7452 L’ON. TREMAGLIA (PDL) RIBADISCE IL SUO "NO" AL REATO DI IMMIGRAZIONE

20090912 11:21:00 redazione-IT

[b]IN UNA INTERVISTA AL "SECOLO D’ITALIA": L’ACCOGLIENZA NON HA COLORE[/b]

"Sono in Parlamento dal 1972, prima nel Msi, poi in An, ora sono il Decano dei deputati e penso che non solo Gianfranco Fini abbia fatto bene a porre un alt a temi come quelli dell’immigrazione, ma che abbia espresso concetti da sempre di destra". A dichiararlo è stato Mirko Tremaglia, primo e finora unico Ministro per gli italiani nel Mondo, in una intervista rilasciata a Valter Delle Donne e pubblicata oggi, 11 settembre, sul quotidiano "Il secolo d’Italia". Riportiamo di seguito il testo dell’intervista in cui il padre della legge che ha concesso il voto agli italiani all’estero contesta chi vede nelle dichiarazioni del presidente della Camera posizioni "eccentriche e al di fuori dalla tradizione di centrodestra".

"D. Onorevole Tremaglia, c’è chi sostiene che essere contro il reato di clandestinità significa essere di sinistra. Lo sapeva di essere un cattocomunista?

R. Ma non diciamo assurdità. Sono contro ogni principio le misure come il reato di immigrazione clandestina o anche altre scelte come i respingimenti. Di fronte alle notizie di immigrati provenienti dall’Eritrea e morti perché abbandonati non possiamo voltare la testa dall’altra parte. Il rispetto della vita non è un tema politico, ma un atto di civiltà. Di quegli episodi spaventosi che si sono registrati questa estate nel mediterraneo qualcuna dovrà rendere conto.

D. A proposito del tema dell’integrazione, ne ha parlato anche in occasione delle celebrazioni per la strage di Marcinelle, quasi un mese fa…
R. Come Comitato tricolore per gli italiani nel mondo organizziamo ogni anno e abbiamo come punto di riferimento Marcinelle, esempio di una situazione dove erano gli italiani ad essere perseguitati. Mi fa piacere che quest’anno, per la prima volta, un presidente della camera abbia partecipato alla cerimonia e non è un caso che il primo a intervenire sia stato Fini.
D. Sull’immigrazione e sull’integrazione circola la favoletta che chi è contro la posizione della Lega è diventato improvvisamente buonista.
R. Ma che c’entra? Noi siamo italiani, noi abbiamo subito discriminazioni in tutto il mondo da immigrati e proprio perché siamo stati perseguitati e discriminati non dobbiamo fare noi lo stesso con chi viene nel nostro Paese per trovare un lavoro e guadagnarsi onestamente un tozzo di pane. Se pensa che volevano criminalizzare perfino le badanti… vi sono dei diritti costituzionali che vanno rispettati.
D. A proposito di Costituzione, da Decano dei deputati può ricordare l’atteggiamento della destra nei confronti della Carta Costituzionale?
R. Come Msi prima e An poi, abbiamo sempre osservato e rispettato la Costituzionale e, a nostra volta, chiesto il rispetto della Carta. Davanti a battaglie di carattere sociale, abbiamo più volte accantonato gli interessi di partito in nome di una battaglia giusta, al di là delle posizioni di parte, in questo abbiamo condotto le nostre battaglie contro la partitocrazia. Un problema tornato attuale.
D. In che senso?
R. Nel senso che mi sembra che nel nome dell’interesse del partito si discuta sempre di meno. Prenda il tema degli italiani all’estero. non solo questo governo ha eliminato il Ministero, ma al momento si è fermato, eppure di progetti che attendono di essere realizzati ce ne sarebbero tanti.
D. Ad esempio?
R. Ho presentato la proposta per l’istituzione di una commissione bicamerale per gli italiani all’estero. per consolidare i legami tra le comunità lontane e la madre patria. Peccato che sia ferma da oltre un anno.
D. E per quanto riguarda i flussi migratori nel nostro paese?
R. Dal 1995 un testo approvato da 127 Paesi durante i lavori dell’Unione interparlamentare a Bucarest prevedeva una serie di interventi economici a lungo termine in Africa. Per impedire l’invasione dell’Europa, l’unica soluzione è aiutarli a trovare lavoro a casa loro. Se pensa che l’Africa ha l’80% di disoccupazione e una crescita demografica esplosiva….
D. Aiutarli a casa loro. Questa è una proposta che piace sicuramente alla Lega.
R. Vero. Quanto presentai questa iniziativa Umberto Bossi, che in genere con me non parla, quella volta mi fece i complementi, mi ha detto: bene, così stanno a casa loro. Ma non mi do per vinto: a luglio ho presentato una mozione alla Camera dove ho proposto una conferenza internazionale dei Paesi africani del Mediterraneo con l’Italia e l’Ue per tornare sul tema degli investimenti nel Nord dell’Africa. Investimenti che, badi bene, tornerebbero a vantaggio anche della nostra economica. Purtroppo è ferma e non viene ancora discussa.
D. Da una vita si occupa di italiani nel mondo. Cosa possiamo imparare dall’esperienza dei nostri connazionali alla luce dei problemi attuali?
R. Ritengo sia importante ricordare che in tutto il mondo esistono 395 parlamentari di origine italiana. A conferma dell’impegno e del valore dei nostri connazionali. Facendo tesoro delle loro esperienze mi sembra fondamentale non dimenticare che cosa hanno passato i nostri padri, i nostri fratelli maggiori, lavorando e vivendo all’estero.
D. Quindi le tesi di Fini a le non suonano al di fuori della tradizione di destra?
R. Chi è di destra sa che il mondo cammina, l’accoglienza di chi viene da fuori e che rispetta le nostre leggi è sacrosanta e doverosa".

(aise/Eminotizie)

 
7452-lon-tremaglia-pdl-ribadisce-il-suo-no-al-reato-di-immigrazione

8181
EmiNews 2009

Hits: 1

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.