Alex Zanotelli: “Questi sono pazzi. Il 5 novembre tutti in piazza con le bandiere arcobaleno”

di Frida Nacinovich

Ha una piccolissima casa nel rione Sanità Alex Zanotelli. Gli basta, perché con una passeggiata arriva sul lungomare di Napoli, in quello che resta uno dei luoghi più suggestivi del paese. D’altronde il missionario comboniano ha vissuto per dodici anni nella più grande baraccopoli del Kenya, e con le sue 84 primavere non ha tirato i remi in barca. Anzi, continua ad essere in prima linea contro le guerre e quello che le guerre portano con sé, a partire dal commercio degli armamenti che uccidono, devastano, affamano intere popolazioni.

Padre Alex, ci diamo appuntamento fin d’ora in piazza per il 5 novembre prossimo?
“Sarò in piazza, nessuno può tirarsi indietro in uno dei periodi più drammatici della storia recente. I distinguo non sono accettabili, sono assurdi. Serve un’adesione larga e popolare, senza bandiere se non quella della pace sotto cui dobbiamo stare tutti. In una situazione così grave voler fare la propria manifestazione, piazzare la propria bandiera, non ha senso. I partiti facciano il proprio mestiere. Se sono seri, ad esempio, scrivano una legge per non mandare armi. Serve un grande movimento popolare per la pace, non capirlo vuol dire rovinare tutto. Ho contestato anche De Luca qui in Campania, le manifestazioni non unitarie sono strumentali”.

Ma come è possibile che, nonostante si parli addirittura di armi nucleari, ci siano sempre dei distinguo tra le forze politiche?
“Lo ripeto, serve un’adesione larga e popolare. E nessuna bandiera di partito. Solo quella della pace. Basterebbe ricordare il 2003, quando migliaia di persone sono scese in piazza per manifestare contro la sciagurata guerra in Iraq. Lo hanno fatto perché era giusto farlo. E allora non c’era la minaccia nucleare. Oggi invece c’è pure quella. Cavoli, se sia Putin che Zelensky dicono da tempo che c’è il pericolo che si ricorra al nucleare, e Biden parla addirittura della minaccia di un Armageddon, allora vuol dire che siamo in una situazione davvero drammatica. Nel dopoguerra, dopo l’uso radicalmente sbagliato che ne avevano fatto gli americani lanciando la bomba su Hiroshima, avevamo pensato tutti che non sarebbe mai stata più usata, e nessuno poteva prevedere che si sarebbe arrivati a questo punto. Invece ci siamo, si parla di guerra nucleare. Non ci si può tirare indietro, è il momento di una reazione popolare. Ecco perché ho in mente grandissime manifestazioni, senza le bandiere dei partiti. Ci sia la bandiera della pace che domina su tutto”.

Si commerciano armi come fossero coriandoli, e da noi c’è chi ha avuto la bella pensata di portare da 25 a 38 miliardi la spesa militare. Diciamolo, è un mondo impazzito: come si fa ad arrivare alla pace quando sembra di essere alla mostra mercato globale degli armamenti? Il presidente partigiano, il più amato dagli italiani, chiedeva di svuotare gli arsenali e riempire i granai.
“Parole che riascoltate oggi fanno sognare. Purtroppo siamo davanti a una situazione spaventosa. Io non riesco a capire questa storia del mandare armi. Lo ripeto a tutti coloro che incontro: mandare armi vuol chiaramente dire far crescere, fare andare avanti, buttare benzina sul fuoco di una guerra pericolosissima. Se continua ad andare avanti, se per caso si ricorre alle armi nucleari, è la fine. È la fine della vita umana sul pianeta. È pazzia collettiva la nostra. Non riesco a capire come si possa continuare a percorrere questa strada. Dobbiamo assolutamente smettere di mandare armi. La cosa più grave però, che viene completamente nascosta, è che tutta questa guerra era già stata preparata. Sono otto anni che gli americani e gli inglesi addestrano, equipaggiano l’esercito ucraino. Alla fine è una guerra per procura quella russo-ucraina. E noi? Mandiamo altre armi? Ancora di più? Pazzia. È chiaro che Zelensky può resistere, continuare a resistere con le armi che gli forniscono gli Stati Uniti, gli inglesi, e anche noi stiamo dando una mano. L’ultima incredibile notizia è che rischiamo di mandare, con la firma di Giorgia Meloni, i missili che stiamo producendo con la Spagna. Ma siamo folli? È proprio un caso di pazzia collettiva il nostro”.

Che ne pensa del comportamento dei vari governi, e di quelle che dovrebbero essere le istituzioni sovranazionali come la commissione Ue?
“Una delle cose più sorprendenti è proprio l’incapacità politica dell’Europa. Quasi che l’Europa come entità politica non esistesse. E questo si è manifestato in maniera drammatica con la guerra russo-ucraina. Ma cavoli, ci portano la guerra in casa, non solo, ce la fanno pure fare anche a noi, e restiamo a guardare? Avremo anche altre conseguenze drammatiche, perché il carovita per tutti gli europei comincerà a correre sempre più. Perché dovremo dipendere sempre di più dagli Stati Uniti, per l’energia e anche tutto il resto. Sembra di essere davanti a una commedia, invece è un’immane tragedia la nostra cecità”.

Specialmente nei primi mesi di conflitto, i media italiani parlavano a una sola voce: guerra fino alla vittoria finale. Solo ora, con gran fatica, cominciano a farsi strada alcune riflessioni un po’ più sagge.
“Basta con questa ipocrisia, mi attacchino pure, così come ha fatto il Secolo XIX. Viviamo nell’ipocrisia, tutta la stampa mainstream continua a suonare la stessa canzone. Fa spavento una stampa così allineata, i buoni da una parte, i cattivi dall’altra. E non sono troppo migliori i social o la rete. Non c’è un’informazione seria. E se non c’è un’informazione seria non ci può essere neanche la democrazia. Non è accettabile. Io dico che per fortuna abbiamo un Papa che più che un Papa è un profeta. In questi lunghi mesi ci ha dato lezioni incredibili per aiutare a capire la follia della guerra. Mi sto sempre più convincendo che è l’unico leader politico mondiale che abbiamo in grado di ragionare, che mette la verità sul tavolo. Sono molto grato per questo, che almeno abbiamo la sua ispirazione. Papa Francesco ha una visione incredibile, anche per la crisi ecologica con il ‘Laudato Sii’. Mi rammarica che oggi, avendo un profeta come Papa, questo messaggio stia passando molto poco nelle comunità cristiane, nelle parrocchie”.

Tutti o quasi schierati per la guerra, pena essere accusati di ‘putinismo’. Poi però il popolo inizia a protestare, perché l’economia di guerra fa il solletico ai ricchi e manda ulteriormente in crisi i poveri, è la solita vecchia storia.
“Questo è il futuro che stiamo scegliendo. Allora bisognerebbe semplicemente guardare in faccia la realtà per dire basta, smettiamo, facciamola finita. È il momento di forzare un cessate il fuoco, da tutte le parti. Anche se nessuno lo vuole, né Putin, né Zelensky, né gli Stati Uniti. Questo è veramente grave. Purtroppo l’Onu è morta. È come se non ci fosse. È la Nato che decide tutto, ecco perché siamo in una situazione tragica. Io continuo a sottolineare che la guerra, le armi e tutto questo armarsi non fa altro che incidere sempre di più sull’ecosistema. Non è solo lo stile di vita del 10% più ricco del mondo, è anche la guerra, sono anche le armi. Il fatto che chi usa più carbone negli Stati Uniti sia il Pentagono, la dice lunga. Vogliamo proprio suicidarci? Siamo su un precipizio, sull’orlo di una guerra atomica, l’uomo deve scegliere. La paura del futuro, perché qui ci sta saltando tutto. Non è questione di una cosa o dell’altra, è la vita stessa su questo pianeta che è in ballo. Ci saranno sempre più profughi, li chiamo profughi e non migranti perché non sarebbe giusto, visto che scappano dalla guerra. Questo sistema economico finanziario, che permette al 10% della popolazione mondiale di consumare da sola il 90% dei beni, e lascia agli altri le briciole, crea la miseria. Così per mantenere i nostri privilegi ci armiamo fino ai denti, e facciamo guerre da tutte le parti. Le Monde Diplomatique cita 166 luoghi di conflitto, di guerra, nel pianeta. Dalle guerre devi scappare, e tutto questo pesa sull’ecosistema. Anche dai cambiamenti climatici devi scappare. Se ci sono 50 gradi in Sicilia, immagina quella che deve essere la zona sahariana in Africa”.

Padre Alex, lei il 5 novembre sarà in piazza. Sarebbe bello se ci fossero centinaia di migliaia di persone, tutte sotto un’immensa bandiera arcobaleno. Non trova?
“Siamo tutti chiamati a scendere in piazza. Questa è una manifestazione senza bandiere. Devono esserci le bandiere della pace, dispiegate da ogni parte. Chiunque può aderire, non è di partito, di una parte. Vogliamo che sia una vera e propria manifestazione nazionale popolare”.

 

FONTE: https://www.sinistrasindacale.it/index.php/periodico-sinistra-sindacale/numero-17-2022/2545-alex-zanotelli-questi-sono-pazzi-il-5-novembre-tutti-in-piazza-con-le-bandiere-arcobaleno-di-frida-nacinovich

 

 

 SCARICA IL NUMERO 17-2022 di SINISTRA SINDACALE IN PDF

 

Hits: 35

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.