IL VETO U.S.A. ALLA RISOLUZIONE PROPOSTA DAL BRASILE AL CONSIGLIO DI SICUREZZA ONU

All’indomani dell’attacco aereo contro un ospedale nel nord della Striscia di Gaza, che ha segnato una brusca escalation nella crisi in corso tra Israele e Gaza, il Consiglio di Sicurezza non ha adottato oggi una risoluzione presentata dal Brasile che avrebbe chiesto una pausa umanitaria per consentire un accesso pieno, sicuro e senza ostacoli alle agenzie delle Nazioni Unite e ai loro partner, a causa del veto posto da un membro permanente del Consiglio, gli Stati Uniti.

Se adottata, la risoluzione avrebbe condannato tutte le violenze e le ostilità contro i civili e tutti gli atti di terrorismo, e avrebbe respinto e condannato inequivocabilmente gli attacchi terroristici di Hamas che hanno avuto luogo in Israele a partire dal 7 ottobre. Avrebbe inoltre chiesto il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi e la protezione di tutto il personale medico e umanitario, nonché degli ospedali e delle strutture mediche, in conformità con il diritto umanitario internazionale.

In altri termini, avrebbe chiesto la revoca dell’ordine ai civili e al personale delle Nazioni Unite di evacuare tutte le aree di Gaza a nord del Wadi Gaza e di trasferirsi nel sud di Gaza. Avrebbe inoltre sollecitato con forza la fornitura continua, sufficiente e senza ostacoli di beni e servizi essenziali ai civili, tra cui elettricità, acqua, carburante, cibo e forniture mediche, in base al diritto umanitario internazionale.

Prima di votare il testo, il Consiglio ha votato su due emendamenti proposti dalla Federazione Russa, nessuno dei quali è stato adottato perché non ha ottenuto il numero di voti necessario. Il primo emendamento, proposto sopra il primo paragrafo operativo, avrebbe richiesto un cessate il fuoco umanitario immediato e pienamente rispettato, mentre il secondo avrebbe richiesto l’inserimento di un nuovo paragrafo operativo che condanna inequivocabilmente gli attacchi indiscriminati contro i civili, così come contro gli oggetti civili nella Striscia di Gaza che causano vittime civili, in particolare l’attacco contro l’ospedale arabo Al Ahli.

Parlando dopo il voto, il delegato del Brasile ha detto che i membri del Consiglio avevano chiesto la leadership del suo Paese per facilitare una risposta alla crisi, in particolare ai suoi aspetti umanitari, affermando: “Abbiamo ascoltato l’appello. A nostro avviso, il Consiglio doveva agire e farlo molto rapidamente”. Sebbene il testo proposto fosse “solido ed equilibrato”, “purtroppo, molto purtroppo, il Consiglio non è stato ancora una volta in grado di adottare una risoluzione” sul conflitto, ha detto, aggiungendo che, ancora una volta, il silenzio ha prevalso “nell’interesse a lungo termine di nessuno”. Centinaia di migliaia di civili a Gaza non possono più aspettare, “in realtà hanno aspettato fin troppo a lungo, senza alcun risultato”.

La delegata degli Stati Uniti, ricordando il viaggio del Presidente Joseph R. Biden nella regione, ha affermato che, pur riconoscendo il desiderio del Brasile di far avanzare la bozza di risoluzione, il Consiglio deve lasciare che il duro lavoro diplomatico intrapreso dal suo Paese “si svolga”. Esprimendo disappunto per il fatto che la bozza non menzioni il diritto di Israele all’autodifesa, ha osservato che, sebbene Washington D.C. non sia stata in grado di sostenere il testo, continuerà a lavorare sulla questione. “Quando parlo di protezione dei civili, intendo tutti i civili”, ha aggiunto.

La Federazione Russa ha deplorato “l’ipocrisia e i doppi standard” degli Stati Uniti, sottolineando che, anche prima del voto odierno, la mancata adozione da parte del Consiglio di una risoluzione presentata dalla sua delegazione due giorni prima appare “spaventosa” alla luce dell’attacco del 17 ottobre all’ospedale arabo Al Ahli. Citando la dichiarazione dell’amministratore delegato della Lockheed Martin, James Taiclet, rilasciata ai media degli Stati Uniti, che racchiude la politica del Paese nella regione, ha affermato che: “Non ha senso trattenere Israele da qualsiasi azione militare. […] Ci sono conflitti che devono essere risolti con le armi e noi siamo pronti a fornire queste armi”.

Nel frattempo, il rappresentante del Giappone ha dichiarato che, pur avendo votato a favore del testo in quanto ne condivideva le idee principali e teneva conto della situazione umanitaria a Gaza, la sua delegazione aveva chiesto di ritardare il voto sulla risoluzione proposta dal Brasile, in quanto erano in corso sforzi diplomatici da parte di vari Paesi, tra cui gli Stati Uniti. Esprimendo rammarico per il fatto che il testo sia stato portato al voto oggi, ha affermato che il suo Paese si impegnerà comunque per garantire la sicurezza dei civili e per realizzare una rapida de-escalation della situazione.

La delegata degli Emirati Arabi Uniti, sottolineando di aver votato a favore del testo in quanto enunciava principi di base, non perché fosse perfetto, ha affermato: “Ogni ora che passa di questa guerra rovinosa si fa beffe dei principi del diritto internazionale umanitario”. Il numero di palestinesi morti in questa esplosione di violenza è più alto che in qualsiasi altra occasione nella storia del conflitto, ha dichiarato, esprimendo il suo sostegno per “niente meno che un cessate il fuoco umanitario”. Inoltre, ha chiesto un’indagine sull’attacco all’ospedale che ha fornito assistenza medica ai gazesi per più di 140 anni. Sebbene Hamas sia effettivamente responsabile di “aver scatenato quest’ultimo incendio che ora sta inghiottendo le strade delle capitali di tutta la regione”, ha dichiarato: “Non commettete errori. L’incendio era già presente, alimentato da decenni di violenta disumanizzazione”.

 


LA SITUAZIONE IN MEDIO ORIENTE, COMPRESA LA QUESTIONE PALESTINESE

Dichiarazioni prima del voto

VASSILY A. NEBENZIA (Federazione Russa), ha ricordato che, durante le consultazioni del 16 ottobre, molti membri del Consiglio di Sicurezza hanno cercato di dissuaderli sulla bozza depoliticizzata presentata dal suo Paese e hanno chiesto di aspettare 24 ore per raggiungere il consenso, aggiungendo: “Non eravamo d’accordo e avevamo ragione”. Due giorni dopo, le modifiche proposte alla risoluzione non sono state discusse, ha detto, esprimendo rammarico per il fatto che il Consiglio abbia sprecato 36 ore preziose, durante le quali il numero delle vittime è aumentato. Nel contesto dell’attacco del 17 ottobre a un ospedale di Gaza, che ha provocato centinaia di vittime, l’inazione del Consiglio appare spaventosa, ha affermato, avvertendo che “il tempo delle metafore diplomatiche è finito”: “Il tempo delle metafore diplomatiche è finito da tempo”.

Chiunque non abbia appoggiato l’appello per un rapido cessate il fuoco deve capire di avere una certa responsabilità per quanto è accaduto, ha proseguito. La bozza presentata dal Brasile non conteneva un chiaro appello al cessate il fuoco, ha detto, sottolineando la necessità di de-escalation della situazione sul terreno. Propone invece “pause umanitarie” e l’accesso illimitato agli operatori umanitari, aggiungendo che le pause non fermeranno lo spargimento di sangue, ma solo il cessate il fuoco. Pertanto, la sua delegazione ha presentato degli emendamenti: il primo è un nuovo paragrafo operativo per condannare inequivocabilmente gli attacchi indiscriminati contro i civili e gli oggetti civili nella Striscia di Gaza, compreso l’attacco aereo del 17 ottobre contro l’ospedale Al Ahli Arab e per condannare l’imposizione del blocco. Il secondo emendamento aggiunge un nuovo paragrafo operativo che chiede un cessate il fuoco umanitario immediato, sostenuto e rispettato. Se questi emendamenti non verranno inclusi, non si affronterà la situazione devastante, ma si esacerberanno solo le divisioni all’interno del Consiglio, ha dichiarato, esortando i membri a votare a favore degli emendamenti.

 

Azione sugli emendamenti

Il Consiglio non ha quindi adottato gli emendamenti che aggiungono un primo nuovo paragrafo operativo al testo, non avendo ottenuto il numero di voti necessario.

Ha ricevuto 6 voti a favore (Brasile, Cina, Gabon, Mozambico, Federazione Russa, Emirati Arabi Uniti), 1 contrario (Stati Uniti) e 8 astensioni.

Il Consiglio non ha poi adottato gli emendamenti che aggiungono un secondo nuovo paragrafo operativo al testo, non avendo ottenuto il numero di voti necessario.

Ha ricevuto 7 voti a favore (Brasile, Cina, Gabon, Mozambico, Federazione Russa, Svizzera, Emirati Arabi Uniti), 1 contrario (Stati Uniti) e 7 astensioni.

 


 

Dichiarazioni

SÉRGIO FRANÇA DANESE (Brasile), Presidente del Consiglio per il mese di ottobre, parlando a titolo nazionale, ha affermato che i membri dell’organo hanno chiesto la leadership del suo Paese per facilitare una risposta alla crisi, in particolare agli aspetti umanitari. “Abbiamo risposto all’appello. A nostro avviso, il Consiglio doveva agire e farlo molto rapidamente”, ha dichiarato. La paralisi del Consiglio di fronte alla crisi umanitaria non è nell’interesse della comunità internazionale”, ha aggiunto. Ha dichiarato che il suo Paese ha cercato di costruire una posizione unitaria, che si è concentrata e si concentra sulla situazione critica sul terreno, aggiungendo che il diritto umanitario e il diritto internazionale forniscono un percorso chiaro per l’azione. Ha affermato che il testo condanna tutti gli atti di violenza contro i civili e chiede il rilascio immediato degli ostaggi e che tutte le parti rispettino gli obblighi legali internazionali, compresa la protezione dei civili e delle infrastrutture civili, e sottolinea l’urgente necessità di accesso umanitario. Il documento rifletteva la necessità etica di provvedere ai cittadini di Gaza, anche per quanto riguarda l’elettricità, il cibo e le forniture mediche. La risposta del Consiglio che abbiamo proposto era “solida ed equilibrata”, ha detto. “Purtroppo, molto purtroppo, il Consiglio non è stato ancora una volta in grado di adottare una risoluzione” sul conflitto, ha aggiunto, affermando che ancora una volta il silenzio ha prevalso “nell’interesse a lungo termine di nessuno”. Centinaia di migliaia di civili a Gaza non possono più aspettare, “in realtà hanno aspettato fin troppo a lungo, senza alcun risultato”.

NEBENZIA (Federazione Russa) ha dichiarato: “Siamo stati ancora una volta testimoni dell’ipocrisia e dei doppi standard dei nostri colleghi americani”. Gli Stati Uniti non volevano davvero che si trovasse una soluzione davanti al Consiglio e per questo motivo hanno dovuto essere molto chiari sulle loro intenzioni oggi, ha aggiunto. Citando la dichiarazione dell’amministratore delegato della Lockheed Martin, James Taiclet, ai media statunitensi, ha affermato che: “Non ha senso trattenere Israele da qualsiasi azione militare. Che senso ha lo sviluppo futuro del nostro complesso militare industriale, che aumenterà il PIL [prodotto interno lordo] di almeno il 2%. Ci sono conflitti che devono essere risolti con le armi e noi siamo pronti a fornire queste armi”. Questa è l’essenza stessa della politica degli Stati Uniti nella regione e nell’area del Pacifico, ha detto, auspicando che “i partner internazionali dopo il voto di oggi non si facciano illusioni su questo e sulle loro intenzioni”.

LINDA THOMAS-GREENFIELD (Stati Uniti) ha affermato che il viaggio del Presidente Joseph R. Biden nella regione “è una chiara dimostrazione del fatto che gli Stati Uniti si stanno impegnando attivamente ai massimi livelli”. Ha sottolineato che il suo Paese “è sul campo a fare il duro lavoro della diplomazia”, sottolineando che, pur riconoscendo il desiderio del Brasile di far avanzare la bozza di risoluzione, il Consiglio deve lasciare che la diplomazia “si svolga”. Esprimendo disappunto per il fatto che la bozza non menzioni il diritto di Israele all’autodifesa, ha osservato che, sebbene Washington D.C. non sia stata in grado di sostenere il testo, continuerà a lavorare su questo tema urgente. “Quando parlo di protezione dei civili, intendo tutti i civili”, ha sottolineato, evidenziando che gli Stati Uniti stanno lavorando per affrontare la crisi umanitaria a Gaza. “Chiediamo tutti la protezione dei civili e condanniamo inequivocabilmente Hamas”, ha dichiarato, esortando gli Stati membri a sostenere misure uguali di giustizia e libertà.

VANESSA FRAZIER (Malta) constata che la sua delegazione ha votato a favore del progetto presentato dal Brasile e si è astenuta sui due emendamenti proposti dalla Federazione Russa. Sebbene la sua delegazione non abbia avuto problemi con la sostanza di quest’ultima, ha affermato che “non vedeva motivo di modificare una risoluzione ben elaborata che si basava su un delicato equilibrio e cercava l’unità del Consiglio su questa questione”. Esprimendo rammarico per la mancata adozione del testo, ha affermato che la sua delegazione resta preoccupata per la situazione estremamente instabile in Israele e Gaza. Il Consiglio deve quindi lavorare verso passi costruttivi che diano priorità alla protezione dei civili e prevengano qualsiasi incendio regionale. Sottolineando l’importanza di un accesso umanitario rapido e senza ostacoli a Gaza, ha sollecitato l’immediata creazione di corridoi umanitari. Inoltre, ha invitato tutte le parti a esercitare la massima moderazione e a rispettare il diritto internazionale, sottolineando anche la necessità che il Consiglio si impegni “per allinearsi fermamente a una soluzione giusta e globale del conflitto in Medio Oriente”.

ZHANG JUN (Cina), ricordando la sua posizione espressa due notti fa, ha detto che la sua reazione oggi è stata di shock. Il progetto proposto due notti fa si concentrava sulla protezione civile, su cui alcuni paesi hanno espresso un voto negativo, mentre altri hanno accettato di rinviare l’azione, portando la sua delegazione ad aspettarsi che voteranno a favore del testo di oggi. Tuttavia, ha sottolineato: “Il risultato finale è a dir poco incredibile”. Ha espresso disappunto per il fatto che gli emendamenti, che avrebbero migliorato il testo del Brasile, siano stati respinti, sottolineando la necessità che il Consiglio agisca rapidamente, visto il rapido deterioramento della situazione a Gaza e l’attacco aereo sull’ospedale, che ha portato a centinaia di vittime civili. Ha condannato l’attacco aereo e ha esortato Israele a rispettare i suoi obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale. Il testo presentato dal Brasile riflette la visione generale della comunità internazionale e contiene i primi passi verso un cessate il fuoco, ha detto, sottolineando: “Il Consiglio non deve restare con le mani in mano”. Con l’escalation della violenza a Gaza, i civili stanno pagando il prezzo con la vita, ha affermato, chiedendo la cessazione delle ostilità e che il Consiglio svolga il suo ruolo.

PEDRO COMISSÁRIO AFONSO (Mozambico) ha dichiarato che il suo voto a favore della risoluzione ha espresso la preoccupazione della sua delegazione per lo scoppio della violenza e il deterioramento della situazione a Gaza e per la crisi umanitaria in corso. “Siamo profondamente preoccupati per le vite umane che vengono perse ogni giorno da quando è scoppiato il conflitto”, ha affermato, aggiungendo che la sua delegazione si è allineata agli sforzi del Consiglio per proteggere i civili e rispettare il diritto internazionale dei diritti umani, il diritto umanitario internazionale e il Convenzioni di Ginevra. Ha chiesto che gli aiuti umanitari raggiungano Gaza, compresa la fornitura di beni e servizi essenziali e forniture mediche. “In definitiva, i problemi umanitari necessitano di soluzioni politiche”, ha sottolineato, sottolineando che questa convinzione riflette l’esperienza del suo Paese, originata dalla sua lunga lotta contro il colonialismo, il razzismo e l’apartheid nella regione dell’Africa meridionale. In questo contesto ha esortato tutte le parti a fermare gli attacchi e ad impegnarsi in un dialogo costruttivo, che è l’unico modo per risolvere i problemi.

HAROLD ADLAI AGYEMAN (Ghana) ha affermato: “Il Consiglio, per quanto possibile, dovrebbe parlare con una sola voce su questa importante controversia, le cui linee di frattura raggiungono molte parti distanti del mondo”. La sua delegazione ha votato a favore di tale progetto, ma si è astenuta dal progetto proposto il 16 ottobre e dagli emendamenti alla risoluzione odierna per preservare l’accordo più ampio possibile raggiunto. Sottolineando la responsabilità storica del Consiglio nel realizzare la soluzione dei due Stati e preservare la vita delle due nazioni, ha invitato le parti a ridurre la tensione e a cercare consenso per sostenere gli sforzi di mediazione, e a coloro che possono avere un’influenza moderatrice sulle parti a aprire spazi di dialogo.

ISHIKANE KIMIHIRO (Giappone) ha affermato che il suo Paese ha votato a favore della risoluzione perché ne sostiene le idee principali, tenendo presenti diverse prospettive, inclusa la situazione umanitaria a Gaza. Il Giappone ha condannato inequivocabilmente gli attacchi terroristici di Hamas e altri e ha chiesto l’immediato rilascio dei rapiti. Allo stesso tempo, ha sottolineato che il Giappone ha chiesto di ritardare il voto su questa risoluzione proposta dal Brasile, fermo restando che diversi paesi, tra cui gli Stati Uniti, stanno portando avanti sforzi diplomatici sul posto per migliorare la situazione il prima possibile. . Il Giappone esprime tuttavia grande rammarico per il fatto che la risoluzione sia stata messa in votazione oggi. Il Giappone ha costantemente e fortemente sostenuto e riposto fiducia negli sforzi diplomatici del presidente degli Stati Uniti Biden e di altri paesi rilevanti. Il Giappone continuerà a collaborare con altri paesi per garantire la sicurezza dei civili e realizzare una rapida riduzione della situazione.

PASCALE CHRISTINE BAERISWYL (Svizzera), chiedendo il rilascio immediato degli ostaggi e un rapido accesso umanitario, ha affermato che il progetto di risoluzione soddisfa queste priorità e punta a una comprensione comune del Consiglio. Sottolineando che per questo motivo ha votato a favore del testo, ha espresso rammarico per il fatto che l’organo composto da 15 paesi non sia riuscito a raggiungere un consenso sul progetto di risoluzione.

MICHEL XAVIER BIANG (Gabon) ha osservato che “questa mattina il Consiglio vede messa alla prova la sua credibilità”. La retorica attorno al tavolo non ha fornito alcun aiuto ai cittadini di Gaza, e la geopolitica ha – ancora una volta – paralizzato la capacità di agire dell’organo. Notando che la sua delegazione ha votato a favore del progetto di risoluzione presentato dal Brasile e dei due emendamenti proposti, ha affermato che lo ha fatto per l’urgente e cruciale necessità di agire di fronte alla violenza mortale che ha causato un disagio incommensurabile. Ha chiesto la cessazione immediata delle ostilità e l’apertura di corridoi umanitari per alleviare le sofferenze dei civili. Inoltre, gli ostaggi devono essere rilasciati senza condizioni o ricatti. Esprimendo nuovamente rammarico per il fatto che il Consiglio non sia riuscito a superare le sue divergenze, ha sottolineato la necessità di trovare una soluzione alla situazione in Medio Oriente, la cui natura cronica mette in discussione la credibilità dell’organo e ne offusca la reputazione.

BARBARA WOODWARD (Regno Unito) ha osservato che il testo condanna giustamente i terribili attacchi compiuti da Hamas il 7 ottobre, ha sottolineato l’importanza di garantire l’accesso umanitario e la protezione dei civili, sottolineando al tempo stesso la priorità condivisa del Consiglio nel prevenire l’escalation regionale del conflitto. Tuttavia, il testo avrebbe potuto essere più chiaro riguardo al diritto intrinseco di Israele all’autodifesa, e ignorava il fatto che civili palestinesi innocenti venivano usati come scudi umani. Pertanto, la sua delegazione si è astenuta dal votare il testo, ha affermato, ribadendo il sostegno del suo Paese a Israele nella difesa contro Hamas, nella ripresa degli ostaggi e nel rafforzamento della sicurezza a lungo termine. Ha inoltre invitato Israele a evitare di danneggiare i civili palestinesi e ad agire in linea con il diritto umanitario internazionale. Inoltre, il Regno Unito continuerà a lavorare con i partner per garantire che i civili siano protetti e abbiano accesso a cibo, acqua, medicine e riparo, ha affermato, aggiungendo che continuerà anche a lavorare per la pace promessa dalla soluzione dei due Stati.

HERNÁN PÉREZ LOOSE (Ecuador) ha affermato che il suo Paese ha votato a favore della risoluzione poiché è il risultato di un processo negoziale costruttivo. “Il Consiglio non può restare in silenzio di fronte a eventi che rappresentano chiaramente una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale” e che stanno già avendo gravi conseguenze umanitarie, ha affermato. Inoltre, la credibilità del Consiglio dipende dalle sue decisioni in momenti come questo. Notando che il suo Paese si è astenuto sugli emendamenti poiché erano elementi coperti dalla risoluzione, ha sottolineato che questa non è la fine degli sforzi della sua delegazione per garantire che il Consiglio possa agire riguardo a questo conflitto. Resta, come è avvenuto in passato, che le grandi Potenze legate al conflitto siano guidate a cercare soluzioni per stabilire una pace costruttiva e non ostacolare possibili accordi e intese, ha sottolineato.

FERIT HOXHA (Albania) ha affermato che il suo paese ha votato a favore della risoluzione perché risponde agli obiettivi fondamentali sulla questione e verso una posizione coerente e di principio. Il testo, tra l’altro, condanna fermamente e inequivocabilmente Hamas e i suoi indifendibili attacchi terroristici contro Israele il 7 ottobre, chiede il rilascio immediato degli ostaggi e prevede la protezione dei civili e il flusso di aiuti umanitari a tutti coloro che ne hanno bisogno. Sebbene la sua delegazione abbia sostenuto il progetto, riafferma anche il pieno sostegno a Israele e al suo diritto all’autodifesa, come ogni altra nazione sotto attacco, di cui la risoluzione non parla, ha detto.

LANA ZAKI NUSSEIBEH (Emirati Arabi Uniti), ricordando che da più di 140 anni l’ospedale arabo Al Ahli fornisce assistenza medica e riparo agli abitanti di Gaza, ha aggiunto: “Ogni ora che passa di questa guerra rovinosa si fa beffe dei principi del diritto internazionale umanitario .” Notando che “Gaza è devastata e nessuno si sente al sicuro”, ha chiesto che venga aperta un’indagine su questo incidente. Ha inoltre riferito che in questa esplosione di violenza sono morti più palestinesi che in qualsiasi altra esplosione nella storia del conflitto, esprimendo il suo sostegno ad un “cessate il fuoco nientemeno che umanitario”. Sottolineando che Hamas è effettivamente responsabile di “aver innescato quest’ultimo incendio che ora sta inghiottendo le strade delle capitali della regione”, ha affermato: “Non commettere errori. La fiamma era già lì, alimentata da decenni di violenta disumanizzazione”. Ha sottolineato di aver votato a favore del progetto di risoluzione non perché sia un testo perfetto, ma perché stabilisce i principi fondamentali. Ricordando che tre anni fa gli Emirati Arabi Uniti hanno stabilito relazioni diplomatiche con Israele attraverso gli accordi di Abraham, ha osservato che, insieme ai partner israeliani e statunitensi, il suo governo “ha pensato a un nuovo Medio Oriente” in cui la coesistenza e la cooperazione garantiscono prosperità, sicurezza e pace. per tutti.

 

FONTE: https://press.un.org/en/2023/sc15450.doc.htm

 

 

Views: 131

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.