Covid-19: nuovi casi possono aumentare se umidità cala. Esperto, vigilare anche nei mesi estivi in paesi emisfero Nord

(ANSA) – ROMA, 03 GIU – Il numero di nuovi casi di coronavirus cresce localmente del 6% per una diminuzione di un punto percentuale dei tassi di umidità del territorio, quindi fluttuazioni del numero di casi potrebbero verificarsi stagionalmente a seconda del clima del territorio.

È quanto emerso in uno studio dell’università di Sydney pubblicato sulla rivista Transboundary and Emerging Diseases.

Gli esperti hanno confrontato il numero di notifiche di nuovi casi con i tassi di umidità dei territori corrispondenti e riscontrato un’associazione tra ridotti tassi di umidità e maggior numero di nuovi casi.

“La sindrome COVID-19 – spiega l’autore del lavoro Michael Ward – è probabilmente destinata a divenire una malattia regionale che ricorre in periodi di bassa umidità”.

Nei paesi dell’emisfero Nord, continua Ward, in aree con bassa umidità o durante periodi in cui l’umidità cala, potrebbe esserci un rischio anche durante i mesi estivi. “Quindi la vigilanza va mantenuta”, afferma.

Ci sono vari motivi per cui il tasso di umidità incide sulla trasmissione del virus, spiega l’esperto: quando c’è poca umidità e l’aria è secca, per esempio, l’aerosol (droplet) dovuto a uno starnuto o a un colpo di tosse, resta più a lungo sospeso e il rischio infezione aumenta. Secondo gli esperti australiani lo studio va ripetuto in altri paesi e in diversi periodi dell’anno per verificare come incide l’umidità sul rischio di trasmissione virale.

Hits: 283

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.