2431 I diritti pensionistici delle donne nell'Europa che sta cambiando

20061114 21:38:00 webmaster

Quali futuri diritti si prospettano per la metà della popolazione europea?

Nell’Unione europea, le donne vivono in media 6 anni più degli uomini. Tuttavia, per una serie di ragioni, sociali e culturali soprattutto, la loro partecipazione alla vita professionale attiva è generalmente meno intensa, più breve e mal retribuita rispetto a quella degli uomini, con ovvie conseguenze dirette per quanto riguarda la maturazione di propri diritti pensionistici futuri.

Ecco alcuni esempi:

– il 33% delle lavoratrici europee sono occupate a tempo parziale, per gli uomini questo accade soltanto nel 7% dei casi;

– il 67,9% dei quadri dirigenti europei sono uomini e solo il 32,1% donne;

– il salario medio delle donne europee è del 15% inferiore a quello degli uomini.

E questo, nonostante il fatto che le donne dispongano in media di titoli di studio più elevati degli uomini.

Queste sostanziali differenze di percorso tra le donne e gli uomini si riflettono, in termini economici, sulle pensioni di oggi e di domani e costituiscono un segnale d’allarme importante quanto all’impatto delle attuali e future politiche pensionistiche sulla condizione di parità economica e sociale tra i due sessi.

Carlo Caldarini
Osservatorio INCA CGIL per le politiche sociali in Europa
osservatorio@osservatorioinca.org

wwwosservatorioinca.org

 

 

2431-i-diritti-pensionistici-delle-donne-nelleuropa-che-sta-cambiando

3207

2006-1

Views: 25

AIUTACI AD INFORMARE I CITTADINI EMIGRATI E IMMIGRATI

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.