10300 ASSEMBLEA PLENARIA CGIE: la relazione sull’informazione all’estero

20121205 18:41:00 redazione-IT

[b]Illustrata in Assemblea da Mauro Montanari
Commissione Informazione: nella relazione Rai World (ex Rai International), informazione elettorale e provvidenze per la stampa italiana nel mondo[/b]
ROMA – Oggi, in Assemblea Plenaria del CGIE in corso alla Farnesina, Mauro Montanari ha esposto la relazione della I Commissione tematica “Informazione e Comunicazione” incentrata su Rai World (ex Rai International), informazione elettorale e provvidenze per la stampa italiana nel mondo. Di seguito il testo della relazione della I Commissione

Punto 1 – Rai

La riapertura di Rai International, ora chiamata Rai World, apre a molte speranze per quello che riguarda l´informazione in lingua italiana per i connazionali che vivono fuori dall’Europa. Non è ancora nota la programmazione, ma incoraggia il fatto che ci sia un’intenzione di rivedere le decisioni che hanno portato alla chiusura dei programmi di Rai International, o Rai Italia, o dir che si voglia. La Commissione richiede tuttavia un forte e chiaro gesto di discontinuità con le politiche del passato, ed un forte e chiaro gesto in favore dell’Italia nel mondo, anche tenendo conto delle forti potenzialità delle seconde e terze generazioni di italiani – decine di milioni di potenziali fruitori -, le quali richiedono soprattutto la lingua, la bellezza del Paese dei loro padri, la sua cultura nelle diverse sfaccettature. Dev’essere chiaro che non è sufficiente il cambiamento del nome per qualificare maggiormente il servizio. Ci si aspetta dalla nuova direzione un impegno non solo formale, che superi in qualità i miglioramenti già avvertiti nelle ultime gestioni.
Si ritiene necessario che il Cgie sia ascoltato, per quanto possibile, nella formulazione dei palinsesti;una consultazione non episodica,ma che tenga conto del ruolo di rappresentanza del Consiglio.
La Commissione ricorda inoltre che, nonostante i ripetuti inviti e richiami, in Europa molti programmi Rai vengono oscurati. Questo rappresento uno svantaggio soprattutto per una utenza che ha nel messaggio televisivo la sua principale forma di informazione.

Punto 2 – Informazione elettorale

Nelle ultime tornate elettorali in cui sono stati coinvolti gli italiani nel mondo, l’informazione fatta pervenire, in particolare in Europa, attraverso i canali Rai, si è rivelata fuorviante.
Il messaggio poco differenziato, ha aumentato spesso la confusione. Infatti, per l’elettore fuori dall´Italia,il concetto del sistema di voto all’estero restava poco chiaro, proprio perché diverso da quello vigente in Italia. E´ mancata una seria spiegazione sulle modalità di voto per le Circoscrizioni all’estero che prevedono innanzitutto le preferenze ed hanno caratteristiche diverse rispetto a quelle in Italia.
Per la prossima tornata elettorale ci aspettiamo che il servizio pubblico, nel suo insieme,sottolinei con maggiore evidenza le differenze delle modalità di voto all’estero rispetto a quello in Italia.
Per quanto riguarda la pubblicità elettorale a pagamento, la Commissione ha sottolineato il fatto che debbano essere coinvolti in particolar modo i mezzi di informazione per gli italiani e in lingua italiana presenti sul territorio. È importante che l’informazione sia in lingua italiana, perché il votante deve avere per ovvie ragioni una competenza in quella lingua.
Nella distribuzione della pubblicità, il console dovrà sentire il parere degli organismi eletti sul territorio.
La Commissione ha ascoltato poi il parere del presidente della Fusie, sulle provvidenze per la stampa italiana nel mondo, e lo stato delle cose sulla nuova normativa in preparazione che prevede un cambiamento di indirizzo in riferimento ai parametri di ammissione.
Sulle provvidenze, resta invariata la necessità di un maggiore controllo della documentazione fornita dagli editori, al fine di evitare le discrepanze, anche notevoli, riscontrate in passato. (Inform/eminews)

 

Hits: 2

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.