio dei B-52, poiché questa è l’unica base su cui gli americani vedrebbero il senso di basare gli aerei alla RAAF di Tindal.

Ciò che stupisce è la totale incapacità del governo Albanese di spiegare i benefici e i rischi per l’Australia derivanti dalla semplice continuazione delle disastrose decisioni strategiche del governo precedente. Il bipartitismo nel settore della difesa mette a tacere il dibattito invece di produrre un’efficace discussione pubblica sui piani dell’Australia. I B-52 fanno parte della capacità nucleare degli Stati Uniti. Il governo deve saperlo. Deve sapere che in caso di crisi nell’Asia orientale l’Australia diventa automaticamente un bersaglio, possibilmente nucleare.

Come è arrivata l’Australia a questo? E perché?

 

(Traduzione: Cambiailmondo.org)

FONTE: https://johnmenadue.com/b-52s-at-raaf-tindal-commits-australia-to-americas-nuclear-war-plans/

 


Con l’arrivo dei B-52 con capacità nucleare, Albanese è ora il nuovo vice-sceriffo degli USA

di Sam Varghese

 

L’ex primo ministro liberale John Howard veniva spesso definito con disprezzo il vice-sceriffo degli Stati Uniti nella regione del Pacifico quando era al potere George W. Bush.

Alla luce della notizia che gli Stati Uniti si stanno preparando a inviare in Australia sei bombardieri B-52 a capacità nucleare, sarebbe del tutto giustificato applicare lo stesso titolo al primo ministro laburista Anthony Albanese.

Il programma Four Corners dell’ABC di lunedì scorso si è concentrato sulla costruzione di questi aerei a capacità nucleare e il livello di sciovinismo del servizio è stato facile da individuare.

Gli Stati Uniti e i loro alleati hanno diffuso per anni paura, incertezza e dubbi sulla Cina e questo passo è apparentemente volto a mantenere la regione al sicuro.

Angus Grigg dell’ABC ha intervistato persone appartenenti a diversi think-tank neoliberali americani, i quali sembravano tutti estremamente fiduciosi che Washington avrebbe sconfitto Pechino nel caso in cui si fosse combattuta una guerra per Taiwan. Alcuni mesi fa, il professor Hugh White, un accademico, ha fornito una prospettiva diversa in un numero del Quarterly Essay intitolato Sleepwalk to war. Ma Four Corners non ha avuto tempo per questi ragionamenti da smidollati.

Grigg non ha però discusso un aspetto importante di questo tipo di minaccia: il fatto che la Cina è ancora il principale mercato di esportazione dell’Australia.

Quale sarebbe l’impatto sull’Australia se perdesse la maggior parte delle sue esportazioni? Cosa farebbe l’Australia se la Cina attaccasse risorse belliche evidenti come la base di intelligence di Pine Gap?

Gli americani sono noti per fare in modo che altre nazioni servano da carne da macello per le loro avventure imperiali. Gli esempi più recenti sono l’Iraq e l’Afghanistan, dove Washington ha scelto battaglie che ha finito per perdere.

Ma il vice primo ministro australiano Richard Marles, che ricopre anche la carica di ministro della Difesa, sembra seguire la dottrina di Harold Holt: tutti i modi con LBJ. Solo che questa volta non si tratta di LBJ, ma di un altro democratico in declino.

Cosa succederà se, come ampiamente previsto, i repubblicani prenderanno il potere nel 2024? Per cominciare, si prevede che controlleranno il Congresso degli Stati Uniti dopo le elezioni di metà mandato dell’8 novembre.

Four Corners non ha analizzato questo aspetto, anche se idealmente si dovrebbe pensare un po’ in anticipo quando ci si impegna in politiche che potrebbero avere un effetto negativo sul Paese. L’intero tema del programma sembrava essere: “I B-52 stanno arrivando e questo è un bene per l’Australia”.

Grig si è lasciato andare a una disinvolta definizione di “propaganda” della Cina, dimenticando che gli americani sono i maestri di quest’arte oscura. Ha fatto riferimento al fatto che la Cina ha raddoppiato il suo budget per la difesa negli ultimi tempi, ma ha omesso di dire che il budget americano per la difesa si avvicina agli 800 miliardi di dollari. Chi ha detto che l’ABC non fornisce una prospettiva equilibrata?

Nessuno del governo australiano ha rilasciato una dichiarazione sul dispiegamento di armi nucleari sul territorio australiano. È vergognoso che tutti i grandi personaggi di Canberra siano rimasti in silenzio.

Gli australiani sono soliti prendere in giro la Nuova Zelanda, ma questo piccolo Paese sembra avere più cojones dell’intera nazione. Continua a opporsi al dispiegamento di armi nucleari sul suo territorio o nelle sue acque. Persino i famosi sottomarini nucleari in cui l’Australia si è trovata bloccata non potranno entrare nelle acque territoriali della Nuova Zelanda.

Come titolare di un passaporto australiano, non si può che abbassare la testa per la vergogna.

 

FONTE: https://johnmenadue.com/with-nuke-capable-b-52s-coming-albanese-is-now-the-new-deputy-sheriff/

 

 

Views: 84

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.