Guerra israelo-palestinese: Come il crollo dei valori morali occidentali sta alimentando il genocidio

Purtroppo, la maggior parte delle nazioni europee occidentali si è allineata con un imperialismo a guida americana che sopprime i movimenti di liberazione e soffoca il dissenso globale.

 

di Manuel Hassassian (*)

C’è una convinzione prevalente nel dominio della civiltà occidentale, prevalentemente materialista nella sua composizione, nonostante la sua posizione contraddittoria nei confronti dell’Islam. Questa civiltà occidentale enfatizza la ricchezza materiale rispetto alla spiritualità e alla morale, spesso guidata dall’ambizione di affermare l’egemonia e il controllo sia sulle persone che sulle loro risorse economiche e naturali.

Ciò ha dato forma a un sistema imperiale guidato unicamente dalla ricerca del potere, superando le considerazioni morali ed etiche. I valori che incarna non tengono conto delle norme internazionali e dei confini legali, operando secondo un principio che sembra consentire qualsiasi mezzo per raggiungere i propri obiettivi.

Oggi, il nuovo ordine mondiale è incarnato da un regime barbaro che trascende tutte le norme e le convenzioni umane per ottenere un controllo assoluto sulle capacità delle persone. Impone leggi simili all’apartheid e promuove una visione dei non bianchi anglosassoni come inferiori, con l’obiettivo di umiliarli.

Purtroppo, la maggior parte delle nazioni dell’Europa occidentale si allineano a questo imperialismo a guida americana, che calpesta i valori umani, sopprime tutti i movimenti di liberazione e soffoca il dissenso globale.

Esiste un grande divario tra i governi e i popoli che si oppongono a questa egemonia, simboleggiata dalle multinazionali, dal complesso militare-industriale, dai mezzi di comunicazione mirati, dalle lobby sioniste e da entità simili. Le società libere comprendono la natura di questo sistema e i suoi obiettivi, ma faticano ad affrontarlo direttamente, non avendo il coraggio di resistere e di salvaguardare le capacità naturali ed economiche degli oppressi.

L’implacabile brutalità di questo regime razzista deriva dal fallimento dei valori, dalla completa dissoluzione dei sistemi morali e dall’erosione delle credenze. Il regime mostra un approccio senza freni nei confronti di qualsiasi cultura o civiltà che si opponga al suo dominio, ricorrendo principalmente a misure di forza.

In mezzo a queste politiche arroganti, il mondo occidentale appare stagnante, arreso alla legge della giungla, privo di qualsiasi barlume di speranza per un’opposizione significativa. La libertà di parola è soppressa e le critiche sono soffocate.

Alleato strategico

Le forze politiche dominanti nei regimi occidentali attuano politiche repressive senza responsabilità o controllo, mentre le sfide intellettuali o militari contro questo dominio globale sono ampiamente assenti.

All’interno di questa intricata struttura internazionale, con la sua potenza economica, politica e militare, assistiamo alla tragedia del popolo palestinese che subisce i massacri perpetrati dal regime comprador sionista, forte della più recente tecnologia militare e di un sostegno economico e politico senza limiti.

Oggi la lotta non è solo contro l’occupante sionista, ma coinvolge le nazioni più potenti del mondo, guidate dagli Stati Uniti. È fondamentale affrontare questo conflitto in modo razionale, evitando di trarre conclusioni premature sulla vittoria, perché affrontare le sue terribili conseguenze può essere scoraggiante. Comprendere che le leggi naturali e umane sono in continuo mutamento è fondamentale nell’ambito dello sviluppo e del cambiamento.

Non si può ignorare il fatto che esiste un’evidente disconnessione tra il discorso intellettuale e quello politico arabo. Ciò solleva una domanda cruciale: dov’è il risveglio arabo immaginato da George Antonius negli anni ’30, che sottolineava un rinascimento intellettuale e politico?

L’assenza di questo risveglio sul campo si traduce in una società civile frammentata e incapace di produrre idee progressiste per promuovere società migliori in queste condizioni. Una delle ironie del destino risiede nella ricchezza finanziaria degli Stati arabi e islamici, in contrasto con la loro natura consumistica e la completa dipendenza dai beni occidentali.

Gli investimenti di questi Paesi sono principalmente in Occidente piuttosto che nel mondo arabo, il che porta a una dipendenza economica, politica e intellettuale. Di conseguenza, non riescono a utilizzare i proventi della produzione petrolifera a beneficio dei loro popoli, mancando di una direzione per uno sviluppo sostenibile e rimanendo asserviti al dominio occidentale.

Alla luce degli sviluppi oggettivi di questo nuovo ordine mondiale, vi è un palese sostegno all’occupazione israeliana, che opprime una popolazione indifesa il cui unico “crimine” è la ricerca dell’autodeterminazione e del diritto al ritorno. È ormai evidente che la guerra in corso a Gaza mira a minare la causa palestinese con il pretesto di eliminare Hamas, classificata come organizzazione terroristica nel Regno Unito e in altri Paesi.

Questo conflitto mira ad annettere la Cisgiordania occupata, a isolare la parte settentrionale di Gaza per fungere da zona cuscinetto per la sicurezza di Israele, a sequestrare e poi sviluppare un giacimento di gas naturale offshore multimiliardario a Gaza e a far passare il “progetto del canale Ben Gurion” attraverso Gaza, invece di costruirlo intorno a quel territorio. Questo canale collegherebbe il Golfo di Aqaba al Mar Mediterraneo, rivaleggiando con il Canale di Suez che attraversa l’Egitto.

 

Soluzione dei due Stati

Il governo di destra del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu non riconosce la soluzione dei due Stati, gli accordi di Oslo o gli accordi con la leadership palestinese. L’agenda del suo governo è diventata chiara: annessione e sfollamento per porre fine alla questione palestinese.

Alla luce di questo atroce crimine contro il popolo palestinese, ci aspettiamo un cambiamento nella posizione dell’Europa, che solleciti il sostegno alle richieste palestinesi di un immediato cessate il fuoco e il rilancio degli accordi internazionali nel quadro della soluzione dei due Stati. Le imponenti manifestazioni nelle capitali europee stanno effettivamente facendo pressione sui loro governi affinché rivedano le loro posizioni e si assumano la responsabilità dei crimini di Israele.

L’ampiezza di queste proteste influenzerà inevitabilmente i risultati delle prossime elezioni in Occidente. Le nostre leadership palestinesi devono riconoscere pragmaticamente questa difficile realtà e aderire ai principi fondamentali delle aspirazioni nazionali. Non vogliamo speculare sugli scenari futuri o scivolare in congetture sulle ripercussioni di questo genocidio. Non esiste un’alternativa valida alla soluzione dei due Stati, sostenuta dall’appoggio americano ed europeo.

La posizione israeliana è chiara: uno Stato di apartheid e la completa subordinazione al suo regime razzista. Il triumvirato di Netanyahu e dei ministri di estrema destra Bezalel Smotrich e Itamar Ben Gvir, insieme al loro governo estremista, si oppone fondamentalmente alla nozione di soluzione a due Stati, propendendo invece per l’annessione e lo sfollamento.

Una presa di posizione definitiva da parte degli Stati Uniti e dell’Europa a sostegno della soluzione dei due Stati, insieme a una tabella di marcia ben delineata per la sua attuazione, è fondamentale. Altrettanto importante è promuovere un consenso tra la leadership palestinese e il popolo nell’accettare la soluzione dei due Stati.

La lotta che dura da 75 anni deve concretizzarsi nella creazione di uno Stato palestinese unificato, rifiutando qualsiasi possibilità di frammentazione, a prescindere dal costo. L’inflessibile resilienza e l’eroismo dimostrati dal nostro popolo sono stati fondamentali a questo proposito.

La civiltà occidentale è nel mezzo di un crollo della sua struttura, delle sue ideologie e del suo quadro morale, che è diventato esplicito nel suo fallimento nel guidare il mondo moderno. È necessario un cambiamento profondo e dinamico verso una civiltà che accolga l’inclusività basata su un’equa giustizia, sui valori umani fondamentali e sui liberi principi democratici.

La storia non è scritta dai vincitori, ma dai popoli attraverso le loro rivoluzioni e le loro conquiste. Questa visione del futuro è inevitabile, come ha dimostrato lo storico britannico Arnold Toynbee, che ha osservato che le civiltà sono soggette a crollo e che la storia ha una chiara inevitabilità nel processo di sviluppo e di riconciliazione delle principali contraddizioni.

È innegabile che la comunità internazionale stia riconoscendo sempre più la prospettiva e la praticabilità di uno Stato palestinese con Gerusalemme come capitale, soprattutto all’indomani dei devastanti eventi di distruzione, sfollamento e perdita di vite umane tra i palestinesi inermi di Gaza.

I sacrifici compiuti sono significativi e strazianti, emblematici di un popolo che si oppone a un’occupazione brutale.

 

(*) Manuel Hassassian è l’Ambasciatore della Palestina in Danimarca

 

 

FONTE: https://www.middleeasteye.net/opinion/israel-palestine-war-how-collapse-western-moral-values-fuelling-genocide

TRADUZIONE: Cambiailmondo.org

Visits: 121

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.