6161 Ma è proprio vero che l’attuale sistema fiscale fa pagare solo il Nord?

20081127 12:11:00 redazione-IT

di Massimo Attanasio*

Ma è mai possibile che alcuni giornali ignorino il concetto di pro-capite?

Il 16 maggio 2008 la copertina de il Venerdì di Repubblica ha riportato un cartogramma sul gettito fiscale regionale, in cui il Nord Italia viene ingrandito in maniera disfunzionale, proprio per rappresentare il gettito disfunzionale proveniente dalle regioni del Nord Italia e in particolare dalla Lombardia. Quasi a dire che l’unico che paga è il Nord!

L’articolo sviluppato all’interno, ben sintetizzato dalla copertina, contiene però un grave errore: viene completamente ignorato il diverso peso demografico delle regioni.

Tutto è relativo. Ma a cosa?
Salta immediatamente all’occhio, per chi conosce un po’ di cifre sul numero degli abitanti per regione, che i numeri riportati in copertina portano a un’interpretazione distorta della realtà, perché il gettito fiscale non va calcolato in termini percentuali sul totale versato, ma deve essere rapportato alla popolazione residente. A titolo esemplificativo, supponiamo di avere due regioni, A e B, che pagano 100 di tasse, solo che gli abitanti di A sono 10 e gli abitanti di B sono 5. In termini di regione, le due situazioni appaiono identiche (ogni regione versa il 50% del totale), ma in termini pro capite (di pressione fiscale) gli abitanti di A pagano 10 a testa, mentre gli abitanti di B (che sono meno) pagano 20 ciascuno.

Prima di passare ai conti veri e propri, precisiamo che non entriamo qui nel merito dei complessi meccanismi della ridistribuzione da parte dello Stato alle singole Regioni, come ad esempio le Regioni a Statuto Speciale, né teniamo conto delle quote regionali o comunali contenute nelle diverse imposte. Inoltre, quando, come in questo articolo, si cerca di individuare l’ammontare delle imposte che le regioni trasferiscono allo Stato, allora sarebbe opportuno escludere l’imposta regionale sulle attività produttive Irap. Qui, invece, per ragioni di semplicità, la consideriamo, ma una rapida verifica suggerisce che l’inclusione dell’Irap non modifica sostanzialmente i risultati.

Rapportiamo, quindi, il gettito fiscale di ogni regione alla popolazione residente, ottenendo il gettito pro-capite e confrontiamo i risultati derivanti da quest’ultima operazione con quelli ottenuti da Repubblica. E’ questa la più grossa omissione dell’intero articolo del Venerdì.

TAB.1)

vai alla tabella:
[url]http://www.neodemos.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=255[/url]

Pertanto, i dati riportati nel cartogramma risultano fuorvianti: l’elemento più evidente riguarda la regione Lombardia, che non è la prima regione in termini di contributo al gettito nazionale ma viene superata dal Lazio, regione del Centro d’Italia, a dispetto di quanto affermato nella didascalia “la Lombardia paga da sola quasi un terzo delle tasse degli italiani. E, secondo il federalismo fiscale voluto dalla Lega Nord, dovrebbe tenersene gran parte..”.

Ma se teniamo conto del peso demografico, la graduatoria delle Regioni rispetto al gettito cambia radicalmente (tab. 2).

Tab. 2. Gettito pro capite per Regione

VAI ALL TABELLA:
[url]http://www.neodemos.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=255[/url]

La differenza più evidente riguarda il Lazio, che in questa ultima tabella è al 1° posto, con un gettito pro capite superiore a quello della Lombardia. Altre grosse differenze si hanno per la Valle d’Aosta, che dal 19° posto sale fino al 3°, la Campania, che scende di 12 posizioni (dal 7° posto al 19°), la Puglia, che passa dal 9° al 18° e la Sicilia, che dall’8° scende al 16°.

Federalismo fiscale e questione meridionale

Si evidenzia poi un altro dato importante: anche se il gettito fiscale pro capite delle regioni del Nord è maggiore di quello delle regioni del Sud, tale differenza non è forte come l’articolo suggerisce. Tenendo sempre presente che il confronto qui avviene solo in termini di prelievo fiscale, su base territoriale e non in termini redistributivi, Il Venerdì di Repubblica evidenzia che il Nord paga il 60% delle tasse, il Centro il 26% e il Sud solo il 15%. Ma, in termini pro capite, i cittadini del Centro pagano 5.845 euro di tasse e quelli del Nord 15 euro in meno. Solo il Sud contribuisce decisamente meno, in termini pro-capite, ma minore è anche il suo reddito.

Distribuzione del gettito per macro aree (Repubblica)

Gettito pro capite per macro aree
TAB. 3

VAI ALLA TABELLA:
[url]http://www.neodemos.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=255[/url]

Infine, è importante notare una cosa: il gettito pro capite nazionale è pari a 4.450 euro: questo numero corrisponde ad una redistribuzione solamente teorica di equiripartizione tra tutte le Regioni.

E’ verosimile immaginare che l’entrata in vigore del federalismo fiscale farà si che le Regioni che presentano un gettito pro capite più basso di quello nazionale, avranno degli introiti inferiori rispetto a quelli che attualmente ricevono. E’ evidente che le Regioni del Mezzogiorno d’Italia avranno maggiori difficoltà dal punto di vista economico e finanziario, il che comporterà un ulteriore freno al grado di sviluppo dell’area.

Il federalismo fiscale ripropone in chiave odierna il secolare problema del Mezzogiorno: cosa fare? Da quando 130 anni fa, Sonnino e Franchetti, con la loro celebre "Inchiesta sulle condizioni politiche e amministrative della Sicilia" hanno sollevato la Questione Meridionale, non si è ancora trovata una soluzione condivisa e il divario tra le varie parti del paese, come dicono i nostri dati, è ancora evidente.

Alla stesura di questo lavoro hanno partecipato Luca L’Abbate, Donatella Longo e Elisabetta Virga, studenti del corso di Laboratorio di Statistica Sociale del Corso di Laurea in Statistica e Informatica per la Gestione e l’Analisi del Dati dell’Università di Palermo

* Dipartimento di Scienze Statistiche e Matematiche “S.Vianelli”, Università di Palermo

http://www.neodemos.it/index.php?file=onenews&form_id_notizia=255

 

 

6161-ma-e-proprio-vero-che-lattuale-sistema-fiscale-fa-pagare-solo-il-nord

6897

EmiNews 2008

 

Hits: 1

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.