COVID-19: OMS, solo tra il 2% e il 3% dei contagiati ha sviluppato anticorpi contro il coronavirus

Le speranze di porre fine al blocco del coronavirus attraverso l’immunità al gregge, una delle strategie più controverse, sono fortemente diminuite. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha riferito lunedì che un numero molto basso di quelli infetti, tra il 2% e il 3%, ha sviluppato gli anticorpi necessari per non infettare e non essere più infetti.

Questi risultati sono stati resi noti dopo aver eseguito test o test sierologici. A differenza dei test rapidi e delle PCR, utilizzati per cercare la presenza del virus, i test sierologici sono progettati per rilevare la presenza di anticorpi contro il patogeno in un organismo. Cioè, servono a sapere quale percentuale della popolazione ha difese sufficienti e, in questo modo, determinano se è possibile ottenere l’immunità di gregge o collettiva, tanto attesa da molti. Dati i risultati derivati ​​da questo test, l’OMS suggerisce che i numeri sono ancora molto bassi, poiché, secondo gli esperti, affinché questa teoria sia efficace, è necessario proteggere circa il 70% di una popolazione.

Data l’importanza di conoscere più accuratamente le cifre, l’OMS sta lavorando per sviluppare e distribuire il maggior numero di test sierologici ai paesi che ne hanno più bisogno. In questo modo hanno annunciato che, con il supporto del Global Fund, Unicef ​​e Unitaid hanno già acquistato più di 30 milioni di test per un periodo di quattro mesi e che la loro distribuzione inizierà la prossima settimana.

Ecco perché il direttore dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, ha avvertito che ridurre le restrizioni non corrisponderà alla fine dell’epidemia in nessun paese. In questo senso, ha sottolineato l’importanza dei blocchi, sostenendo che, per ora, è il modo più sicuro per contenere il virus e non generare una seconda ondata di infezioni. Inoltre, ha ribadito l’importanza di condurre test per diagnosticare, isolare e aiutare tutte le persone che si sono dimostrate positive per covid-19.

“I cosiddetti blocchi possono aiutare a calmare l’epidemia di un paese, ma non possono farcela da soli. I paesi devono ora assicurarsi di poter rilevare, testare, isolare e affrontare tutti i casi e rintracciare ogni contatto”, ha affermato Ghebreyesus.

 

FONTE: https://actualidad.rt.com/actualidad/350709-contagiados-desarrollar-anticuerpos-covid19

 

 

Hits: 147

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.