GAZA/ONU: Antonio Guterres invoca l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite. “Approvare immediato cessate il fuoco”

Gli Usa e gli altri stati membri del Consiglio di sicurezza dovrebbero sostenere con urgenza una risoluzione per chiedere un immediato cessate il fuoco a tutte le parti coinvolte nel conflitto nella Striscia di Gaza occupata e in Israele.

Il 6 dicembre il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha preso la decisione straordinaria di invocare l’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite per sollecitare il Consiglio di sicurezza a dichiarare un cessate il fuoco, di fronte a “un grave rischio del collasso del sistema umanitario” e di una catastrofe “con conseguenze potenzialmente irreversibili per i palestinesi e per la pace e la sicurezza nella regione”.

“Il bagno di sangue e la sofferenza hanno raggiunto livelli e dimensioni senza precedenti nei Territori palestinesi occupati. In Israele, i civili continuano a subire attacchi indiscriminati”, ha dichiarato Agnés Callamard, segretaria generale di Amnesty International.

“L’allarme lanciato da Guterres non deve rimanere inascoltato. Chiediamo una risoluzione urgente e vincolante del Consiglio di sicurezza per un immediato cessate il fuoco. Il Consiglio di sicurezza deve svolgere il ruolo per il quale è stato istituito. Gli Usa e tutti gli altri stati membri devono agire ora, per fermare l’inimmaginabile sofferenza di Gaza e assicurare che il conflitto non vada ulteriormente fuori controllo, estendendosi alla regione mediorientale e altrove”, ha aggiunto Callamard.

Gli Usa e tutti gli altri stati membri del Consiglio di sicurezza hanno il chiaro obbligo, ai sensi del diritto internazionale, di prevenire le atrocità. Non può esservi alcuna giustificazione per continuare a bloccare un’azione decisiva del Consiglio di sicurezza in grado di fermare i massacri di civili, il totale collasso del sistema umanitario e orrori persino peggiori derivanti dalla rottura dell’ordine pubblico e dagli sfollamenti di massa”, ha sottolineato Callamard.

“Chiarezza morale, leadership e imperativo categorico di proteggere i civili devono prevalere. Ogni minuto che passa, muoiono persone e i rischi per la pace globale si moltiplicano. L’applicazione selettiva del diritto internazionale deve finire. Non c’è tempo per tergiversare o per fare protagonismo politico”, ha concluso Callamard.

 

Ulteriori informazioni 

L’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite autorizza il segretario generale a “porre all’attenzione del Consiglio di sicurezza ogni questione che, a suo avviso, possa minacciare il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale”.

L’ultima volta che l’articolo 99 è stato invocato risale al 1989 in relazione al conflitto in Libano: il Consiglio di sicurezza ordinò un cessate il fuoco.

 

 

FONTE: https://www.amnesty.it/israele-gaza-occupata-gli-usa-non-blocchino-una-risoluzione-per-un-cessate-il-fuoco/

 

 


 

 

 

Antonio Guterres ricorre a un articolo dello Statuto ONU raramente usato per sollecitare il Consiglio di sicurezza ad agire sulla crisi israelo-palestinese

Invocando un articolo della Carta delle Nazioni Unite raramente utilizzato, il Segretario Generale António Guterres ha invitato mercoledì il Consiglio di sicurezza a “fare pressione per evitare una catastrofe umanitaria” a Gaza e a unirsi nella richiesta di un pieno cessate il fuoco umanitario tra Israele e i militanti palestinesi.
 
In una lettera al Consiglio, Guterres ha invocato l’articolo 99, contenuto nel Capitolo XV della Carta, secondo il quale il Segretario Generale delle Nazioni Unite “può portare all’attenzione del Consiglio di Sicurezza qualsiasi questione che, a suo parere, possa minacciare il mantenimento della pace e della sicurezza internazionale”.
In una dichiarazione rilasciata ai giornalisti insieme alla lettera, il portavoce delle Nazioni Unite Stéphane Dujarric ha affermato che questa è stata la prima volta in cui Guterres si è sentito costretto a invocare il Capitolo 99, da quando ha assunto l’incarico nel 2017.

L’entità delle perdite

Dujarric ha spiegato che il capo delle Nazioni Unite ha preso questa decisione “data l’entità delle perdite di vite umane a Gaza e in Israele, in un lasso di tempo così breve”, descrivendo poi l’uso dell’articolo 99 come una “mossa costituzionale drammatica” che Guterres spera possa esercitare una maggiore pressione sul Consiglio – e sulla comunità internazionale in generale – per chiedere un cessate il fuoco tra le parti in guerra.
“Credo che sia probabilmente l’invocazione più importante”, ha dichiarato Dujarric ai giornalisti a New York, “a mio parere, lo strumento più potente di cui dispone [il Segretario Generale]”.
La lettera è stata inviata al Presidente del Consiglio di Sicurezza a New York nella tarda mattinata di mercoledì 6 dicembre.
Dopo gli attacchi terroristici di Hamas del 7 ottobre nel sud di Israele e i bombardamenti e le operazioni di terra in corso da parte delle forze israeliane nella Striscia di Gaza, il Consiglio di Sicurezza ha approvato una risoluzione a metà novembre, dopo quattro tentativi falliti di trovare un consenso in precedenza, chiedendo “pause umanitarie urgenti e prolungate”.
Dopo una settimana di pausa delle ostilità, durante la quale alcuni dei 240 ostaggi detenuti dai militanti a Gaza sono stati scambiati con prigionieri palestinesi, i combattimenti hanno ripreso il 1 dicembre, portando il Segretario Generale a esprimere il proprio profondo rammarico.

Una sofferenza umana spaventosa

Nella sua lettera al presidente del Consiglio, Guterres ha affermato che le oltre otto settimane di combattimenti hanno complessivamente “creato spaventose sofferenze umane, distruzioni fisiche e traumi collettivi in Israele e nei Territori Palestinesi Occupati”.
Ha sottolineato gli oltre 1.200 “uccisi brutalmente” dai militanti il 7 ottobre, tra cui 33 bambini, e le 130 persone ancora tenute prigioniere. “Devono essere rilasciate immediatamente e senza condizioni. Le testimonianze di violenza sessuale durante questi attacchi sono spaventose”, ha aggiunto il capo delle Nazioni Unite. Mentre Israele continua a colpire i combattenti di Hamas, ha affermato che i civili in tutta la Striscia sono in grave pericolo, con oltre 15.000 persone uccise, di cui oltre il 40% bambini. Circa l’80% degli abitanti di Gaza sono sfollati e oltre 1,1 milioni hanno cercato rifugio nei centri di accoglienza dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati della Palestina (UNRWA).

Gli ospedali sono ora “campi di battaglia”

Guterres ha affermato che non esiste una protezione efficace per i civili e che nessun luogo è sicuro.”Gli ospedali si sono trasformati in campi di battaglia”, ha aggiunto, affermando che tra i continui bombardamenti su tutte le zone di Gaza “e senza un riparo o l’essenziale per sopravvivere, mi aspetto che l’ordine pubblico crolli completamente a breve”.
In riferimento alla Risoluzione 2712 del Consiglio del 15 novembre, il Segretario Generale ha affermato che le condizioni attuali rendono impossibile aumentare le forniture umanitarie, per soddisfare le enormi necessità dei civili, come richiesto dalla risoluzione. “Non siamo semplicemente in grado di soddisfare i bisognosi all’interno di Gaza”, ha scritto, e stiamo affrontando “un grave rischio di collasso del sistema umanitario”. Le conseguenze di ciò hanno implicazioni irreversibili per i palestinesi e per la pace e la sicurezza dell’intera regione”, ha affermato.

“È urgente”

“Un tale esito deve essere evitato ad ogni costo. La comunità internazionale ha la responsabilità di usare tutta la sua influenza per prevenire un’ulteriore escalation e porre fine a questa crisi”.”Ribadisco il mio appello affinché si dichiari un cessate il fuoco umanitario. È urgente. La popolazione civile deve essere risparmiata da danni maggiori”. Con un cessate il fuoco c’è speranza “e l’assistenza umanitaria può essere fornita in modo sicuro e tempestivo”, ha concluso.

 

 


 

Gaza – Lettera del Segretario Generale al Presidente del Consiglio di Sicurezza

 

Caro signor Presidente,

Scrivo ai sensi dell’articolo 99 della Carta delle Nazioni Unite per portare all’attenzione del Consiglio di Sicurezza una questione che, a mio avviso, potrebbe aggravare le minacce esistenti al mantenimento della pace e della sicurezza internazionale.

Più di otto settimane di ostilità a Gaza e in Israele hanno creato spaventose sofferenze umane, distruzione fisica e traumi collettivi in tutto il territorio israeliano e nei Territori palestinesi occupati.

Più di 1.200 persone sono state brutalmente uccise, tra cui 33 bambini, e migliaia sono rimaste ferite negli abominevoli atti di terrore compiuti da Hamas e da altri gruppi armati palestinesi il 7 ottobre 2023, che ho ripetutamente condannato.

Sono state rapite circa 250 persone, tra cui 34 bambini, di cui più di 130 sono stati rapiti. sono ancora prigionieri. Devono essere rilasciati immediatamente e senza condizioni. Le testimonianze di violenza sessuale durante gli attacchi sono terribili.

I civili di tutta Gaza sono in grave pericolo. Dall’inizio dell’operazione militare israeliana, oltre 15.000 persone sono state uccise. Il 40% dei quali erano bambini. Migliaia di altre persone sono rimaste ferite. Più della metà delle case è stata distrutta. Circa l’80% della popolazione, pari a 2,2 milioni di persone, è stata sfollata con la forza in aree sempre più piccole. Più di 1,1 milioni di persone hanno cercato rifugio nelle strutture dell’UNRWA in tutta Gaza, creando condizioni di sovraffollamento, indecorose e antigieniche. Altri non hanno un posto dove ripararsi e si ritrovano per strada. I residuati bellici esplosivi stanno rendendo le aree inabitabili. Non c’è un’efficace protezione dei civili.

Il sistema sanitario di Gaza è al collasso. Gli ospedali si sono trasformati in campi di battaglia. Solo 14 ospedali su 36 sono anche solo parzialmente funzionanti. I due ospedali principali nel sud di Gaza stanno operando con una capacità di posti letto tre volte superiore a quella attuale e stanno esaurendo le forniture di base e il carburante. Stanno anche ospitando migliaia di sfollati. In queste circostanze, nei prossimi giorni e nei prossimi giorni, altre persone moriranno dissanguate.

Nessun luogo è sicuro a Gaza.

 

Sua Eccellenza José Javier de la Gasca Lopez Domlnguez

Presidente del Consiglio di Sicurezza

New York

 

In mezzo ai continui bombardamenti delle Forze di Difesa Israeliane e senza un riparo o l’essenziale per sopravvivere, mi aspetto che l’ordine pubblico si rompa completamente a breve a causa delle condizioni disperate, rendendo impossibile anche una limitata assistenza umanitaria. Potrebbe verificarsi una situazione ancora peggiore, con malattie epidemiche e un aumento della pressione per lo sfollamento di massa nei Paesi vicini.

Nella Risoluzione 2712 (2023), il Consiglio di Sicurezza “chiede di aumentare la fornitura di tali forniture per soddisfare i bisogni umanitari della popolazione civile, in particolare dei bambini” .

Le condizioni attuali rendono impossibile la conduzione di operazioni umanitarie significative. Stiamo comunque preparando delle opzioni per monitorare l’attuazione della risoluzione, anche se riconosciamo che nelle attuali circostanze ciò è insostenibile.

Sebbene la consegna dei rifornimenti attraverso Rafah continui, le quantità sono insufficienti e sono diminuite dalla fine della pausa. Non siamo in grado di raggiungere i bisognosi all’interno di Gaza. La capacità delle Nazioni Unite e dei suoi partner umanitari è stata decimata dalla carenza di rifornimenti, dalla mancanza di carburante, dalle comunicazioni interrotte e dalla crescente insicurezza. Il personale umanitario si è unito alla stragrande maggioranza dei civili gazesi per evacuare a sud di Gaza prima dell’avanzare delle operazioni militari. Almeno 130 colleghi dell’ UNRWA sono stati uccisi, molti con le loro famiglie.

Siamo di fronte a un grave rischio di collasso del sistema umanitario. La situazione sta rapidamente degenerando in una catastrofe con implicazioni potenzialmente irreversibili per i palestinesi nel loro complesso e per la pace e la sicurezza nella regione. Questo esito deve essere evitato ad ogni costo.

La comunità internazionale ha la responsabilità di usare tutta la sua influenza per prevenire un’ulteriore escalation e porre fine a questa crisi. Esorto i membri del Consiglio di Sicurezza a fare pressione per evitare una catastrofe umanitaria. Ribadisco il mio appello affinché venga dichiarato un cessate il fuoco umanitario. È urgente. La popolazione civile deve essere risparmiata da danni maggiori. Con un cessate il fuoco umanitario, i mezzi di sopravvivenza possono essere ripristinati e l’assistenza umanitaria può essere fornita in modo sicuro e tempestivo in tutta la Striscia di Gaza.

 

FONTE: ONU

 

Visits: 52

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.